'La nuvola di smog' è un racconto continuamente tentato di diventare qualcos'altro: saggio sociologico o diario intimo. Immagine e ideogramma del mondo cui ci troviamo a far fronte è lo smog. La nebbia fumosa è carica di detriti chimici delle città industriali. Questo volume comprende anche un racconto di qualche anno prima e molto diverso, 'La formica argentina', che l'autore ha voluto affiancare a 'La nuvola di smog' per un'affinità strutturale e morale. Qui il male di vivere viene dalla natura: le formiche che infestano la riviera. (quarta di copertina)

La genialità di Calvino e la sua grande capacità di sintesi in questi due racconti lunghi ambientati il primo in una città alle prese con lo smog e con la sua filosofia di progresso e di adattamento umano e l'altro in un paese della Riviera ligure, che se pur su un tema diverso, la piaga delle formiche argentine, tratta la stessa ineluttabilità umana a doversi adattare, difendersi, sopravvivere, chi lottando, chi adagiandosi, chi fingendo, chi alleandosi. Calvino comunque resta sempre sopra di una spanna dal comune racconto, che dalla sua penna si trasforma quasi in un apologo.