Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

L'amore di uno sciocco

Mostra risultati da 1 a 7 di 7

Discussione: Tanizaki, Junichiro - L'amore di uno sciocco

  1. #1
    Senior Member
    Data registrazione
    May 2012
    Messaggi
    2301
    Thanks Thanks Given 
    35
    Thanks Thanks Received 
    164
    Thanked in
    98 Posts

    Predefinito Tanizaki, Junichiro - L'amore di uno sciocco

    L’amore di uno sciocco: mai titolo di libro è stato più azzeccato di questo! Joji Kawai è uno sciocco, inutile cercare di giustificarlo, o trovargli delle scusanti. D’altronde lui stesso lo riconosce, anche se poi pur essendone consapevole non reagisce e non cerca in alcun modo di non comportarsi da sciocco, e questa è forse la cosa che più mi ha irritato in tutto il libro. Joji è talmente infatuato della sua Naomi – mi dispiace, ma per me non si tratta di amore – da idealizzarla, attribuendole qualità che non ha e sminuendone volgarità e bassezza. Si lascia soggiogare dai suoi tratti vagamente occidentali al punto da pensare di poterla “plasmare” e farne la sua donna ideale, quasi Naomi non avesse una propria personalità. Ed invece questa personalità Naomi ce l’ha, per quanto pessima e riprovevole. Perciò non impiega molto a capire che può essere lei a plasmarlo, infatti l’accondiscendenza di lui ad ogni suo capriccio le dimostrano solo quanto “potere” ha su di lui. E questo è la fine per il nostro povero Joji! Basta leggersi i capitoli finali per rendersi conto di quanto sia grande questo potere, è per capire fino a che punto lui sia una marionetta nelle mani di lei. Per quanto Naomi sia odiosa, insopportabile, per quanto per tutto il libro si avrebbe voglia di prenderla a sberle, nei capitoli finali non si può non ammirarla. Naomi è coerente con il suo personaggio fino in fondo, p…. e manipolatrice, gioca tutte le carte che ha a sua disposizione e le gioca davvero bene e soprattutto con una faccia tosta davvero incredibile. Conclusione Naomi sarà pure un personaggio insopportabile, ma Joji resta solo uno sciocco.
    Ci sarebbe poi da fare tutta una discussione sull’apertura del Giappone alla cultura occidentale, è quindi sul tentativo/desiderio delle donne giapponesi di imitare quelle occidentali, sul diverso modo di concepire e di “usare” il corpo, ecc. ecc. ma per questo fate prima a leggervi i libri di Tanizaki che sicuramente sono più esplicativi delle mie parole.

  2. #2
    Vagabonding Member
    Data registrazione
    Jul 2011
    Messaggi
    5058
    Thanks Thanks Given 
    132
    Thanks Thanks Received 
    162
    Thanked in
    103 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da bouvard Vedi messaggio
    L’amore di uno sciocco: mai titolo di libro è stato più azzeccato di questo!
    Mi hai rubato l'incipit!!!

  3. #3
    Senior Member
    Data registrazione
    May 2012
    Messaggi
    2301
    Thanks Thanks Given 
    35
    Thanks Thanks Received 
    164
    Thanked in
    98 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da ayuthaya Vedi messaggio
    Mi hai rubato l'incipit!!!
    Confesso di avertelo fregato da un commento che hai fatto nel mg ma a mia parziale discolpa va detto che l'ho pensato anch'io più di una volta

  4. #4
    Senior Member
    Data registrazione
    Jun 2008
    Località
    Roma
    Messaggi
    2900
    Thanks Thanks Given 
    26
    Thanks Thanks Received 
    26
    Thanked in
    15 Posts

    Predefinito

    In che epoca è ambientato?

  5. #5
    Ananke
    Data registrazione
    Feb 2014
    Località
    Mantova
    Messaggi
    2654
    Thanks Thanks Given 
    186
    Thanks Thanks Received 
    250
    Thanked in
    164 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da elesupertramp Vedi messaggio
    In che epoca è ambientato?
    Nel 1925 circa

  6. #6
    Senior Member
    Data registrazione
    May 2012
    Messaggi
    2301
    Thanks Thanks Given 
    35
    Thanks Thanks Received 
    164
    Thanked in
    98 Posts

    Predefinito

    Di preciso nel 1920

  7. #7
    Vagabonding Member
    Data registrazione
    Jul 2011
    Messaggi
    5058
    Thanks Thanks Given 
    132
    Thanks Thanks Received 
    162
    Thanked in
    103 Posts

    Predefinito

    Mi sono piaciuti questo autore e questo libro, che pagina dopo pagina si rivela meno “banale” di quanto possa sembrare all’inizio. Questo perché sebbene lo svolgimento dei fatti sia per certi versi scontato – l’ inarrestabile degradarsi e umiliarsi di uno “sciocco” innamorato – non lo è il modo in cui questo viene raccontato e analizzato, soprattutto a partire da metà libro, quando, per quanto “sciocco”, il protagonista e narratore è capace di guardare dentro se stesso e riconoscere non solo le proprie colpe, ma anche la propria volontà di accettare la sua sottomissione, fino alle estreme conseguenze.
    Il libro si apre sulla più classiche delle situazioni: un uomo non particolarmente bello nè colto, ma sicuro di sé e del “potere” che gli deriva da una situazione di relativa superiorità sociale, decide di prendere sotto la propria ala una giovane e affascinante cameriera, Naomi, la quale in apparenza acconsente a farsi “plasmare” da lui in segno di riconoscenza.
    A ben vedere, fin dall’inizio Joji è consapevole della disparità su cui si basa la propria relazione, ma non sembra darsi troppa pena per questo, anzi: fa di tutto per sottolineare la diversità del loro rapporto rispetto alle convenzioni sociali giapponesi, dal cui giogo entrambi tentano di liberarsi. L’unico motto che sembra ispirarli è rompere la tradizione, guardare all’Occidente. L’anticonformismo, la presunta modernità della loro vita, persino dopo il matrimonio, è motivo di orgoglio e quasi di ostentazione per entrambi e soprattutto per Joji, fiero di poter “esibire” una moglie così bella, seducente e “occidentale”.
    Ben presto, però, l’uomo si rende conto che non si può “comprare” la fedeltà, e nemmeno la gratitudine. Se le cose cominciano a degenerare, in fin dei conti la colpa è soprattutto sua, di questo “sciocco” non solo perché si fa prendere in giro da una donna sempre più scaltra, che gliela fa sotto gli occhi senza che lui se ne accorga, ma perché a indirizzarla sulla “cattiva strada” – quella che mira a renderla altro da se stessa – è stato lui.
    Per cui, come accennavo all’inizio, quella che sembrava delinearsi come la tipica situazione di dominazione amorosa – folle d’amore lui, cinica e astuta lei – in realtà si rivela essere qualcosa di meno banale, di più profondo e tragico: l’illusione di poter imitare qualcuno (in questo caso il “modello occidentale”, assunto come non plus ultra di bellezza e modernità) senza perdere se stessi. E a perdersi, in questo romanzo, saranno entrambi: Joji, lo “sciocco”, e Naomi, la “prostituta”, colei che vende se stessa, la sua “autenticità” di donna e di giapponese al miglior offerente.
    Le pagine centrali, nelle quali Tanizaki indaga l’animo di Joji (o per meglio dire Joji indaga se stesso) mi sono piaciute molto, e ancora di più mi sono piaciute le pagine finali, in cui Naomi, ormai perfettamente padrona di sé e del “metodo” per ottenere ciò che vuole, dà prova di tutta la sua maestria: per quanto si possa averla detestata fino a questo momento (mai come Joji, però!), alla fine non si può non riconoscere il suo assoluto e – perché no? – meritato trionfo.

    Scrittura raffinata, interessante, molto “giapponese”. È certo che proseguirò nella conoscenza di questo autore.
    Ultima modifica di ayuthaya; 10-17-2016 alle 10:41 AM.

Discussioni simili

  1. Tanizaki, Junichiro - Gli insetti preferiscono le ortiche
    Da bonadext nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 6
    Ultimo messaggio: 07-31-2017, 08:24 AM
  2. 200° MG - L'amore di uno sciocco di Jun'ichirō Tanizaki
    Da Minerva6 nel forum Gruppi di lettura
    Risposte: 95
    Ultimo messaggio: 09-24-2016, 02:05 PM
  3. Tanizaki, Junichiro - Neve Sottile
    Da MarcoS nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 06-08-2016, 12:46 PM
  4. Tanizaki,Junichiro - La Chiave
    Da harry.haller nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 04-23-2015, 05:14 PM
  5. Dickinson,Emily - Uno e uno fa uno
    Da SALLY nel forum Poesia
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 02-13-2011, 12:48 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •