"Una giovane studentessa viene assassinata nella foresta di Bainem, alle porte di Algeri. È «nuda dalla testa ai piedi. E bella come solo una fata fuggita dalla tela di un artista […]. Mirabilmente truccata, con i capelli costellati di pagliuzze luccicanti, si direbbe che la tragedia l’abbia colta di sorpresa nel bel mezzo di un banchetto nuziale». Intorno a lei il mondo, la città, si risveglia. Invece, «la Bella Addormentata ha chiuso con le favole. Ha smesso di credere al principe azzurro. Nessun bacio potrà resuscitarla».
A dirigere l’inchiesta è chiamata Nora Bilal, una donna onesta e combattiva, che ha scelto di ignorare il pericolo che si corre in una società governata da squali e predatori, assetati di potere. Nora si trova ad affrontare uno degli «intoccabili» che controllano l’Algeria di oggi in ogni settore, figure di potere che mai vengono menzionate ma che tutti conoscono."

Un noir sorprendente per complessità e spietato per lucidità, che mette sotto accusa una società che perso ogni valore e che attraverso la corruzione e la perversione tiene in scacco milioni di cittadini e una nazione ricca ma senza speranza. E' un giallo che avvince, che mostra alcuni punti deboli ma una quantità di punti di forza esorbitanti tanto da tenerti incollata alle sue pagine fino all'ultimo rigo