Il grande sonno, un libro (da quello che ho capito uno dei primi) che affogò il giallo e i suoi investigatori nelle città, sporche, cattive e corrotte. E’ da questi libri che nasce la figura dell’investigatore non sempre lindo, non sempre corretto, con i suoi demoni ma la sua abbastanza solida moralità. Questo libro è un bel modo per sporcarsi le mani e perdersi nelle intriganti vie urbane del peccato. Ho già ordinato il seguito, questo lo consiglio caldamente.
Senza fare spoiler, mi limito a definire assolutamente intrigrante la figura delle due ragazze; voi, invece, che ne pensate?