E' il romanzo d'esordio di questo scrittore turco (premio Nobel nel 2006) pubblicato nel 1982 ma edito in Italia solo nel 2010 ed è stato anche il primo per me.

Adoro le saghe familiari che narrano le vicende di diverse generazioni e che mi permettono di confrontarmi con più protagonisti anche di culture differenti dalla mia.
La storia è ben articolata, spazia tra i personaggi (io però avrei approfondito un po' di più quelli femminili) e alla fine punta soprattutto sulla storia di uno dei figli di Cevdet e dei suoi due amici ingegneri come lui, ma anche con altri interessi in campi diversi e perennemente alla ricerca della propria identità e del proprio ruolo nel mondo.

L'ho letto all'interno di questo minigruppo
http://www.forumlibri.com/forum/grup...han-pamuk.html