Ecco la trama:

Semisepolto dalla precoce nevicata di un novembre nel New England, viene trovato il cadavere di un famoso economista di colore, docente all'università di Elm Harbor. A scoprirlo sono Julia e Lemaster Carlyle, una coppia che i lettori del precedente romanzo di Stephen Carter, "L'imperatore di Ocean Park", già conoscono. I due sono rispettivamente vicepreside e rettore dello stesso ateneo, e parecchi anni prima Julia ha avuto una lunga e tormentata relazione con l'ucciso, Kellen Zant. Julia ha rivisto Kellen pochi giorni prima della sua morte e, memore di tanti incontri analoghi finiti in ricadute amorose, si è rifiutata di ascoltare la concitata e incomprensibile richiesta di aiuto dell'ex amante. L'omicidio per mano sconosciuta dell'uomo, la successiva indagine e una serie di insinuazioni, domande e richieste esplicite da parte dei personaggi più improbabili e disparati - dal responsabile della sorveglianza dell'università a un avvocato di dubbia fama -cominciano a ossessionare Julia. A complicare le cose c'è anche la rivelazione di sua figlia Vanessa, un'adolescente difficile che ha avuto problemi con la giustizia: Kellen Zant l'ha avvicinata più volte, e le ha rivolto attenzioni non precisamente paterne... La tranquilla vita matrimoniale di Julia subisce scosse sempre più profonde man mano che la sua indagine procede, evocando fantasmi di vicende passate: oltre alla lontana storia d'amore con Kellen, quella ancora più lontana e misteriosa della morte di un'adolescente bianca finita con l'uccisione di un ragazzo nero, e quella di un gruppo di studenti privilegiati arrivati a coprire cariche politiche di estrema importanza.
Come già nel precedente best seller, con la stessa scrittura brillante, Carter rivela i retroscena della lunga marcia di alcune famiglie dell'alta borghesia afroamericana per ottenere e conservare il potere "necessario" alla sopravvivenza: dal Rinascimento di Harlem, alle conquiste razziali degli anni Sessanta, all'imprevedibile successo delle odierne candidature politiche.



trama avvincente, ma troppo lungo e lento.... non so se consigliarne o meno la lettura