Adamsberg e Danglar sono alle prese con diversi omicidi che inizialmente li fanno seguire una pista in Islanda x poi prenderne una dei tempi della Rivoluzione francese. Ad un certo punto si accorgono che l'omicida li fa girare a vuoto e si rendono conto di dover cambiare qualcosa nel modo di indagare.

Molto, molto ben articolato, a mio parere, uno dei migliori della Vargas.