Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

 Assassini dei giorni di festa

Mostra risultati da 1 a 1 di 1

Discussione: Denevi, Marco - Assassini dei giorni di festa

  1. #1
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2010
    Località
    Kanyakumari
    Messaggi
    2276
    Thanks Thanks Given 
    4
    Thanks Thanks Received 
    15
    Thanked in
    14 Posts

    Predefinito Denevi, Marco - Assassini dei giorni di festa

    "Anni sono trascorsi dopo di allora e continuiamo ancora a vivere qui nella casa di calle Arenales, continuiamo ancora a conservare la collezione di anticaglie e una santa nella segreta cella. Ma qualcosa non andò come l'avevamo architettata". "Assassini dei giorni di festa" (che significa, per ragioni che si scopriranno, non coloro i quali uccidono nei giorni di festa, ma che uccidono i giorni di festa) è una storia grottesca, ironica, nera opaca, con punte di vera necrofilia, e che si muove in un crescendo di tutti i suoi toni.


    I personaggi sono sei fratelli di ambo i sessi la cui naturale tendenza al "nero" prescritto dalla scuola di Buenos Aires si esplica nell'abitudine (pare che siano tutti emeriti fannulloni) di frequentare le veglie funebri della buona società bairese.
    Il libro è raccontato in prima persona ma non si sa chi dei fratelli parli in realtà... e questa cosa mi ha un po' infastidito e un po' mi è piaciuta, come tutto il libro del resto...
    Il senso di questo libro sembra concentrarsi in questa citazione (finta a quanto pare) riportata nel finale: "I cuori privi d'amore diventano crudeli, avidi e feroci come soldati stranieri in una città vinta. Si abbandonano al saccheggio e al massacro degli altri cuori, e trasformano i giorni di festa in notti di lutto" (di qui il titolo, in cui i giorni di festa sono un genitivo oggettivo e non un complemento di tempo).
    direi che alla fine lo consiglio, ma mi piacerebbe un confronto perché mi ha lasciato un po' perplessa

  2. 1.5 ADS
    ADV Bot
    Esperto banner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre


Discussioni simili

  1. Ferreri, Marco - Break Up-L'uomo dei cinque palloni
    Da elisa nel forum Piccola cineteca
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 08-06-2013, 08:09 PM
  2. Vian, Boris - La Schiuma dei giorni
    Da Darkay nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 7
    Ultimo messaggio: 09-26-2011, 09:05 AM
  3. De Bello, John - Il ritorno dei pomodori assassini
    Da Shoofly nel forum Piccola cineteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 03-24-2011, 05:46 PM
  4. Travaglio, Marco - L'odore dei soldi
    Da Darkay nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 12-05-2010, 09:46 AM
  5. Allende, Isabel - La somma dei giorni
    Da RosaT. nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 11
    Ultimo messaggio: 06-27-2009, 06:08 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •