TRAMA
Octave è un bambino che vive con la mamma sulla costa di fronte l'oceano, ma odia il mare e il solo pensiero di immergere un piede nell'acqua salata lo fa rabbrividire. Quando la situazione lo richiede, tuttavia, tira fuori il coraggio e vola in soccorso di una balena; lotta contro la pesca abusiva; aiuta un pinguino a ritrovare la via di casa e salva il papà di un piccolo di sula tenuto prigioniero in un parco marino...*

COMMENTO

Che dire, questa raccolta è deliziosa.*
Come dico sempre, non sono esattamente un'epserta di fumetti, anzi, direi piuttosto tutto il contrario, però questi lavori mi hanno colpita innanzitutto dal punto di vista estetico: le tavole sono bellissime, associano ad un tratto semplice e cartoonesco (si tratta pur sempre di un prodotto destinato primariamente ai bambini) una palette cromatica elegantissima, fatta di colori vibranti e molto evocativi. Insomma, sfogliare queste pagine è proprio una gioia per gli occhi, è estremamente appagante.*
E poi ci sono le storie, che sicuramente sono perfette per dei bambini, ma sono apprezzabilissime anche da chi è un po' più cresciutello: Octave è un bambino che si presenta sempre imbronciato e scontroso, ma sotto sotto è un tenerone. Vive con la sua mamma su una piccola isola piena di animali e di pescatori, ha perso il papà in mare, ha due nonni amorevoli e un cuore grande, che lo spingerà a dare ascolto a tutte le creature che verranno a chiedergli aiuto. E così Octave cresce, e senza nemmeno rendersene conto si trova ad affrontare e superare le sue paure, in una maniera dolcissima ma non moraleggiante. La prima storia soprattutto, da questo punto di vista, mi ha colpita moltissimo: c'è tutto un dramma, un dolore sottilissimo ed estremamente complesso che Chauvel dosa perfettamente, che spunta appena tra le righe, mai in maniera troppo marcata, eppure c'è, e dà una profondità e una maturità tutta diversa alla storia.
E poi, in maniera molto spontanea e per niente didattica (se c'è una cosa che non sopporto sono i prodotti per bambini che si fingono narrazioni solo per portare un messaggio: non c'è assolutamente nulla di male, anzi il contrario, a voler insegnare qualcosa tramite un'opera narrativa, a patto però che si eviti di trascurare il medium narrativo) spuntano anche insegnamenti importantissimi sul corretto comportamento dell'uomo per salvavuardare al meglio il pianeta: leggendo le avventure di Octave, impariamo che cosa sia la pesca a strascico e quanto possa essere deleteria; impariamo che il surriscaldamento globale può far finire alla deriva un pinguino papua, e impariamo che gli animali selvatici non devono stare in una gabbia solo per soddisfare la nostra curiosità.*
Insomma, è un fumetto veramente delizioso, da leggere a qualsiasi età.