"Salomon Rulfo, professore di letteratura e grande amante della poesia non ne può più. Notte dopo notte è sconvolto da un incubo terribile: una casa sconosciuta, strani personaggi che non riconosce, atti indecifrabili, sangue ovunque e una donna disperata che gli chiede aiuto chiamandolo per nome. Per andare a fondo della questione, il professor Rulfo, affiancato dal Dottor Ballesteros e dal suo emblematico aiutante, scoprirà che l'incubo non è solo un sogno. È realtà. "

Un libro molto strano,surreale,a tratti veramente inquietante,tra realtà,incubi,strane leggende,poeti e la potenza delle parole questo romanzo ti storidisce.
Non l'ho trovato brutto,ma nemmeno un capolavoro.
Non sono romasta particolarmente affascinata dai personaggi e la trame è decisamente singolare,ma non l'ho trovato neppure una perdita di tempo.
Lo stile delo scrittore però devo dire che mi è piaciuto.