Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

Pagina 4 di 4 PrimoPrimo 1234
Mostra risultati da 46 a 55 di 55

Discussione: 30° Poeticforum - Le poesie che amiamo

  1. #46
    Member SuperNova
    Data registrazione
    Oct 2009
    Località
    Terni...
    Messaggi
    3343
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    135
    Thanks Thanks Received 
    145
    Thanked in
    64 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Marzati Vedi messaggio
    [B]
    Commento Prosciugata:
    Come già detto, qui c’è la delusione per un rapporto che ha tolto, ha svuotato senza (mi pare) lasciare che dolore e vuoto. E c’è la speranza, la volontà di rinascere.
    Visto che abbiamo la fortuna di aver con noi la poetessa, vorrei chiederle, se non risulto troppo invadente, qualche commento, tipo come è nata la poesia, eventuali accorgimenti sonori, linguistici, oppure influenze... sono curioso insomma!
    Eccomi: ti/vi ricordate il segretario che mi piaceva?
    La poesia è nata quando mi so resa conto che tutte le mie parole, tutti i miei sforzi non sarebbero mai stati ricambiati.
    Ma siccome credo nell'amore e nella sua forza, dopo un periodo di"lutto" ho lasciato alle spalle lui-ma non il partito - e l'acqua, mi girava in testa la canzone "piove" di Jovanotti ha lavato via la delusione e rimessa in gioco.
    Ah ce ne sono 3 di poesie dedicate al segretario nel mio libro, di cui una con chiari riferimenti a lui,non so se ha preso una copia visto che alle presentazioni non si è mai visto

  2. The Following User Says Thank You to Evy For This Useful Post:


  3. #47
    Lunatic Mod
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    Sardegna
    Messaggi
    10183
    Thanks Thanks Given 
    359
    Thanks Thanks Received 
    405
    Thanked in
    288 Posts

    Predefinito

    Siamo arrivati alla prossima e, credo, ultima, poesia da commentare


    Echi di lingua madre

    Scottate la lingua sulla fiamma viva
    levatele la pelle
    tagliatela a fettine.
    Fate appassire in frasi fatte le parole.
    Aggiungete una rosa, petali e spine,
    portate a bollore
    con un po' di buon rimpianto,
    salate, leggete.
    Il tempo di cottura non è stabilito
    provate a parlare di tanto in tanto.
    Se qualcuno vi risponde
    o qualcosa vi risuona dentro
    staccate dal fondo
    spegnete il fuoco.
    Servite caldissima.

    Eva Taylor

  4. #48
    Logopedista nei sogni
    Data registrazione
    Mar 2017
    Località
    In riva al mare
    Messaggi
    749
    Thanks Thanks Given 
    547
    Thanks Thanks Received 
    344
    Thanked in
    241 Posts

    Predefinito

    Prima della mia proposta alessandra c'è quella di Marzati mi sembra.

  5. The Following User Says Thank You to Ondine For This Useful Post:


  6. #49
    Lunatic Mod
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    Sardegna
    Messaggi
    10183
    Thanks Thanks Given 
    359
    Thanks Thanks Received 
    405
    Thanked in
    288 Posts

    Predefinito

    Grazie Ondine, mi era proprio sfuggita! Sto sbagliando tutto

    Vorrei veramente essere morta.
    Essa lasciandomi piangendo forte,

    mi disse: « Quanto ci è dato soffrire,
    o Saffo: contro ogni mia voglia
    io devo abbandonarti ».

    « Allontanati felice » risposi
    « Ma ricorda che fui di te
    sempre amorosa.

    Ma se tu dimenticherai
    (e tu dimentichi) io voglio ricordare
    i nostri celesti patimenti:

    le molte ghirlande di viole e rose
    che a me vicina, sul grembo
    intrecciasti col timo;

    i vezzi di leggiadre corolle
    che mi chiudesti intorno
    al delicato collo;

    e l'olio da re, forte di fiori,
    che la tua mano lisciava
    sulla lucida pelle;

    e i molli letti
    dove alle tenere fanciulle joniche
    nasceva amore della tua bellezza.

    Non un canto di coro,
    né sacro, né inno nuziale
    si levava senza le nostre voci;

    e non il bosco dove a primavera
    il suono... ».

    Saffo

  7. #50
    Logopedista nei sogni
    Data registrazione
    Mar 2017
    Località
    In riva al mare
    Messaggi
    749
    Thanks Thanks Given 
    547
    Thanks Thanks Received 
    344
    Thanked in
    241 Posts

    Predefinito Saffo

    Figurati alessandra.
    Questa poesia di Saffo per me esprime il suo dolore per essere stata lasciata, e un sottile rancore quando scrive "e tu dimentichi" come a voler sottolineare che la persona che l'ha lasciata è di sentimenti volubili mentre la poetessa è sicuramente emotivamente più coinvolta e soffrirà molto per la fine della relazione, però le dice "allontanati felice" perché in fondo Saffo vuole la felicità di chi la sta abbandonando, dimostra di essere generosa.
    Chi ama veramente in fondo vuole il bene dell'altra persona, anche se ciò può significare la separazione.

  8. #51
    Utente stonato
    Data registrazione
    Aug 2016
    Località
    Fra antiche rovine
    Messaggi
    507
    Thanks Thanks Given 
    81
    Thanks Thanks Received 
    201
    Thanked in
    121 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da alessandra Vedi messaggio
    Grazie Ondine, mi era proprio sfuggita! Sto sbagliando tutto

    Vorrei veramente essere morta.
    Essa lasciandomi piangendo forte,

    mi disse: « Quanto ci è dato soffrire,
    o Saffo: contro ogni mia voglia
    io devo abbandonarti ».

    « Allontanati felice » risposi
    « Ma ricorda che fui di te
    sempre amorosa.

    Ma se tu dimenticherai
    (e tu dimentichi) io voglio ricordare
    i nostri celesti patimenti:

    le molte ghirlande di viole e rose
    che a me vicina, sul grembo
    intrecciasti col timo;

    i vezzi di leggiadre corolle
    che mi chiudesti intorno
    al delicato collo;

    e l'olio da re, forte di fiori,
    che la tua mano lisciava
    sulla lucida pelle;

    e i molli letti
    dove alle tenere fanciulle joniche
    nasceva amore della tua bellezza.

    Non un canto di coro,
    né sacro, né inno nuziale
    si levava senza le nostre voci;

    e non il bosco dove a primavera
    il suono... ».

    Saffo
    Qui v’è l’amore proprio nel momento dell’abbandono, della separazione. L’intensità del sentimento diviene quasi soffocante: “vorrei veramente essere morta” troneggia come primo verso, a segnare inevitabilmente la poesia. Dopo segue la nostalgia con i bei momenti, con la tenerezza irrimediabilmente perduta, con la rassegnazione all’ inevitabile crudeltà.
    Ho condiviso questa lirica per il finale a mio avviso molto suggestivo:
    e non il bosco dove in primavera
    il suono…

    Che dire, mi lascia ogni volta sospeso e affascinato, come se Saffo non avesse dimenticato ma il tempo, alla fine, sì. Scriveva Salvatore Qasimodo, come nota traduttiva, a proposito (e non a caso fu poeta): “Ho preferito perciò che la poesia continuasse con la eco d’un “suono” che i secoli avevano interrotto sulle scritture degli amanuensi”. Infatti la poesia si conclude lì non per scelta della poetessa ma perché frammentaria. Che giochi la sorte talvolta compie!
    P.s @Ondine, mi piace la tua interpretazione del “tu dimentichi”, io l’ho interpretato come la consapevolezza che tutto alla fine scompaia, anche nei ricordi di chi così intensamente amò.

  9. The Following User Says Thank You to Marzati For This Useful Post:


  10. #52
    Lunatic Mod
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    Sardegna
    Messaggi
    10183
    Thanks Thanks Given 
    359
    Thanks Thanks Received 
    405
    Thanked in
    288 Posts

    Predefinito

    Ora sì, tocca a questa Vi ricordo che potete commentare tutte le poesie che volete fino alla fine ... e, volendo, anche oltre, dato che il 3d viene tolto dal rilievo ma non viene chiuso.

    Echi di lingua madre

    Scottate la lingua sulla fiamma viva
    levatele la pelle
    tagliatela a fettine.
    Fate appassire in frasi fatte le parole.
    Aggiungete una rosa, petali e spine,
    portate a bollore
    con un po' di buon rimpianto,
    salate, leggete.
    Il tempo di cottura non è stabilito
    provate a parlare di tanto in tanto.
    Se qualcuno vi risponde
    o qualcosa vi risuona dentro
    staccate dal fondo
    spegnete il fuoco.
    Servite caldissima.

    Eva Taylor

  11. #53
    Logopedista nei sogni
    Data registrazione
    Mar 2017
    Località
    In riva al mare
    Messaggi
    749
    Thanks Thanks Given 
    547
    Thanks Thanks Received 
    344
    Thanked in
    241 Posts

    Predefinito

    Ho scelto questa poesia per la sua particolarità di descrivere metaforicamente le parole.
    Parole non dette e quindi rimpiante, parole appassite in frasi fatte, parole pungenti, delicate, parole profonde, parole infuocate.
    Possiamo dare un'infinità di significati alle parole, ogni parola può toccare una determinata corda del nostro animo, risuonarci dentro.
    Le parole sono il mezzo più importante che abbiamo per comunicare, e personalmente non sono un tipo che parla molto, parlo poco e questo mio modo di essere mi ha fatto soffrire in passato perché mi ha fatto sentire in difetto ma sono così e ho capito che quello che conta è ciò che si dice e non quanto si dice.
    Quando qualcuno riesce a capire questo sono davvero contenta, non sempre è così però, ma lo accetto.

  12. The Following User Says Thank You to Ondine For This Useful Post:


  13. #54
    Lunatic Mod
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    Sardegna
    Messaggi
    10183
    Thanks Thanks Given 
    359
    Thanks Thanks Received 
    405
    Thanked in
    288 Posts

    Predefinito

    Tolgo il 3d dal rilievo, chi vuole può ancora commentare le poesie
    Intanto vado ad aprire il prossimo.

  14. #55
    Utente stonato
    Data registrazione
    Aug 2016
    Località
    Fra antiche rovine
    Messaggi
    507
    Thanks Thanks Given 
    81
    Thanks Thanks Received 
    201
    Thanked in
    121 Posts

    Predefinito

    La commenterò sicuramente, appena avrò il tempo di leggerla e apprezzarla con calma.

Discussioni simili

  1. 17° Poeticforum - Le poesie che amiamo
    Da alessandra nel forum Poesia
    Risposte: 50
    Ultimo messaggio: 02-27-2016, 12:43 PM
  2. 19° Poeticforum - Le poesie che amiamo
    Da alessandra nel forum Poesia
    Risposte: 52
    Ultimo messaggio: 11-18-2015, 04:24 PM
  3. 18° Poeticforum - Le poesie che amiamo
    Da alessandra nel forum Poesia
    Risposte: 38
    Ultimo messaggio: 07-08-2015, 08:38 PM
  4. 14° Poeticforum - Le poesie che amiamo
    Da alessandra nel forum Poesia
    Risposte: 67
    Ultimo messaggio: 10-28-2014, 08:35 PM
  5. 7° Poeticforum - Le poesie che amiamo
    Da alessandra nel forum Poesia
    Risposte: 73
    Ultimo messaggio: 01-25-2013, 11:55 AM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •