Alla Fémis, scuola di cinema di Parigi, la vita quotidiana è scandita da uno specifico ideale repubblicano di eccellenza, che può essere riassunto in una sola frase: tutti sono uguali ma solo i migliori vengono ammessi. Attraverso gli esami di ammissione, il corso della durata di un anno e gli esami di diploma, si ricostruisce il rapporto con l'eccellenza nel mondo dell'arte e di una delle più prestigiose scuole d'arte in Francia, un luogo di cultura in cui si mescolano diverse generazioni.

Il film è un documentario che racconta i meccanismi che stanno all'interno delle selezioni della prestigiosa scuola di cinema. Gli esanimatori raccontano attraverso le domande e le discussioni sui candidati quali sono i valori dell'arte e dell'espressione cinematografica al giorno d'oggi, da un osservatorio speciale che è la Francia da dove iniziò il cinema dei fratelli Lumiere a cui la regista rende omaggio.