Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

 Beethoven era per un sedicesimo nero

Mostra risultati da 1 a 1 di 1

Discussione: Gordimer, Nadine - Beethoven era per un sedicesimo nero

  1. #1
    Senior Member
    Data registrazione
    Feb 2011
    Località
    Firenze
    Messaggi
    957
    Thanks Thanks Given 
    56
    Thanks Thanks Received 
    84
    Thanked in
    63 Posts

    Predefinito Gordimer, Nadine - Beethoven era per un sedicesimo nero

    Il mio commento al libro potrebbe riassumersi in una frase: va beh, non l'ho capito.
    E' il primo libro che leggo della Gordimer. Si tratta di tredici racconti, apparsi in vari tempi su varie riviste, abbastanza eterogenei fra loro, tranne gli ultimi tre che sono legati da un filo conduttore ben definito: tre racconti per i tre sensi umani, vista, udito e olfatto, e per tre storie di tradimento coniugale scoperto attraverso questi sensi.
    Sinceramente nessun racconto mi ha veramente colpito, mi ha entusiasmato o coinvolto, mi hanno lasciato tutti stupita per la mancanza di una qualsiasi risonanza nella mia anima.
    Mi ha colpito moltissimo lo stile, molto particolare, ma anche molto faticoso, per me inutilmente faticoso, sì originale, non banale, ma perchè? Perchè questo stile così poco scorrevole? per aggiungere cosa alla narrazione?
    Ho riconosciuto in tutti i racconti un'originalità particolare, sia nel contenuto che nello stile, ho avvertito il senso di estraniamento che proviene dall'essere di fronte ad una narrativa che nasce da un contesto e da una cultura che mi è estranea, quella sudafricana, che conosco poco, ma tutto mi ha lasciato un senso di incompletezza e di pochezza. Come un appuntamento tanto atteso con qualcuno che non vedi l'ora di conoscere e che poi si rivela deludente perchè insipidamente piacevole.
    Non so se mi fermerò o tenterò con qualcos'altro dell'autrice, il primo incontro mi ha incuriosito ma solo perchè mi ha lasciato con la sensazione che no, non può essere tutto qui.

    Francesca

  2. 1.5 ADS
    ADV Bot
    Esperto banner
    Data registrazione
    Da Sempre


Discussioni simili

  1. Gordimer, Nadine - La figlia di Burger
    Da fernycip nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 07-30-2011, 09:59 AM
  2. Gordimer, Nadine - Luglio
    Da Vesper nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 05-22-2009, 05:57 PM
  3. Gordimer, Nadine - Occasione d'amore
    Da elena nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 04-12-2008, 06:37 PM
  4. Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 03-25-2008, 02:23 PM
  5. Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 09-28-2007, 06:54 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •