Rodolfo Walsh è stato uno degli scrittori più importanti per l'Argentina ma non solo, per tutto il giornalismo mondiale. Per la sua vita, per le sue battaglie, per le inchieste che ha condotto e non per ultimo per la sua morte, avvenuta da desaparecidos in una nazione contro i quali governi si era scagliato con la penna e con la forza degli eroi.
Operazione massacro non è solo un libro, è un capolavoro dell'inchiesta, è emblema dell'onestà intellettuale dell'autore e dei suoi protagonisti, che hanno avuto il coraggio di raccontare un episodio avvenuto nel 1956 durante il tentato golpe di Valle: un gruppo di persone rinutesi in una casa per seguire un incontro di boxe alla radio, furono catturate dalla polizia e barbaramente fucilate, senza che avessero compiuto alcun reato e senza che avessero capito cosa gli stesse per accadere.
Una storia nella quale è possibile rivedere anche (purtroppo) altre storie, tra cui nel nostro recente passato quella della Diaz durante il G8 di Genova.

Un libro censurato per anni, tradotto in italia soltanto nel 2002 e che ora come mai vi consiglio di leggere.