Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

Pagina 2 di 4 PrimoPrimo 1234 UltimoUltimo
Mostra risultati da 16 a 30 di 47

Discussione: 27° Poeticforum - Le poesie che amiamo

  1. #16
    Lunatic Mod
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    Sardegna
    Messaggi
    10413
    Thanks Thanks Given 
    484
    Thanks Thanks Received 
    496
    Thanked in
    350 Posts

    Predefinito

    Inserisco la seconda poesia del Poeticforum

    Sola non posso essere
    poichè schiere mi visitano
    compagnia senza traccia
    che elude chiavi

    Non hanno vesti,nè nomi
    non almanacchi,nè armi
    ma case diffuse come gnomi

    Il loro venire è annunciato
    da messaggeri interiori
    Il loro andare non lo è
    poichè non vanno mai

    Emily Dickinson

  2. #17
    Senior Member
    Data registrazione
    Mar 2009
    Località
    Ucraina Kiev
    Messaggi
    596
    Thanks Thanks Given 
    51
    Thanks Thanks Received 
    96
    Thanked in
    51 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Marzati Vedi messaggio
    A me questa piccola frase piace... per il tempo che mi ha costretto a spendere per tentare di interpretarla.
    Scusate, sono in ritardo, imparavo wordpress e opencart .


    Dal bellissimo commento di Marzati voglio sottolineare queste parole.
    Proprio per questo mi piacciono piccole frasi, che emozionano il cuore, risvegliano i ricordi, la fantasia, la nostalgia.

    Per esempio nella poesia Agosto di B.Pasternak c'è una frase:

    Come promesso, mantenendo la parola,
    il sole è entrato di primissima mattina
    con una obliqua striscia zafferano
    dalla tendina giù fino al divano.

    Ha tinteggiato di ocra caldo
    il bosco, le case del villaggio,
    l’umido cuscino del mio letto
    e l’orlo del muro dietro lo scaffale.

    Allora mi è venuta in mente la ragione
    di quella traccia di umido sul mio cuscino.

    A darmi, in sogno, l’estremo addio,
    in corteo mi seguivate dentro il bosco.
    .................................................. ..
    .................................................. ..



    Allora mi è venuta in mente la ragione
    di quella traccia di umido sul mio cuscino.

    In questa frase sono tutti i miei lacrime per un amore non corrisposto.

    Un’altra frase bellissima da Corpo nudo di Ghiannis Ritsos
    Ora da che parte dell’orizzonte
    sventolano i tuoi capelli?

    Soltanto il poeta possa così ben interpretare le parole semplici dove sei, come stai ? mio amico, mio amore, penso a te e ricordo di te.

  3. #18
    Lunatic Mod
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    Sardegna
    Messaggi
    10413
    Thanks Thanks Given 
    484
    Thanks Thanks Received 
    496
    Thanked in
    350 Posts

    Predefinito

    Bellissimo il tuo commento e bellissima la poesia di Pasternak...

    Emily Dickinson:
    Chi sono questi fantasmagorici compagni di viaggio e di vita della poetessa? Sono i ricordi? Sono le persone che hanno fatto parte della sua vita e ora, vicine o lontane, vivono dentro di lei? Sono altre facce di una personalità multipla? Spiriti?
    Pensieri "che eludono chiavi", entrando di prepotenza, disturbandola? O, talvolta, dandole sollievo?
    Forse sono tutte queste cose insieme, tutto ciò che compone il nostro mondo, presente e passato, il nostro vissuto che prende forma e vive dentro di noi senza mai lasciarci, a volte turbandoci ma facendo sì che non siamo mai soli, per fortuna o purtroppo.

  4. #19
    Utente stonato
    Data registrazione
    Aug 2016
    Località
    Fra antiche rovine
    Messaggi
    507
    Thanks Thanks Given 
    81
    Thanks Thanks Received 
    202
    Thanked in
    121 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da alessandra Vedi messaggio
    Inserisco la seconda poesia del Poeticforum

    Sola non posso essere
    poichè schiere mi visitano
    compagnia senza traccia
    che elude chiavi

    Non hanno vesti,nè nomi
    non almanacchi,nè armi
    ma case diffuse come gnomi

    Il loro venire è annunciato
    da messaggeri interiori
    Il loro andare non lo è
    poichè non vanno mai

    Emily Dickinson
    Poesia che m'ha fatto penare non poco. Di cosa parla? Non lo so, come suggerisce Alessandra forse di molte cose, dei ricordi, del passato, dei vecchi amici, delle sensazioni che mai ci abbandonano, che sono sempre con noi, nel bene e nel male. Bellissima l' atmosfera da "dialogo interiore", spunto di riflessione il fatto che il loro arrivo è preannunciato, ma inevitabile, inarrestabile. La Dickinson credo ci abbia azzeccato: noi non siamo solo noi, ma tante cose, siamo le tante persone che abbiamo incotrato, le tante emozioni vissute, e noi saremo sempre, per sempre, queste cose.

  5. #20
    Lunatic Mod
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    Sardegna
    Messaggi
    10413
    Thanks Thanks Given 
    484
    Thanks Thanks Received 
    496
    Thanked in
    350 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da shvets olga Vedi messaggio
    Ecco a voi la terza proposta

    La sonata al chiaro di luna

    Ghiannis Ritsos


    (Sera primaverile. Grande stanza di una vecchia casa. Una donna anziana, vestita di nero, parla a un giovane. Non hanno acceso la luce. Dalle due finestre entra un implacabile chiaro di luna. Ho dimenticato di dire che la Donna in Nero ha pubblicato due o tre interessanti raccolte di versi di ispirazione religiosa. Dunque, la Donna in Nero parla al Giovane):



    Lasciami venire con te. Che luna stasera!
    La luna è buona – non si vedrà
    che si sono imbiancati i miei capelli. La luna
    me li farà di nuovo biondi. Non te ne accorgerai.
    Lasciami venire con te.

    Con la luna ingrandiscono le ombre nella casa,
    mani invisibili tirano le tende,
    un dito pallido scrive sulla polvere del piano
    parole dimenticate – non le voglio sentire. Taci.

    Lasciami venire con te
    poco piú avanti, fino al recinto del mattonificio,
    fin dove la strada svolta e appare
    la città d’aria e di cemento, calcinata dal chiaro di luna,
    cosí indifferente e immateriale
    cosí positiva, quasi metafisica,
    che puoi finalmente credere che esisti e non esisti
    che non sei mai esistito, non è esistito il tempo con la sua rovina.
    Lasciami venire con te.

    Ci sederemo un poco sul muretto, sull’altura,
    rinfrescandoci al vento di primavera
    forse immagineremo pure di volare,
    perché spesso, e perfino ora, sento il fruscío della mia veste
    che pare il battito di due ali forti,
    e quando ti chiudi in questo rumore del volo
    senti tendersi il collo, i fianchi, la tua carne,
    e cosí stretto nei muscoli del vento azzurro,
    nei nervi robusti dell’altezza,
    non ha importanza che tu parta o torni
    né conta che i miei capelli siano bianchi
    (non è questo che mi dà pena – mi dà pena
    che non mi s’imbianchi anche il cuore).
    Lasciami venire con te.

    Lo so, ciascuno cammina solo verso l’amore,
    solo verso la gloria e la morte.
    Lo so. L’ho provato. Non giova a niente.
    Lasciami venire con te.

    Questa casa è abitata dai fantasmi, mi scaccia –
    voglio dire ch’è invecchiata molto, i chiodi si staccano,
    i quadri è come se si tuffassero nel vuoto,
    gli intonaci cadono in silenzio
    come il cappello del morto cade dall’attaccapanni nel corridoio scuro
    come il guanto di lana consunto cade dalle ginocchia del silenzio
    o come una striscia di luna cade sulla vecchia poltrona sventrata.

    Un tempo era giovane anche lei – non la foto che guardi con tanta diffidenza,
    parlo della poltrona, cosí riposante, potevi sedertici per ore
    e a occhi chiusi sognare a tuo piacimento
    – un arenile umido e liscio, lucido per la luna,
    piú lucido delle mie vecchie scarpe di coppale che ogni mese porto dal lustrascarpe qui all’angolo,
    o della vela di un pescatore che si perde sul fondo cullata dal proprio respiro,
    una vela triangolare come un fazzoletto piegato di traverso
    come se non avesse nulla da chiudere o da contenere
    o da salutare sventolando. Ho sempre avuto la mania dei fazzoletti,
    non per tenervi ripiegato qualcosa,
    certi semi di fiori o camomilla raccolti nei campi verso sera,
    né farvi quattro nodi, come il berretto degli operai del cantiere di fronte,
    o per asciugarmi gli occhi – ho conservato buona la vista;
    non ho mai portato gli occhiali. Una semplice stravaganza i fazzoletti.

    Adesso li piego in quattro, in otto, in sedici
    per tenere occupate le dita. E ora mi ricordo
    che ritmavo cosí la musica quando andavo al Conservatorio
    col grembiule blu, il colletto bianco e due trecce bionde
    – 8, 16, 32, 64 –
    per mano a un’amichetta-pesco tutta luce e fiori rosa,
    (perdona queste parole – una cattiva abitudine) – 32, 64 – e i miei riponevano
    grandi speranze nel mio talento musicale. Dunque, dicevo, la poltrona –
    sventrata – si vedono le molle arrugginite, la paglia –
    pensavo di portarla dal mobiliere qui accanto,
    ma chi ha il tempo, la voglia, i soldi – che cosa riparare per prima? –
    pensavo di buttarci su un lenzuolo – ho avuto paura
    del lenzuolo bianco con questo chiaro di luna. Qui si sono sedute
    persone che hanno sognato grandi sogni, come te, e come me del resto,
    e che ora riposano sottoterra senza che la pioggia o la luna li disturbi.
    Lasciami venire con te.

    Ci fermeremo un po’ in cima alla scala di marmo di San Nicola,
    poi tu scenderai e io tornerò indietro
    avendo sul fianco sinistro il calore del contatto casuale con la tua giacca,
    alcuni riquadri di luce delle piccole finestre del quartiere
    e questo fiato bianchissimo della luna che sembra un grande corteo di cigni d’argento –
    non ho paura di questa frase, perché io
    molte notti di primavera, un tempo, ho dialogato con Dio, che mi è apparso
    nel manto di caligine e di gloria di un chiaro di luna come questo,
    e molti giovani, piú belli anche di te, gli ho sacrificato,
    svaporando cosí, bianca e inaccessibile nella mia fiamma bianca, nel biancore del chiaro di luna,
    incendiata dagli sguardi voraci degli uomini e dall’estasi incerta degli adolescenti,
    assediata da stupendi corpi abbronzati,
    da membra robuste addestrate nel nuoto, nei remi, nell’atletica, nel calcio (che fingevo di non vedere)
    da fronti, labbra, colli, ginocchia, dita e occhi
    toraci, braccia, cosce (e davvero non li vedevo)
    – sai, certe volte, ammirando, dimentichi quel che ammiri, ti basta l’ammirazione –
    dio mio, che occhi pieni di stelle, e mi elevavo in un’apoteosi di stelle rifiutate
    perché, cosí assediata, da dentro e fuori,
    non mi restava altra via che verso l’alto o il basso. – No, non basta.
    Lasciami venire con te.

    Lo so che ormai si è fatto tardi. Lasciami,
    poiché per tanti anni, giorni e notti e meriggi purpurei, sono rimasta sola,
    irriducibile, immacolata e sola,
    perfino nel mio letto nuziale immacolata e sola,
    scrivendo versi gloriosi sulle ginocchia di Dio,
    versi che, ti assicuro, resteranno come scolpiti su un marmo irreprensibile
    oltre la mia vita e la tua, molto oltre. Non basta.
    Lasciami venire con te.

    Non fa piú per me questa casa.
    Non sopporto di portarla sulle spalle.
    Devi sempre badare a questo e a quello,
    a puntellare il muro con la grande credenza
    a puntellare la credenza con l’antichissimo tavolo intagliato
    a puntellare il tavolo con le sedie
    a puntellare le sedie con le mani
    a sostenere con la spalla la trave che ha ceduto.
    E il piano, chiuso come un feretro nero. Non osi aprirlo.
    Badare sempre a questo e a quello, che non cada, a non cadere tu. Non ce la faccio.
    Lasciami venire con te.

    Questa casa, pur con tutti i suoi morti, non vuol saperne di morire.
    Si ostina a vivere con i suoi morti
    a vivere dei suoi morti
    a vivere della certezza della sua morte
    perfino a sistemare i suoi morti su letti e mensole pericolanti.
    Lasciami venire con te.

    Qui, per quanto piano io cammini nel fiato della sera,
    in pantofole o scalza,
    qualcosa scricchiola – s’incrina un vetro o uno specchio,
    si odono passi – non sono i miei.
    Fuori, per strada, può darsi che non si odano questi passi –
    il pentimento, dicono, porta scarpe di legno –
    e se fai per guardare in questo specchio o in quello,
    dietro la polvere e le incrinature,
    scorgi piú opaco e frantumato il tuo viso,
    il tuo viso: non chiedesti altro alla vita che di conservarlo integro e puro.

    L’orlo del bicchiere riluce al chiaro di luna
    come un rasoio circolare – come portarlo alle labbra,
    pur cosí assetata? – Come? – Vedi?
    Ho ancora voglia di similitudini, – mi è rimasto questo,
    questo mi rassicura ancora che ci sono.
    Lasciami venire con te.

    A volte, quando fa sera, ho la sensazione
    che fuori dalle finestre passi l’ambulante con la sua vecchia orsa pesante
    dal pelo pieno di lappole e di spine
    sollevando polvere sulla strada del quartiere
    una nube solitaria di polvere che incensa il crepuscolo,
    e i bambini sono tornati alle loro case per la cena e non li lasciano piú uscire
    benché dietro i muri loro indovinino i passi della vecchia orsa –
    e l’orsa stanca incede nella saggezza della sua solitudine, senza un dove e un perché –
    si è appesantita, non riesce piú a ballare sulle zampe posteriori
    non riesce a portare la cuffia merlettata per far divertire i bambini, gli sfaccendati, gli esigenti,
    vuole solo stendersi a terra
    lasciando che le calpestino il ventre, giocando cosí il suo ultimo gioco,
    mostrando la sua tremenda forza di rinuncia,
    la sua disobbedienza agli interessi altrui, agli anelli nelle labbra, alla necessità dei denti,
    la sua disobbedienza al dolore e alla vita
    con l’alleanza certa della morte – foss’anche di una morte lenta –
    la sua estrema disobbedienza alla morte con la continuità e la cognizione della vita
    che con la conoscenza e l’azione sale al di sopra della sua schiavitú.

    Ma chi può giocare fino alla fine questo gioco?
    E l’orsa si rialza e cammina
    obbediente al suo laccio, agli anelli, ai denti,
    sorridendo con le labbra lacere alle monete dei bambini belli e privi di sospetto
    (belli proprio perché privi di sospetto)
    e dicendo grazie. Perché gli orsi invecchiati
    hanno solo imparato a dire: grazie, grazie.
    Lasciami venire con te.

    Questa casa mi soffoca. Anzi la cucina
    è come il fondo del mare. I bricchi appesi brillano
    come grossi occhi tondi di incredibili pesci,
    i piatti si muovono lenti come meduse,
    alghe e conchiglie mi si impigliano tra i capelli – non riesco piú a staccarle,
    non riesco a risalire in superficie –
    il vassoio mi cade di mano senza rumore – mi accascio
    vedo salire, salire le bolle del mio respiro,
    tento di svagarmi guardandole
    e mi chiedo cosa direbbe chi dall’alto vedesse queste bolle,
    forse che qualcuno annega, o che un sommozzatore esplora gli abissi?

    E davvero, non di rado scopro lí, nel fondo dove annego,
    coralli e perle e tesori di navi naufragate,
    incontri imprevedibili, di ieri, di oggi e del futuro,
    quasi una conferma di eternità,
    un certo sollievo, un certo sorriso d’immortalità, come si dice,
    una felicità, un’ebbrezza, perfino un entusiasmo,
    coralli, perle e zaffiri;
    solo che non so donarli – no, li dono;
    solo che non so se loro possono prenderli – comunque io li dono.
    Lasciami venire con te.

    Un momento, che prendo la maglia.
    Con questo tempo instabile, per quanto, dobbiamo premunirci.
    C’è umidità la sera, e la luna
    non ti pare, davvero, che faccia aumentare il fresco?

    Lascia che ti abbottoni la camicia – che petto forte hai,
    – che luna forte – la poltrona, dico – e quando sollevo la tazzina dal tavolo
    resta sotto un foro di silenzio, ci metto subito la mano
    per non guardare dentro – rimetto a posto la tazzina;
    anche la luna è un foro nel cranio del mondo – non guardarci dentro,
    è una forza magnetica che attira – non guardare, non guardate,
    date retta a quello che vi dico – ci cadrete dentro. Questa bella vertigine,
    leggera – attento, cadi –
    è un pozzo di marmo la luna,
    si muovono ombre, ali mute, voci misteriose – non le udite?

    Profonda la caduta,
    profonda la risalita,
    l’aerea statua tesa tra le sue ali aperte,
    profonda la carità implacabile del silenzio –
    luci tremule sull’altra riva, mentre oscilli sulla tua stessa fionda,
    respiro dell’oceano. Leggerissima, bella
    questa vertigine – sta’ attento che cadi. Non guardare me,
    il mio posto è l’oscillazione – la stupenda vertigine. Cosí ogni sera
    ho un po’ di mal di testa, certi capogiri.

    Spesso faccio un salto alla farmacia di fronte per qualche aspirina,
    a volte non mi va e resto con il mal di testa
    a sentire il rumore sordo dei tubi dell’acqua dentro i muri,
    o mi faccio un caffè; sempre distratta
    e smemorata, ne preparo due – chi berrà il secondo? –
    buffo davvero, lo lascio sul davanzale a raffreddarsi,
    o a volte bevo anche l’altro, guardando dalla finestra la lampadina verde della farmacia
    come la luce verde di un treno silenzioso che mi viene a prendere
    con i miei fazzoletti, le mie scarpe sformate, la mia borsa nera, le mie poesie,
    senz’alcuna valigia – per farne che?
    Lasciami venire con te.

    Ah, te ne vai? Buonanotte. No, non vengo. Buonanotte.
    Tra poco esco. Grazie. Perché infine bisognerà
    che esca da questa casa in rovina.
    Devo vedere un po’ di città – no, non la luna –
    la città con le sue mani callose, la città del salario quotidiano,
    la città che giura sul pane e sul pugno,
    la città che ci regge tutti sulle spalle
    con le nostre meschinità, cattiverie, inimicizie,
    con le nostre ambizioni, la nostra ignoranza e la vecchiaia,
    devo sentire i grandi passi della città,
    per non sentire piú i tuoi passi
    né i passi di Dio, né i miei passi. Buonanotte.



    (La stanza si fa buia. Si vede che una nube ha coperto la luna. D’un tutto, come se qualcuno avesse alzato il volume della radio del bar vicino, si ode una frase musicale molto nota. Allora mi sono reso conto che tutta questa scena era stata accompagnata a basso volume dalla Sonata al chiaro di luna, solo la prima parte. Ora il Giovane starà scendendo con un sorriso ironico, forse di commiserazione, sulle labbra ben disegnate, e con un senso di liberazione. Quando sarà arrivato a San Nicola, prima di scendere la scala di marmo, riderà − un riso forte, irrefrenabile. La sua risata non suonerà affatto sconveniente sotto la luna. Forse l’unica cosa sconveniente è che non c’è nulla di sconveniente. Poco dopo il Giovane tacerà, si farà serio e dirà: “La decadenza di un’epoca.” Cosí, ormai completamente tranquillo, si sbottonerà di nuovo la camicia e andrà per la sua strada. Quanto alla Donna in Nero, non so se sia infine uscita di casa. Il chiaro di luna splende ancora. E negli angoli della stanza le ombre si stringono per un’incontenibile contrizione, quasi un’ira, non tanto per la vita, quanto per l’inutile confessione. Lo sentite? La radio continua):

    NOOOOO!!! L'ho fatto di nuovo! Ti chiedo scusa Olga, anziché quotare ho modificato il messaggio ... non riuscirei a ricostruirlo, ricordo che c'era un video! Scusami tanto!

  6. #21
    Lunatic Mod
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    Sardegna
    Messaggi
    10413
    Thanks Thanks Given 
    484
    Thanks Thanks Received 
    496
    Thanked in
    350 Posts

    Predefinito Terza proposta

    Ecco a voi la terza proposta

    La sonata al chiaro di luna

    Ghiannis Ritsos


    (Sera primaverile. Grande stanza di una vecchia casa. Una donna anziana, vestita di nero, parla a un giovane. Non hanno acceso la luce. Dalle due finestre entra un implacabile chiaro di luna. Ho dimenticato di dire che la Donna in Nero ha pubblicato due o tre interessanti raccolte di versi di ispirazione religiosa. Dunque, la Donna in Nero parla al Giovane):



    Lasciami venire con te. Che luna stasera!
    La luna è buona – non si vedrà
    che si sono imbiancati i miei capelli. La luna
    me li farà di nuovo biondi. Non te ne accorgerai.
    Lasciami venire con te.

    Con la luna ingrandiscono le ombre nella casa,
    mani invisibili tirano le tende,
    un dito pallido scrive sulla polvere del piano
    parole dimenticate – non le voglio sentire. Taci.

    Lasciami venire con te
    poco piú avanti, fino al recinto del mattonificio,
    fin dove la strada svolta e appare
    la città d’aria e di cemento, calcinata dal chiaro di luna,
    cosí indifferente e immateriale
    cosí positiva, quasi metafisica,
    che puoi finalmente credere che esisti e non esisti
    che non sei mai esistito, non è esistito il tempo con la sua rovina.
    Lasciami venire con te.

    Ci sederemo un poco sul muretto, sull’altura,
    rinfrescandoci al vento di primavera
    forse immagineremo pure di volare,
    perché spesso, e perfino ora, sento il fruscío della mia veste
    che pare il battito di due ali forti,
    e quando ti chiudi in questo rumore del volo
    senti tendersi il collo, i fianchi, la tua carne,
    e cosí stretto nei muscoli del vento azzurro,
    nei nervi robusti dell’altezza,
    non ha importanza che tu parta o torni
    né conta che i miei capelli siano bianchi
    (non è questo che mi dà pena – mi dà pena
    che non mi s’imbianchi anche il cuore).
    Lasciami venire con te.

    Lo so, ciascuno cammina solo verso l’amore,
    solo verso la gloria e la morte.
    Lo so. L’ho provato. Non giova a niente.
    Lasciami venire con te.

    Questa casa è abitata dai fantasmi, mi scaccia –
    voglio dire ch’è invecchiata molto, i chiodi si staccano,
    i quadri è come se si tuffassero nel vuoto,
    gli intonaci cadono in silenzio
    come il cappello del morto cade dall’attaccapanni nel corridoio scuro
    come il guanto di lana consunto cade dalle ginocchia del silenzio
    o come una striscia di luna cade sulla vecchia poltrona sventrata.

    Un tempo era giovane anche lei – non la foto che guardi con tanta diffidenza,
    parlo della poltrona, cosí riposante, potevi sedertici per ore
    e a occhi chiusi sognare a tuo piacimento
    – un arenile umido e liscio, lucido per la luna,
    piú lucido delle mie vecchie scarpe di coppale che ogni mese porto dal lustrascarpe qui all’angolo,
    o della vela di un pescatore che si perde sul fondo cullata dal proprio respiro,
    una vela triangolare come un fazzoletto piegato di traverso
    come se non avesse nulla da chiudere o da contenere
    o da salutare sventolando. Ho sempre avuto la mania dei fazzoletti,
    non per tenervi ripiegato qualcosa,
    certi semi di fiori o camomilla raccolti nei campi verso sera,
    né farvi quattro nodi, come il berretto degli operai del cantiere di fronte,
    o per asciugarmi gli occhi – ho conservato buona la vista;
    non ho mai portato gli occhiali. Una semplice stravaganza i fazzoletti.

    Adesso li piego in quattro, in otto, in sedici
    per tenere occupate le dita. E ora mi ricordo
    che ritmavo cosí la musica quando andavo al Conservatorio
    col grembiule blu, il colletto bianco e due trecce bionde
    – 8, 16, 32, 64 –
    per mano a un’amichetta-pesco tutta luce e fiori rosa,
    (perdona queste parole – una cattiva abitudine) – 32, 64 – e i miei riponevano
    grandi speranze nel mio talento musicale. Dunque, dicevo, la poltrona –
    sventrata – si vedono le molle arrugginite, la paglia –
    pensavo di portarla dal mobiliere qui accanto,
    ma chi ha il tempo, la voglia, i soldi – che cosa riparare per prima? –
    pensavo di buttarci su un lenzuolo – ho avuto paura
    del lenzuolo bianco con questo chiaro di luna. Qui si sono sedute
    persone che hanno sognato grandi sogni, come te, e come me del resto,
    e che ora riposano sottoterra senza che la pioggia o la luna li disturbi.
    Lasciami venire con te.

    Ci fermeremo un po’ in cima alla scala di marmo di San Nicola,
    poi tu scenderai e io tornerò indietro
    avendo sul fianco sinistro il calore del contatto casuale con la tua giacca,
    alcuni riquadri di luce delle piccole finestre del quartiere
    e questo fiato bianchissimo della luna che sembra un grande corteo di cigni d’argento –
    non ho paura di questa frase, perché io
    molte notti di primavera, un tempo, ho dialogato con Dio, che mi è apparso
    nel manto di caligine e di gloria di un chiaro di luna come questo,
    e molti giovani, piú belli anche di te, gli ho sacrificato,
    svaporando cosí, bianca e inaccessibile nella mia fiamma bianca, nel biancore del chiaro di luna,
    incendiata dagli sguardi voraci degli uomini e dall’estasi incerta degli adolescenti,
    assediata da stupendi corpi abbronzati,
    da membra robuste addestrate nel nuoto, nei remi, nell’atletica, nel calcio (che fingevo di non vedere)
    da fronti, labbra, colli, ginocchia, dita e occhi
    toraci, braccia, cosce (e davvero non li vedevo)
    – sai, certe volte, ammirando, dimentichi quel che ammiri, ti basta l’ammirazione –
    dio mio, che occhi pieni di stelle, e mi elevavo in un’apoteosi di stelle rifiutate
    perché, cosí assediata, da dentro e fuori,
    non mi restava altra via che verso l’alto o il basso. – No, non basta.
    Lasciami venire con te.

    Lo so che ormai si è fatto tardi. Lasciami,
    poiché per tanti anni, giorni e notti e meriggi purpurei, sono rimasta sola,
    irriducibile, immacolata e sola,
    perfino nel mio letto nuziale immacolata e sola,
    scrivendo versi gloriosi sulle ginocchia di Dio,
    versi che, ti assicuro, resteranno come scolpiti su un marmo irreprensibile
    oltre la mia vita e la tua, molto oltre. Non basta.
    Lasciami venire con te.

    Non fa piú per me questa casa.
    Non sopporto di portarla sulle spalle.
    Devi sempre badare a questo e a quello,
    a puntellare il muro con la grande credenza
    a puntellare la credenza con l’antichissimo tavolo intagliato
    a puntellare il tavolo con le sedie
    a puntellare le sedie con le mani
    a sostenere con la spalla la trave che ha ceduto.
    E il piano, chiuso come un feretro nero. Non osi aprirlo.
    Badare sempre a questo e a quello, che non cada, a non cadere tu. Non ce la faccio.
    Lasciami venire con te.

    Questa casa, pur con tutti i suoi morti, non vuol saperne di morire.
    Si ostina a vivere con i suoi morti
    a vivere dei suoi morti
    a vivere della certezza della sua morte
    perfino a sistemare i suoi morti su letti e mensole pericolanti.
    Lasciami venire con te.

    Qui, per quanto piano io cammini nel fiato della sera,
    in pantofole o scalza,
    qualcosa scricchiola – s’incrina un vetro o uno specchio,
    si odono passi – non sono i miei.
    Fuori, per strada, può darsi che non si odano questi passi –
    il pentimento, dicono, porta scarpe di legno –
    e se fai per guardare in questo specchio o in quello,
    dietro la polvere e le incrinature,
    scorgi piú opaco e frantumato il tuo viso,
    il tuo viso: non chiedesti altro alla vita che di conservarlo integro e puro.

    L’orlo del bicchiere riluce al chiaro di luna
    come un rasoio circolare – come portarlo alle labbra,
    pur cosí assetata? – Come? – Vedi?
    Ho ancora voglia di similitudini, – mi è rimasto questo,
    questo mi rassicura ancora che ci sono.
    Lasciami venire con te.

    A volte, quando fa sera, ho la sensazione
    che fuori dalle finestre passi l’ambulante con la sua vecchia orsa pesante
    dal pelo pieno di lappole e di spine
    sollevando polvere sulla strada del quartiere
    una nube solitaria di polvere che incensa il crepuscolo,
    e i bambini sono tornati alle loro case per la cena e non li lasciano piú uscire
    benché dietro i muri loro indovinino i passi della vecchia orsa –
    e l’orsa stanca incede nella saggezza della sua solitudine, senza un dove e un perché –
    si è appesantita, non riesce piú a ballare sulle zampe posteriori
    non riesce a portare la cuffia merlettata per far divertire i bambini, gli sfaccendati, gli esigenti,
    vuole solo stendersi a terra
    lasciando che le calpestino il ventre, giocando cosí il suo ultimo gioco,
    mostrando la sua tremenda forza di rinuncia,
    la sua disobbedienza agli interessi altrui, agli anelli nelle labbra, alla necessità dei denti,
    la sua disobbedienza al dolore e alla vita
    con l’alleanza certa della morte – foss’anche di una morte lenta –
    la sua estrema disobbedienza alla morte con la continuità e la cognizione della vita
    che con la conoscenza e l’azione sale al di sopra della sua schiavitú.

    Ma chi può giocare fino alla fine questo gioco?
    E l’orsa si rialza e cammina
    obbediente al suo laccio, agli anelli, ai denti,
    sorridendo con le labbra lacere alle monete dei bambini belli e privi di sospetto
    (belli proprio perché privi di sospetto)
    e dicendo grazie. Perché gli orsi invecchiati
    hanno solo imparato a dire: grazie, grazie.
    Lasciami venire con te.

    Questa casa mi soffoca. Anzi la cucina
    è come il fondo del mare. I bricchi appesi brillano
    come grossi occhi tondi di incredibili pesci,
    i piatti si muovono lenti come meduse,
    alghe e conchiglie mi si impigliano tra i capelli – non riesco piú a staccarle,
    non riesco a risalire in superficie –
    il vassoio mi cade di mano senza rumore – mi accascio
    vedo salire, salire le bolle del mio respiro,
    tento di svagarmi guardandole
    e mi chiedo cosa direbbe chi dall’alto vedesse queste bolle,
    forse che qualcuno annega, o che un sommozzatore esplora gli abissi?

    E davvero, non di rado scopro lí, nel fondo dove annego,
    coralli e perle e tesori di navi naufragate,
    incontri imprevedibili, di ieri, di oggi e del futuro,
    quasi una conferma di eternità,
    un certo sollievo, un certo sorriso d’immortalità, come si dice,
    una felicità, un’ebbrezza, perfino un entusiasmo,
    coralli, perle e zaffiri;
    solo che non so donarli – no, li dono;
    solo che non so se loro possono prenderli – comunque io li dono.
    Lasciami venire con te.

    Un momento, che prendo la maglia.
    Con questo tempo instabile, per quanto, dobbiamo premunirci.
    C’è umidità la sera, e la luna
    non ti pare, davvero, che faccia aumentare il fresco?

    Lascia che ti abbottoni la camicia – che petto forte hai,
    – che luna forte – la poltrona, dico – e quando sollevo la tazzina dal tavolo
    resta sotto un foro di silenzio, ci metto subito la mano
    per non guardare dentro – rimetto a posto la tazzina;
    anche la luna è un foro nel cranio del mondo – non guardarci dentro,
    è una forza magnetica che attira – non guardare, non guardate,
    date retta a quello che vi dico – ci cadrete dentro. Questa bella vertigine,
    leggera – attento, cadi –
    è un pozzo di marmo la luna,
    si muovono ombre, ali mute, voci misteriose – non le udite?

    Profonda la caduta,
    profonda la risalita,
    l’aerea statua tesa tra le sue ali aperte,
    profonda la carità implacabile del silenzio –
    luci tremule sull’altra riva, mentre oscilli sulla tua stessa fionda,
    respiro dell’oceano. Leggerissima, bella
    questa vertigine – sta’ attento che cadi. Non guardare me,
    il mio posto è l’oscillazione – la stupenda vertigine. Cosí ogni sera
    ho un po’ di mal di testa, certi capogiri.

    Spesso faccio un salto alla farmacia di fronte per qualche aspirina,
    a volte non mi va e resto con il mal di testa
    a sentire il rumore sordo dei tubi dell’acqua dentro i muri,
    o mi faccio un caffè; sempre distratta
    e smemorata, ne preparo due – chi berrà il secondo? –
    buffo davvero, lo lascio sul davanzale a raffreddarsi,
    o a volte bevo anche l’altro, guardando dalla finestra la lampadina verde della farmacia
    come la luce verde di un treno silenzioso che mi viene a prendere
    con i miei fazzoletti, le mie scarpe sformate, la mia borsa nera, le mie poesie,
    senz’alcuna valigia – per farne che?
    Lasciami venire con te.

    Ah, te ne vai? Buonanotte. No, non vengo. Buonanotte.
    Tra poco esco. Grazie. Perché infine bisognerà
    che esca da questa casa in rovina.
    Devo vedere un po’ di città – no, non la luna –
    la città con le sue mani callose, la città del salario quotidiano,
    la città che giura sul pane e sul pugno,
    la città che ci regge tutti sulle spalle
    con le nostre meschinità, cattiverie, inimicizie,
    con le nostre ambizioni, la nostra ignoranza e la vecchiaia,
    devo sentire i grandi passi della città,
    per non sentire piú i tuoi passi
    né i passi di Dio, né i miei passi. Buonanotte.



    (La stanza si fa buia. Si vede che una nube ha coperto la luna. D’un tutto, come se qualcuno avesse alzato il volume della radio del bar vicino, si ode una frase musicale molto nota. Allora mi sono reso conto che tutta questa scena era stata accompagnata a basso volume dalla Sonata al chiaro di luna, solo la prima parte. Ora il Giovane starà scendendo con un sorriso ironico, forse di commiserazione, sulle labbra ben disegnate, e con un senso di liberazione. Quando sarà arrivato a San Nicola, prima di scendere la scala di marmo, riderà − un riso forte, irrefrenabile. La sua risata non suonerà affatto sconveniente sotto la luna. Forse l’unica cosa sconveniente è che non c’è nulla di sconveniente. Poco dopo il Giovane tacerà, si farà serio e dirà: “La decadenza di un’epoca.” Cosí, ormai completamente tranquillo, si sbottonerà di nuovo la camicia e andrà per la sua strada. Quanto alla Donna in Nero, non so se sia infine uscita di casa. Il chiaro di luna splende ancora. E negli angoli della stanza le ombre si stringono per un’incontenibile contrizione, quasi un’ira, non tanto per la vita, quanto per l’inutile confessione. Lo sentite? La radio continua)

  7. #22
    Senior Member
    Data registrazione
    Mar 2009
    Località
    Ucraina Kiev
    Messaggi
    596
    Thanks Thanks Given 
    51
    Thanks Thanks Received 
    96
    Thanked in
    51 Posts

    Predefinito

    Prima ho letto una versione abbreviata:

    Lasciami venire con te. Che luna stasera!
    La luna è buona – non si vedrà
    che si sono imbiancati i miei capelli. La luna
    me li farà di nuovo biondi. Non te ne accorgerai.
    Lasciami venire con te.

    Con la luna ingrandiscono le ombre nella casa,
    mani invisibili tirano le tende,
    un dito pallido scrive sulla polvere del piano
    parole dimenticate – non le voglio sentire. Taci.

    Lasciami venire con te
    poco piú avanti, fino al recinto del mattonificio,
    fin dove la strada svolta e appare
    la città d’aria e di cemento, calcinata dal chiaro di luna,
    cosí indifferente e immateriale
    cosí positiva, quasi metafisica,
    che puoi finalmente credere che esisti e non esisti
    che non sei mai esistito, non è esistito il tempo con la sua rovina.
    Lasciami venire con te.

    Ci sederemo un poco sul muretto, sull’altura,
    rinfrescandoci al vento di primavera
    forse immagineremo pure di volare,
    perché spesso, e perfino ora, sento il fruscío della mia veste
    che pare il battito di due ali forti,
    e quando ti chiudi in questo rumore del volo
    senti tendersi il collo, i fianchi, la tua carne,
    e cosí stretto nei muscoli del vento azzurro,
    nei nervi robusti dell’altezza,
    non ha importanza che tu parta o torni
    né conta che i miei capelli siano bianchi
    (non è questo che mi dà pena – mi dà pena
    che non mi s’imbianchi anche il cuore).
    Lasciami venire con te.

    Lo so, ciascuno cammina solo verso l’amore,
    solo verso la gloria e la morte.
    Lo so. L’ho provato. Non giova a niente.
    Lasciami venire con te.

    Ho pensato che fosse poesia dedicata a tutte le donne che hanno perso una persona cara,
    ho ricordando le mie nonne, che hanno perso i loro mariti durante la Guerra e nel resto della loro vita erano soli.
    Quando ho trovato la versione completa e ho letto prologo ed epilogo, penso cosi:
    si incontrano una donna ed un uomo, per la donna è un amore per la tutta la vita, per uomo è un incontro casuale, si incontrano la tenerezza, la devozione della donna e il cinismo, la frivolezza di un uomo, per cui lacrime di una donna è “La decadenza di un’epoca” e lui “completamente tranquillo, si sbottonerà di nuovo la camicia e andrà” per cercare i nuovi amori. Giovane in epilogo è l'uomo, in cui innamorata la Donna in Nero.

  8. #23
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2013
    Località
    piccolo paese calabro della costa jonica...
    Messaggi
    1404
    Thanks Thanks Given 
    85
    Thanks Thanks Received 
    108
    Thanked in
    71 Posts

    Predefinito

    Concordo con te, Olga, nell'interpretazione di questa poesia...
    Per l'uomo è un incontro come un altro, mentre per la donna è l'incontro della vita.
    Due prospettive opposte di uno stesso incontro.
    L'amore unico e totalizzante di una donna e l'egoismo di un uomo superficiale.

  9. #24
    Lunatic Mod
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    Sardegna
    Messaggi
    10413
    Thanks Thanks Given 
    484
    Thanks Thanks Received 
    496
    Thanked in
    350 Posts

    Predefinito

    né conta che i miei capelli siano bianchi
    (non è questo che mi dà pena – mi dà pena
    che non mi s’imbianchi anche il cuore).

    Questa frase mi fa rabbrividire...è una poesia struggente, stupenda...lo strazio di una donna che ama non ricambiata, amore reso più doloroso e forse, agli occhi del giovane, patetico per via della sua età...risalta in maniera cruda la differenza tra i sentimenti di lei, il suo sperdimento e lo sprezzante cinismo dell'uomo. Bellissima.

  10. #25
    Senior Member
    Data registrazione
    Oct 2010
    Località
    Ferrara (provincia)
    Messaggi
    901
    Thanks Thanks Given 
    253
    Thanks Thanks Received 
    195
    Thanked in
    126 Posts

    Predefinito

    che magnifica poesia: una delle più strazianti dichiarazioni di amore che abbia mai letto!!!

  11. #26
    Lunatic Mod
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    Sardegna
    Messaggi
    10413
    Thanks Thanks Given 
    484
    Thanks Thanks Received 
    496
    Thanked in
    350 Posts

    Predefinito

    Ecco a voi la prossima poesia

    Sintomi


    Non sopporto il mio stato mentale:
    sono scontenta, garrula, asociale.
    Odio i miei piedi, odio le mie mani,
    non m’interessano lidi lontani.
    Temo il mattino, la luce del giorno;
    odio, la notte, al letto far ritorno.
    Maldico chi agisce onestamente
    non tollero lo scherzo più innocente.
    Non mi appagano un quadro, una lettura:
    per me il mondo è soltanto spazzatura.
    Sono cinica, vuota, scombinata.
    Non so come non mi abbiano arrestata
    per quel che penso. I vecchi sogni andati,
    l’anima a pezzi, i sensi torturati.
    Non mi è chiaro nemmeno come sto
    ma certo non mi piaccio neanche un po’.
    E litigo, cavillo, gemendo di paura:
    penso alla morte, alla mia sepoltura.
    L’idea di un uomo mi lascia sconvolta…
    Sto per innamorarmi un’altra volta.

    Dorothy Parker


  12. #27
    Utente stonato
    Data registrazione
    Aug 2016
    Località
    Fra antiche rovine
    Messaggi
    507
    Thanks Thanks Given 
    81
    Thanks Thanks Received 
    202
    Thanked in
    121 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da alessandra Vedi messaggio
    Ecco a voi la prossima poesia

    Sintomi


    Non sopporto il mio stato mentale:
    sono scontenta, garrula, asociale.
    Odio i miei piedi, odio le mie mani,
    non m’interessano lidi lontani.
    Temo il mattino, la luce del giorno;
    odio, la notte, al letto far ritorno.
    Maldico chi agisce onestamente
    non tollero lo scherzo più innocente.
    Non mi appagano un quadro, una lettura:
    per me il mondo è soltanto spazzatura.
    Sono cinica, vuota, scombinata.
    Non so come non mi abbiano arrestata
    per quel che penso. I vecchi sogni andati,
    l’anima a pezzi, i sensi torturati.
    Non mi è chiaro nemmeno come sto
    ma certo non mi piaccio neanche un po’.
    E litigo, cavillo, gemendo di paura:
    penso alla morte, alla mia sepoltura.
    L’idea di un uomo mi lascia sconvolta…
    Sto per innamorarmi un’altra volta.

    Dorothy Parker

    Non ho commentato la poesia precedente perchè avete già detto tutto voi, era veramente bella, soffocante a tratti.
    ---
    La lirica della Parker, invece, a primo impatto non mi è piaciuta, non mi sono piaciute in genere le parole usate, e quelle rimate alla fine del verso le ho proprio odiate, mi sembrava una filastrocca per bambini; ma questa è una traduzione, ho cercato la poesia originale e comunque ha lo stesso ritmo, ma suona meglio in inglese.
    Alla seconda e terza e quarta rilettura la ho apprezzata di più: diviene palese la confusione, il dolore, quel senso di mancanza, di dolce malinconia che stona, l' irrequietezza, tutti sintomi di chi si è innamorato. Interessante notare come l' autrice abbia fatto riferimento sia a elementi relativi ai sensi (la luce, parti del corpo) sia relativi a numerosi altri ambiti, ossia gli svaghi, le emozioni, il comportamento, la riflessione... credo per sottolineare la forza con cui l' amore subentra scacciando prepotentemente tutto ciò che c' era prima.
    Non è assolutamente uno dei miei componimenti preferiti, ma non si può dire che sia vuoto o sensa senso. Grazie per averlo proposto.
    P.s ovviamente è il mio personalissimo parere, lungi da me far il critico o l'intenditore, che non sono; ho solo espresso ciò che la poesia mi ha fatto sentire

  13. #28
    Lunatic Mod
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    Sardegna
    Messaggi
    10413
    Thanks Thanks Given 
    484
    Thanks Thanks Received 
    496
    Thanked in
    350 Posts

    Predefinito

    E' vero che le rime sembrano, o forse sono, un po' troppo elementari
    Io però, forse perché non sono esperta di poesia classica, ho notato e apprezzato prima il senso e il significato generale, il modo in cui la poetessa ha espresso le sue sensazioni. Ha reso benissimo l'idea dell'innamoramento anche se, in maniera simpatica, ha messo in risalto solo l'aspetto straniante e "negativo", il cambiare di tutte le percezioni, il non riuscire a stare tranquilli da nessuna parte e non "gradire" niente, né il giorno né la notte, né lo stare fermi né in movimento. Mi ha fatto quasi divertire

  14. #29
    Utente stonato
    Data registrazione
    Aug 2016
    Località
    Fra antiche rovine
    Messaggi
    507
    Thanks Thanks Given 
    81
    Thanks Thanks Received 
    202
    Thanked in
    121 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da alessandra Vedi messaggio
    E' vero che le rime sembrano, o forse sono, un po' troppo elementari
    Io però, forse perché non sono esperta di poesia classica, ho notato e apprezzato prima il senso e il significato generale, il modo in cui la poetessa ha espresso le sue sensazioni. Ha reso benissimo l'idea dell'innamoramento anche se, in maniera simpatica, ha messo in risalto solo l'aspetto straniante e "negativo", il cambiare di tutte le percezioni, il non riuscire a stare tranquilli da nessuna parte e non "gradire" niente, né il giorno né la notte, né lo stare fermi né in movimento. Mi ha fatto quasi divertire
    A quanto pare non posso mettere "mi piace", quindi scrivo un post per farlo. Aggiungo solo che neanche io sono esperto di poesia, e la mia era una semplice osservazione, lungi dal voler essere dogma. Ho sentito di dover sottolineare ciò perchè non vorrei che il mio post sia sembrato troppo "offensivo" o presuntuoso, cosa che non era neanche lontanamente nelle mie intenzioni!

  15. #30
    Lunatic Mod
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    Sardegna
    Messaggi
    10413
    Thanks Thanks Given 
    484
    Thanks Thanks Received 
    496
    Thanked in
    350 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Marzati Vedi messaggio
    A quanto pare non posso mettere "mi piace", quindi scrivo un post per farlo. Aggiungo solo che neanche io sono esperto di poesia, e la mia era una semplice osservazione, lungi dal voler essere dogma. Ho sentito di dover sottolineare ciò perchè non vorrei che il mio post sia sembrato troppo "offensivo" o presuntuoso, cosa che non era neanche lontanamente nelle mie intenzioni!
    Non ci ho pensato nemmeno per un attimo! Il tuo tono è tutto tranne che offensivo e tantomeno presuntuoso. E' giusto che ciascuno dica la sua, non avrebbe senso se tutti dicessimo che una cosa ci piace quando non è vero. Ti avrei dato anch'io il like
    Ultima modifica di alessandra; 11-23-2016 alle 05:52 PM.

Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. 25° Poeticforum - Le poesie che amiamo
    Da alessandra nel forum Poesia
    Risposte: 17
    Ultimo messaggio: 08-05-2016, 11:24 PM
  2. 22° Poeticforum - Le poesie che amiamo
    Da alessandra nel forum Poesia
    Risposte: 38
    Ultimo messaggio: 03-31-2016, 05:09 PM
  3. 11° Poeticforum - Le poesie che amiamo
    Da alessandra nel forum Poesia
    Risposte: 64
    Ultimo messaggio: 04-07-2014, 05:34 PM
  4. 7° Poeticforum - Le poesie che amiamo
    Da alessandra nel forum Poesia
    Risposte: 73
    Ultimo messaggio: 01-25-2013, 12:55 PM
  5. 3° Poeticforum - Le poesie che amiamo
    Da elisa nel forum Poesia
    Risposte: 56
    Ultimo messaggio: 03-28-2012, 06:10 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •