Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Sodoma e Gomorra

Mostra risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: Proust, Marcel - Sodoma e Gomorra

  1. #1
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Udine
    Messaggi
    19024
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    249
    Thanks Thanks Received 
    750
    Thanked in
    465 Posts

    Predefinito Proust, Marcel - Sodoma e Gomorra

    Cresce la gelosia per Albertine: Marcel prima sembra volerla lasciare e poi volerla sposare. Il primo tomo del quarto volume inizia con l'ultima apparizione nell'opera del signor Swann, il quale è affetto da una malattia incurabile. Al momento i protagonisti dell'opera si trovano, non più a Parigi, ma a Balbec e proprio qui continuano le vicende amorose di due coppie: da una parte, Marcel e Albertine, dall'altra, il barone di Charlus ed il violinista Morel. Nel secondo tomo, il narratore riesce a superare il grande dolore causatogli dalla morte della nonna, che era stata per lui un importante punto di riferimento. Sarà proprio il ricordo di lei a spingerlo ad abbandonarsi ad Albertine. Così la loro storia d'amore sboccerà e proseguirà bene fino a quando il narratore non farà una scoperta per lui sconvolgente. Marcel scoprirà che Albertine ha avuto dei rapporti omosessuali con la signorina Vinteuil e, alla luce di ciò, deciderà di ritornare con l'amata a Parigi. (da wikipedia)



    Ho trovato questo quarto volume della Recherche il più scorrevole e completo tra i quattro letti, un po' perché è costruito a incastro dando spazio a più storie e avvenimenti rendendolo così più avvincente e meno descrittivo degli altri. Raccontando tante storie e personaggi fa entrare maggiormente nella quotidianità la vita dei protagonisti, nobili e altoborghesi, con le loro mediocrità e e bassezza di pensiero, nei loro continui andirivieni tra un ricevimento e un altro, tra una casa e l'altra, in un'apparente divertimento che invece è noia mortale e nasconde vuoti di pensiero e di sentimenti. Poi c'è l'amore, in tutte le sue sfaccettature, soprattutto erotiche, che sdogana in modo completo le relazioni omosessuali con il personaggio di Charlus, patetico nel suo amore per il rampante Morel, e di Albertine, che oscilla tra l'amore per il Narratore e quello per altre donne (Andrée e la figlia di Vinteuil ad esempio) e che farà in modo da rendere la relazione ossessiva e possessiva da ambedue le parti. L'argomento dell'omosessualità è il leitmotiv di tutto il romanzo e viene presa in considerazione non solo sotto l'aspetto sociale ma anche scientifico con disamine razionali e naturalistiche, qui Proust mostra tutta la sua abilità di pensatore. L'amore poi nella più alta accezione per chi non c'è più, quello per la nonna che dimostra quanta profondità ci sia nell'animo di Proust e come riesca a descriverla emozionando chi legge, rendendo quelle pagine universali e indimenticabili.


  2. #2
    Lonely member
    Data registrazione
    Feb 2009
    Località
    Palermo ma sono di Napoli
    Messaggi
    6836
    Thanks Thanks Given 
    43
    Thanks Thanks Received 
    88
    Thanked in
    63 Posts

    Predefinito

    Anch'io ritengo chq questo sia il volume di più facile lettura tra i primi quattro.
    Il tema centrale, l'amore, è stavolta trattato in maniera meno poetica, tranne quando parla della nonna.
    Per il resto, ci sono i soliti tentennamenti di Marcel ......... ricordate le paranoie per il bacio della buonanotte della mamma??... ecco, lui è cresciuto ma questo aspetto del suo carattere ogni tanto si ripresenta, e in questo volume in particolare, ... è gelosissimo di Albertine, scopre che lei lo tradisce, e decide di lasciarla, per poi cambiare idea.... .
    Io le persone così indecise non le sopporto molto, lo confesso!

    Su tutto, comunque, c'è la bravura di Proust nel sapere cogliere le sfumature e trovare le parole giuste per descrivere sentimenti, ambienti, personaggi. In alcune scene di salotti sembra quasi di vederli i protagonisti, con le loro ipocrisie, i loro tradimenti.
    Promosso

  3. #3
    Lonely member
    Data registrazione
    Feb 2009
    Località
    Palermo ma sono di Napoli
    Messaggi
    6836
    Thanks Thanks Given 
    43
    Thanks Thanks Received 
    88
    Thanked in
    63 Posts

    Predefinito

    Ne conclusi che se c'è qualcosa di più doloroso della sofferenza è il piacere...

  4. #4
    Senior Member
    Data registrazione
    May 2011
    Località
    Marche
    Messaggi
    2325
    Thanks Thanks Given 
    69
    Thanks Thanks Received 
    107
    Thanked in
    81 Posts

    Predefinito

    Questo quarto volume è molto bello, ritornano tutti i personaggi incontrati nei precedenti volumi e le loro vicende si intrecciano, questo rende piacevole la lettura e mostra la cura estrema e maniacale dei dettagli da parte di Proust.
    Il romanzo è incentrato sull'amore verso l'altro sesso e verso lo stesso sesso, amore che è sessualità, vizio ma anche amore profondo con conseguenti pene e sofferenze. La passione di Charlus per i bei giovani ma anche il suo amore per il violinista ce lo fa soffrire e tutto il resto oscura, e l'amore del protagonista per Albertine, fatto di alti e bassi, di momenti di passione alternato a sofferenze per le sue presunte preferenze per il gentil sesso. Tutto questo parlare d'amore non ha però niente di romantico, è sempre narrato alla Proust, descritto in maniera didascalica, minuziosa, scandagliando come sempre i pensieri dei personaggi
    Continua poi in questo volume la disamina delle abitudini mondane, contrapponendo borghesia e aristocrazia, facendo emergere la vacuità di queste riunioni, sempre però con una snobistica predilezione per gli aristocratici.
    Non vedo l'ora di andare avanti, oramai sono stata inghiottita dal vortice.

Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. 215° MG - Sodoma e Gomorra di Marcel Proust
    Da elisa nel forum Gruppi di lettura
    Risposte: 84
    Ultimo messaggio: 07-03-2017, 07:23 PM
  2. 215° MG: In attesa di Sodoma e Gomorra
    Da elisa nel forum Gruppi di lettura
    Risposte: 31
    Ultimo messaggio: 04-01-2017, 11:07 AM
  3. Proust, Marcel - I Guermantes
    Da Valuzza Baguette nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 6
    Ultimo messaggio: 12-25-2016, 11:11 PM
  4. Proust, Marcel - Precauzione inutile
    Da Minerva6 nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 10-12-2012, 09:02 PM
  5. Proust, Marcel - e la Ricerca del Tempo perduto
    Da LuvBeethoven nel forum Salotto letterario
    Risposte: 8
    Ultimo messaggio: 09-21-2012, 09:02 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •