Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

Mostra risultati da 1 a 5 di 5

Discussione: Radiohead - A moon shaped pool

  1. #1
    Senior Member
    Data registrazione
    Sep 2011
    Località
    Sconosciuta
    Messaggi
    2277
    Thanks Thanks Given 
    228
    Thanks Thanks Received 
    165
    Thanked in
    123 Posts

    Predefinito Radiohead - A moon shaped pool

    E' uscito. Sono tornati!!!!! anticipati da due singoli-video semplicemente stupendi!
    Il gioco d'archi a salire di "Burn the witch", il lavoro delicato e commosso di "Daydreaming"....................................c he bellezza!!
    Il CD sarà disponibile sono la prima settimana di giugno, ma intanto qui sotto un estratto della recensione di RoCkol.
    In attesa di sentire tutto il disco.

    Volgere Altrove



    “A moon shaped pool”, questo il titolo del successore di “The king of limbs”, è stato anticipato da due singoli, “Burn the witch” e “Daydreaming”, a cui spetta anche il compito di aprire l’album. Il primo brano mette subito in chiaro quali sono le basi del nuovo corso radioheadiano: mettere in risalto le qualità compositive di Jonny Greenwood, considerato in patria uno dei più importanti compositori di musica contemporanea "colta", nonché autore di diverse colonne sonore. E’ proprio il muro di archi sovrapposti che apre la canzone la firma del musicista anglosassone; archi che si fanno sempre più insistenti, mentre la voce di Yorke si divide tra parlato e falsetti verso un finale in cui montano lentamente quell’angoscia, quel senso di oppressione e rabbia che sono sempre stati il marchio di fabbrica dei Radiohead.
    “Daydreaming” si apre con dei suoni che ricordano le atmosfere di “Kid A”, dall’album omonimo, per poi lasciare spazio ad una canzone “sognante”, ma fatta di un sonno pieno di rimorsi e sensi di colpa: “And it's too late/ The damage is done/ The damage is done”.
    “Desert island disk” è una ballata per voce e chitarra acustica di ispirazione più statunitense che britannica, che farà spargere più di una lacrima ai fan ancorati ai Radiohead “ante Kid A”.
    Ma sarà una breve soddisfazione interrotta da “Ful stop”, dove un basso incessante circondato da organi e synth trasporta il brano in un crescendo in cui la voce di Yorke sembra quasi nascondersi, fino all’esplosione tra falsetti e chitarre: sicuramente una delle perle di questo disco.
    “Glass eyes” è un brano intenso, spazzato da ventate di archi, in cui Thom sembra raccontare una storia molto personale ("Hey it's me/I just got off the train/Frying in place/Her face is a concrete grey"). Mentre “Identikit” si appoggia su un bel giro di basso su cui si inerpicano la voce sdoppiata di Yorke e i synth in un crescendo lisergico di chitarre.
    “The numbers” ricorda da lontano la forma canzone usata per “Paranoid Android”: lì venivano unite diverse canzoni in una, qui troviamo un mash-up di intuizioni musicali tra il pianoforte dalle tinte jazz e le grandi orchestrazioni di Greenwood su cui Yorke canta il suo inno ambientalista: “We call upon the people/ People have this power/ The numbers don't decide/Your system is a lie”.
    La coda di chiusura spetta a tre canzoni molto diverse: “Present tense” è, a suo modo, un brano molto importante perché fa percepire il peso della band che temevamo essere irrimediabilmente smembrata nella estenuante ricerca elettronica. “Tinker tailor soldier sailor rich man poor man beggar man thief” sembra seguire lo stesso spirito finchè non viene travolto dagli archi, che fanno calare una coltre oscura e asfissiante.
    La chiusura spetta ad uno dei brani preferiti dai fan. Una canzone che ha almeno vent’anni, registrata per la prima volta nelle sessioni di “The bends” ma presentata solo dal vivo. Parliamo di “True love waits”, che qui perde la sua storica forma esile ed acustica per un arrangiamento per piano più introspettivo. Quella che era una canzone d’amore, infatti, ora assume una connotazione ancora più malinconica con la voce di Yorke che si rompe nel ricordare una passione finita male, forse proprio quella con la moglie da cui ha divorziato recentemente.

    La forze che hanno portato i Radiohead a un disco sorprendente sono proprio questo tre: un sapore di tristezza per un amore ormai irrimediabilmente perduto, assieme alla rabbia politica e al fervore ambientalista.
    I Radiohead sono stati capaci di portare la forma-canzone in una nuova dimensione, dove non c’è confine tra passato e futuro, tra tradizione e sperimentazione, tra pop/rock e musica contemporanea tout-court. Ci vorranno ancora molti ascolti e molto tempo per dare una valutazione più approfondita di “A moon shaped pool”. E' il miglior album dei Radiohead dai tempi di "Amnesiac"? Forse, ma per ora possiamo solo essere felici per questo importante e tanto atteso ritorno

    TRACKLIST
    Burn the witch.
    Daydreaming
    Decks dark
    Desert island disk
    Ful stop
    Glass eyes
    Identikit
    The numbers
    Present Tense
    Tinker tailor soldier sailor rich man poor man beggar man thief
    True love waits

  2. The Following User Says Thank You to Volgere Altrove For This Useful Post:


  3. #2
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2014
    Località
    piemonte
    Messaggi
    2475
    Thanks Thanks Given 
    131
    Thanks Thanks Received 
    102
    Thanked in
    63 Posts

    Predefinito

    io adoro radiohead!

  4. #3

    Predefinito

    Daydreaming splendida!
    Video particolare, inquietante il finale.
    La loro musica riesce sempre ad emozionarmi.

  5. #4
    Senior Member
    Data registrazione
    Sep 2011
    Località
    Sconosciuta
    Messaggi
    2277
    Thanks Thanks Given 
    228
    Thanks Thanks Received 
    165
    Thanked in
    123 Posts

    Predefinito Qualche giorno fa....

    ..ad Amsterdam dal vivo....:


    https://www.youtube.com/watch?v=xILel0Fcbe0

  6. #5

    Predefinito

    Grazie Volgere Altrove per la recensione! Dall'età della discussione mi rendo conto di quanto tempo è passato dall'uscita e che ancora non l'ho ascoltato tutto (non me lo sono procurato in realtà)! Ma quanto riesco a procrastinare le cose? Studierò come sempre all'ultimo momento prima del concerto, dove devo cantarle tutte, TUTTE.

  7. The Following User Says Thank You to leonela For This Useful Post:


Discussioni simili

  1. Rain, J. R. - Vampire Moon
    Da cla86 nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 07-20-2012, 05:05 PM
  2. Rain, J. R. - Moon Dance
    Da cla86 nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 01-31-2012, 06:47 PM
  3. Pool, Lea - L'altra metà dell'amore
    Da +°Polvere di stelle°+ nel forum Piccola cineteca
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 11-12-2010, 07:25 PM
  4. Weitz, Chris - New Moon
    Da Lauretta nel forum Piccola cineteca
    Risposte: 11
    Ultimo messaggio: 02-03-2010, 03:28 PM
  5. NEW MOON - The Twilight Saga
    Da SaraMichelle nel forum Tutto cinema
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 11-29-2009, 08:20 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •