Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

Mostra risultati da 1 a 10 di 10

Discussione: Come stiamo costruendo un futuro funerario per l'Italia

  1. #1
    Altro Site Admin
    Data registrazione
    Mar 2005
    Località
    Veneto
    Messaggi
    3568
    Inserimenti nel blog
    14
    Thanks Thanks Given 
    83
    Thanks Thanks Received 
    59
    Thanked in
    33 Posts

    Predefinito Come stiamo costruendo un futuro funerario per l'Italia

    I libri e la carta sono stati un mezzo perfetto nella storia. Ora l'economia e lo sviluppo corre #digital.
    Ritengo che affidare il periodo più fertile, creativo, malleabile e "osmotico" del processo di apprendimento di un bambino, nelle mani di un "non digital" sia la strategia perfetta per acceleraree acuire il divario innovativo e tecnologico del "bloccato Belpaese" nei confronti del frenetico e accelerante "resto del mondo".

    Questa chart mi causa dolore! Dobbiamo mettere assieme una formazione che prenda i benefici del processo di formazione classico ai mezzi digital.
    Personalmente ritengo che ai giorni nostri sia il bambino a insegnare come funziona il mondo a un 65 enne.

    Name:  Csiu1Y2WAAAHO4r.jpg
Visite: 64
Dimensione:  87.4 KB

  2. #2
    The black sheep member
    Data registrazione
    Oct 2014
    Località
    Frittole
    Messaggi
    2870
    Inserimenti nel blog
    2
    Thanks Thanks Given 
    477
    Thanks Thanks Received 
    597
    Thanked in
    296 Posts

    Predefinito

    E in questo grafico mancano i paesi cosidetti del terzo mondo. Dove l'educazione sta diventando un fondamento. E dove sono, non i trentenni, ma i ventenni a fare educazione. Con uno spirito e un'abnegazione innati..

  3. #3
    Utente stonato
    Data registrazione
    Aug 2016
    Località
    Fra antiche rovine
    Messaggi
    507
    Thanks Thanks Given 
    81
    Thanks Thanks Received 
    202
    Thanked in
    121 Posts

    Predefinito

    Da studente un po' grandicello, mi permetto di dire che il problema principale della scuola italiana non credo sia l' età degli insegnanti (per quanto sia comunque un problema da porsi). Mi chiedo se questa scuola digital ci permetta veramente di andare avanti e di creare un buon futuro per il nostro paese, anche nel caso in cui sia applicata alla didattica al meglio. Alla fine il digitale si sta rivelando, almeno per quanto riguarda il liceo, dove studio e quindi so (più o meno) di che parlo, una sostituzione di mezzi, non una rivoluzione didattica...

  4. #4
    Senior Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    La Spezia
    Messaggi
    5738
    Thanks Thanks Given 
    1119
    Thanks Thanks Received 
    379
    Thanked in
    229 Posts

    Predefinito

    Mia nipote ha cominciato la suola mercoledì, prima elementare...sono contenta che le maestre siano tutte giovanissime e la scuola è una scuola digitale, l'unica in città, non ci sono libri...mah, vedremo..io intanto già le ho preso Pinocchio, Il piccolo principe, L'isola del tesoro...mi sono capitati a 2 euro l'uno ad un mercatino

  5. #5
    Altro Site Admin
    Data registrazione
    Mar 2005
    Località
    Veneto
    Messaggi
    3568
    Inserimenti nel blog
    14
    Thanks Thanks Given 
    83
    Thanks Thanks Received 
    59
    Thanked in
    33 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Marzati Vedi messaggio
    dove studio e quindi so (più o meno) di che parlo, una sostituzione di mezzi, non una rivoluzione didattica...
    Insegnanti old, se non anagraficamente, nell'approccio.
    La tecnologia digitale può ACCELERARE il processo di formazione e permette di attivare meccanismi di formazione del sapere analitico e critico finora inimmaginabili.

    Purtroppo gli insegnati che potrebbero fare questo saranno precari o camerieri in qualche bar, mentre l'insegnante inadeguato è probabilmente di ruolo e insegnerà con l'approccio "meno faccio meglio sto".

  6. #6
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2011
    Località
    Asia
    Messaggi
    1383
    Thanks Thanks Given 
    73
    Thanks Thanks Received 
    129
    Thanked in
    55 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Fabio Vedi messaggio

    Purtroppo gli insegnati che potrebbero fare questo saranno precari o camerieri in qualche bar, mentre l'insegnante inadeguato è probabilmente di ruolo e insegnerà con l'approccio "meno faccio meglio sto".
    Conosco personalmente in Italia, un insegnante di ruolo che insegna sguazzando nella propria ignoranza.. tanto chi la licenzia ?

    Meno fa e meglio sta.
    Sfrutta tutti i giorni di malattia possibili e immaginabili, profondamente razzista nei confronti degli allievi stranieri, non conosce una sola parola di inglese, non sa usare un computer, insegna ai bambini che Daniel Pennac è un filosofo e che il Taj Mahal si trova in Pakistan....
    Come possono imparare dei bambini da un personaggio del genere?
    Perchè nessuno verifica le reali capacità di chi dovrà insegnare ?
    A fine anno scolastico sarebbero necessarie le pagelle anche per gli insegnanti, integrate dai voti dei propri studenti per verificare la preparazione dell'insegnante.Questo cambierebbe un pò le cose.

  7. #7
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2009
    Località
    prov. di Milano
    Messaggi
    4325
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    718
    Thanks Thanks Received 
    442
    Thanked in
    298 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Fabio Vedi messaggio
    Insegnanti old, se non anagraficamente, nell'approccio.
    La tecnologia digitale può ACCELERARE il processo di formazione e permette di attivare meccanismi di formazione del sapere analitico e critico finora inimmaginabili.
    ".
    Me lo puoi fare un esempio, please? Così capisco meglio 'sta cosa dell'accelerazione...

  8. #8
    Utente stonato
    Data registrazione
    Aug 2016
    Località
    Fra antiche rovine
    Messaggi
    507
    Thanks Thanks Given 
    81
    Thanks Thanks Received 
    202
    Thanked in
    121 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Fabio Vedi messaggio
    Insegnanti old, se non anagraficamente, nell'approccio.
    La tecnologia digitale può ACCELERARE il processo di formazione e permette di attivare meccanismi di formazione del sapere analitico e critico finora inimmaginabili.

    Purtroppo gli insegnati che potrebbero fare questo saranno precari o camerieri in qualche bar, mentre l'insegnante inadeguato è probabilmente di ruolo e insegnerà con l'approccio "meno faccio meglio sto".
    In parte ti do ragione, certi insegnanti non sono pronti per le novità del digitale, magari non sanno neanche accendere un pc, e per questo non fanno che ostacolare il processo di digitalizzazione.
    Ma attenzione, posso testimoniare che non c'è voglia di fare nulla fra gli insegnanti, anzi, riconosco il loro continuo impegno nell' insegnamento. Ovvio però che ci sono sempre delle eccezioni.
    Detto ciò, il problema non è solo degli insegnanti, mancano le infrastrutture, da noi siamo obbligati ad usare il registro elettronico, anche se ci vogliono 5(non esagero nè scherzo) minuti per accedere far caricare una pagina internet, e due anni fa neanche c' era il wifi.
    Ripeto: io vedo come questa rivoluzione digitale più come una sostituzione di mezzi che come un reale progresso; prima scrivevo coi gessi, ora uso la penna elettronica. I reali vantaggi mi paiono pochi, magari posso avere più informazioni in minor tempo con internet, condividere i libri in un cloud, usare solo il tablet, ma qui si tratta di comodità in più (non da nulla, ne convengo) ma non rivoluzioni. Penso che una rivoluzione sarebbe il riuscire a far apprendere in minor tempo più informazioni, o la memorizzazione istantanea della nozione necessaria (lo so si tratta di utopia, è solo per fare un esempio).
    Forse sarebbe meglio che rendessero agibili le aule inagibili, che ottimizzassero gli orari, tarassero meglio le verifiche con le competenze, diverse, raggiunte nei diversi indirizzi.
    Poi se ci sono vere rinnovazioni offerte dalla scuola digitale, mi aggiungo all' utente sopra di me e ti chiedo quali esse siano, probabile che io non le conosca.
    Altre due cose:
    1. Parli per esperienza? Se insegnante, alunno o hai competenze nel settore?
    2. Leggendo, non puoi cogliere il mio tono e i lineamenti del mio viso, ma sappi che ho scritto tutto ciò nella massima cordialità, curiosità e voglia di confronto, senza voler essere aggressivo o presuntuoso.

  9. #9
    Senior Member
    Data registrazione
    May 2011
    Località
    -Bergamo
    Messaggi
    11874
    Thanks Thanks Given 
    505
    Thanks Thanks Received 
    541
    Thanked in
    265 Posts

    Predefinito

    E' un argomento delicato, com'è delicato il lavoro dell'insegnante, non tutti lo possono svolgere perché non tutti hanno le competenze ma soprattutto LA SENSIBILITA' per aver davanti 20 testoline e plasmare quelle 20 testoline e inculcargli l'amore per lo studio, l'interesse per quello che stanno apprendendo. Il lavoro dell'insegnante è lì....hai detto niente?!
    Io la penso come Zan, non credo sia una questione anagrafica, o almeno non solo, è che gli insegnanti andrebbero aggiornati e "testati" periodicamente per valutare se sono in grado davvero di "tirar fuori qualcosa" dalla classe, il problema in Italia è che molti, troppi, si siedono dietro la cattedra per arrivare al 27 del mese.
    Io ho avuto pessime insegnanti di matematica, quella delle elementari non la sapeva nemmeno lei, alle medie in 3 anni ne abbiamo cambiate 10 tra maternità e malattie varie, alle superiori avevo una scema che portava avanti solo quelli che nei compiti in classe prendevano dall'8 in su e quindi marciavano da soli senza bisogno di troppe spiegazioni; tutti gli altri erano "ignoranti che la matematica non l'avrebbero mai capita". Risultato? Ho sempre detestato la matematica, non mi sono mai applicata per studiarla; probabilmente non sono portata, non avrei mai studiato Fisica all'università ma FORSE, dico FORSE avrei potuto arrivare alla sufficienza (non essendo io stupida o decerebrata come riteneva la mia insegnante) se lei ci avesse messo un pochino di amore e interesse in più.
    Se l'insegnante ha passione per quello che fa non avrà problemi ad aggiornarsi e a "digitalizzare" il suo metodo d'insegnamento o ad adeguarsi ai "supporti" moderni. Ma bisogna volerlo fare. Il problema è tutto lì.

  10. #10
    Senior Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    La Spezia
    Messaggi
    5738
    Thanks Thanks Given 
    1119
    Thanks Thanks Received 
    379
    Thanked in
    229 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da ila78 Vedi messaggio
    E' un argomento delicato, com'è delicato il lavoro dell'insegnante, non tutti lo possono svolgere perché non tutti hanno le competenze ma soprattutto LA SENSIBILITA' per aver davanti 20 testoline e plasmare quelle 20 testoline e inculcargli l'amore per lo studio, l'interesse per quello che stanno apprendendo. Il lavoro dell'insegnante è lì....hai detto niente?!
    Io la penso come Zan, non credo sia una questione anagrafica, o almeno non solo, è che gli insegnanti andrebbero aggiornati e "testati" periodicamente per valutare se sono in grado davvero di "tirar fuori qualcosa" dalla classe, il problema in Italia è che molti, troppi, si siedono dietro la cattedra per arrivare al 27 del mese.
    Io ho avuto pessime insegnanti di matematica, quella delle elementari non la sapeva nemmeno lei, alle medie in 3 anni ne abbiamo cambiate 10 tra maternità e malattie varie, alle superiori avevo una scema che portava avanti solo quelli che nei compiti in classe prendevano dall'8 in su e quindi marciavano da soli senza bisogno di troppe spiegazioni; tutti gli altri erano "ignoranti che la matematica non l'avrebbero mai capita". Risultato? Ho sempre detestato la matematica, non mi sono mai applicata per studiarla; probabilmente non sono portata, non avrei mai studiato Fisica all'università ma FORSE, dico FORSE avrei potuto arrivare alla sufficienza (non essendo io stupida o decerebrata come riteneva la mia insegnante) se lei ci avesse messo un pochino di amore e interesse in più.
    Se l'insegnante ha passione per quello che fa non avrà problemi ad aggiornarsi e a "digitalizzare" il suo metodo d'insegnamento o ad adeguarsi ai "supporti" moderni. Ma bisogna volerlo fare. Il problema è tutto lì.
    Non è un caso che anch'io in tanti anni di scuola, e tante insegnanti ne ricordi solo una che riusciva a carpire l'attenzione, la curiosità, il piacere di ascoltarla...era l'insegnante di italiano-storia-epica, a distanza di 40 anni mi ricordo ancora le inflessioni della sua voce quando leggeva Omero ...tutti gli altri...anonimi.

Discussioni simili

  1. Per scambiare pareri sulle serie tv che stiamo seguendo (o abbiamo seguito)
    Da Minerva6 nel forum Telefilm (e sulla loro dipendenza)
    Risposte: 280
    Ultimo messaggio: 04-14-2017, 08:09 PM
  2. l'Italia che mi piace
    Da rossala nel forum Tutto Bellezza e tutto Cultura
    Risposte: 12
    Ultimo messaggio: 10-01-2016, 01:10 PM
  3. Viva l'Italia
    Da julia nel forum Amici
    Risposte: 134
    Ultimo messaggio: 12-20-2010, 02:53 PM
  4. Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 05-06-2010, 09:29 PM
  5. Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 09-25-2008, 06:12 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •