Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

 Frantz

Mostra risultati da 1 a 5 di 5

Discussione: Ozon, Francois - Frantz

  1. #1

    Predefinito Ozon, Francois - Frantz

    Germania, 1919. Una giovane donna si raccoglie ogni giorno sulla tomba del fidanzato caduto al fronte. La sua routine è rotta dall'incontro con Adrien, soldato francese sopravvissuto all'orrore delle trincee. La presenza silenziosa e commossa del ragazzo colpisce Anna che lo accoglie e solleva di nuovo il suo sguardo sul mondo. Adrien si rivela vecchio amico di Frantz, conosciuto a Parigi e frequentato tra musei e Café. Entrato in seno alla famiglia dell'uomo, diventa proiezione e conforto per i suoi genitori che assecondano la simpatia di Anna per Adrien. Ma il mondo fuori non ha guarito le ferite e si oppone a quel sentimento insorgente. Adrien, schiacciato dal rancore collettivo e da un rimorso che cova nel profondo, si confessa con Anna e rientra in Francia. Spetta a lei decidere cosa fare di quella rivelazione.
    Visto in lingua originale nella lodevole iniziativa di riproposta a Milano dei film di Venezia e Locarno.Premetto che Ozon è un regista che mi piace molto,sempre pronto a mettersi in gioco,cambiando sempre stile e modalità di narrazione.In questo caso riprende una storia già raccontata da Lubitsch,ampliandola e rendendola ancora più ambigua.Girato in uno splendido bianco e nero,con attori eccellenti,l'attrice è stata giustamente premiata in laguna,risulta tra i più interessanti visti in biennale.

  2. #2
    Senior Member
    Data registrazione
    Sep 2011
    Località
    Sconosciuta
    Messaggi
    2379
    Thanks Thanks Given 
    295
    Thanks Thanks Received 
    230
    Thanked in
    165 Posts

    Predefinito Ozon, Fracis - Frantz

    Frantz è un flim sull'orrrore della guerra, senza che la guerra appaia mai. Giocato in un elegante bianco e nero, con alcuni saltuari ed emotivi squarci di colore, si aggira per la germania e la francia degli anni post-grande guerra (e la scrittura, ho saputo poi, è degli anni 30), tessendo una storia d'amore toccante, fatta di contraddizioni e dolori. Come sappiamo tutti (vivendo per altro in questo nostro periodo) lo struggente suono del violino non puo' nulla contro la guerra, ma evoca ugualmente bellezza e armonia, cosi come un quadro di Monet conservato al Louvre (e su cui tanta parte del film giocherà le sue contraddizioni)-per quanto solo alla fine ne ne scorgeranno le implicazioni.
    Si, mi è piaciuto. E' delicato e gentile, e i drammi emotivi son evocati con dolente compostezza.
    Nulla a che vedere con il cinema che abitualmente abbiamo nelle sale.

    Volgere Altrove

  3. #3
    Senior Member
    Data registrazione
    Sep 2011
    Località
    Sconosciuta
    Messaggi
    2379
    Thanks Thanks Given 
    295
    Thanks Thanks Received 
    230
    Thanked in
    165 Posts

    Predefinito

    Sorry UNKA. Non mi ero accorto che lo avevi già presentato, e ho fatto un doppione. Poi le ns. MOD han risolto la cosa-grazie!
    Sorry.

    V.A.

  4. #4

    Predefinito

    Nema problema VA,tanto le nostre mod sono di grande efficienza.

  5. #5
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Udine
    Messaggi
    18998
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    246
    Thanks Thanks Received 
    733
    Thanked in
    454 Posts

    Predefinito

    Film giocato fortemente sull'ambiguità e la menzogna, nulla è come appare, girato prevalentemente in bianco e nero, a volte si anima di colore così come fa Reitz in Heimat. Soffuso, calligrafico, profondo, freddo, crogiuolo di citazioni cinematografiche, ha dei momenti di vera poesia alternati al melodramma, sicuramente un film girato ed interpretato con molta cura. Spicca su tutti la protagonista, Paula Beer, dolce e determinata, che ricorda nel tratto la nostra Ottavia Piccolo, di cui riproduce la stessa levità.

Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. Ozon, François - 8 donne e un mistero
    Da ayla nel forum Piccola cineteca
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 01-20-2016, 02:21 PM
  2. Ozon, François - Nella casa
    Da brenin nel forum Piccola cineteca
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 08-05-2015, 07:47 PM
  3. Ozon, Francois - Potiche - La bella statuina
    Da elisa nel forum Piccola cineteca
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 02-18-2015, 06:35 PM
  4. Ozon, François - Potiche - La bella statuina
    Da +°Polvere di stelle°+ nel forum Piccola cineteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 03-22-2013, 11:06 AM
  5. Ozon, François - Ricky
    Da femina sapiens nel forum Piccola cineteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 02-09-2013, 05:21 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •