Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Il carcere

Mostra risultati da 1 a 9 di 9

Discussione: Pavese, Cesare - Il carcere

  1. #1

    Predefinito Pavese, Cesare - Il carcere

    "Il carcere" è un romanzo brevissimo che narra in terza persona il confino dello stesso Pavese in una colonia penale in meridione. Il protagonista, Stefano, scopre così un altro mondo a lui ignoto, accompagnando questa prigionia con una continua riflessione sul concetto di "carcere"; il romanzo è privo di eventi esteriori, ma ha uno stile a mio avviso molto ricco, che riproduce il pensiero e la sua complessità.
    La prima tematica alla Pavese è l'incontro tra un settentrionale e un mondo "altro da sè", già presente in "Paesi tuoi", incontro che, in entrambi i casi evolve da una fascinazione al protagonista, alla disillusione progressiva (Paesi tuoi si conclude in una spirale di violenza). Inoltre vi è affrontata la disamina del concetto di carcere, inteso come carcere dalle pareti invisibili (la colonia), carcere vero e proprio (caratterizzato dall'impossibilità di ubriacarsi, ovvero dalla perdita del trascorrere del tempo, che diventa un grigio ripetersi) e un carcere universale, dove il mondo stesso viene visto come una serie ininterrotta di celle.
    E' un romanzo che consiglio, in particolare a chi ama questo autore; peccato per la povertà della trama, sebbene utile a mostrare la ripetitività dell'esilio e la sua mancanza di senso.

    voto 6/7

  2. #2
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2007
    Località
    Treviso
    Messaggi
    998
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Smile

    A me le riflessioni sul concetto di carcere, universale o meno, devono essere sfuggite... :|
    In effetti questo libro, come altri di Pavese, m'ha annoiato. Tutt'altra cosa rispetto a Cristo si è fermato a Eboli, dove invece Levi (anche lui confinato) si impegna per capire, integrarsi e cercare di migliorare la vita dei paesani. A Pavese invece sembra interessi solo trovarsi un'amante e andare a caccia. Ma è un po' che l'ho letto, forse ricordo male...
    Ultima modifica di Masetto; 05-06-2008 alle 01:07 PM.

  3. #3

    Predefinito

    In effetti l'impegno manca, e io ho apprezzato questo romanzo proprio per questo: non amo il neorealismo di propaganda, perchè spesso c'è l'impegno e salta l'uomo

  4. #4
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2007
    Località
    Treviso
    Messaggi
    998
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Ho provato a rileggerlo :grin:. In effetti è incentrato sull'idea di carcere nel senso, mi pare, del'incapacità dell'uomo a trovare un rapporto pieno con gli altri, tale da non costringerlo più a volontarie "fughe" nella solitudine. Questo alla prima lettura non mi aveva colpito granchè, ma in realtà nemmeno ora, perchè non è un argomento nuovo e nemmeno mi pare che qui Pavese lo tratti molto in profondità. Per esempio già nelle Operette Morali Leopardi diceva: "Essere diviso dagli uomini e, per dir così, dalla vita stessa, porta seco questa utilità; che l'uomo, eziandio sazio, chiarito e disamorato delle cose umane per l'esperienza; a poco a poco assuefacendosi di nuovo a mirarle da lungi, donde elle paiono molto più belle e più degne che da vicino, si dimentica della loro vanità e miseria; torna a formarsi e quasi crearsi il mondo a suo modo; apprezzare, amare e desiderare la vita; delle cui speranze, se non gli è tolto o il potere o il confidare di restituirsi alla società degli uomini, si va nutrendo e dilettando, come egli soleva a' suoi primi anni. Di modo che la solitudine fa quasi l'ufficio della gioventù; o certo ringiovanisce l'animo, ravvalora e rimette in opera l'immaginazione, e rinnuova nell'uomo esperimentato i beneficii di quella prima inesperienza" e in fondo questo romanzo non mi sembra dica molto di più.
    Il protagonista poi è superficiale: con le donne pensa solo al sesso, con gli uomini non parla che delle beghe del paese. Dei suoi studi, della passata militanza politica, di amici e familiari lontani e di una sua qualche filosofia di vita, se pur l'ha, non c'è traccia (e non mi stupisce troppo che lui non riesca a stabilire rapporti profondi con la gente se non gli parla mai di queste cose ). Si può obiettare che lì non c'era nessuno con cui potesse parlarne, ma allora la sua solitudine è contingente, può esser dovuta solo al confino, e non è più "esistenziale" come credo volesse rappresentarla Pavese. Se è così, se lui voleva dare un valore "universale" al "carcere", bisognava che ambientasse il romanzo in città, facendo vedere che soprattutto qui il protagonista non riesce a costruire rapporti soddisfacenti con gli altri.

    Mi piacciono però alcuni passi, tipo quello verso l'inizio dove parla dell'anfora.

    Ma nel complesso in questo libro ho visto più difetti che pregi. Di Pavese preferisco senz'altro La luna e i falò, Tra donne sole, o altri...

  5. #5

    Predefinito

    Secondo me l'universalità della sofferenza sta proprio nella sua superficialità, cioè il protagnonista è superficiale, come dici tu, perchè tutto gli pare inutile e inerte, e secondo me non è solo legato all'evento particolare del confino. Quindi più che altro il carcere se lo costruisce da solo, e proprio perciò la cosa è drammatica e universale, almeno dal punto di vista di Pavese, che in questo romanzo non sembra dare alcuno spazio all'impegno sociale e all'apertura verso gli altri. In effetti non è un tema originalissimo, bella le citazione di Leopardi!
    ciao ciao

  6. #6
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Udine
    Messaggi
    19025
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    249
    Thanks Thanks Received 
    751
    Thanked in
    466 Posts

    Predefinito

    Riguardo al romanzo Il carcere ed il rapporto con le donne non dimentichiamoci che Pavese andò al confino per proteggere la sua compagna, che poi lo lascerà in modo molto doloroso per lo scrittore, una costante di Pavese. La ragazza del luogo è sensuale ed istintiva, direi vitale, mentre la fidanzata è passiva e materna, un personaggio da cui Pavese non si è mai sentito attratto, preferendo donne forti e volitive. La solitudine di Pavese è la solitudine dell'intellettuale che si cala in una realtà ma non la sente sua, ne rimane distaccato, la rielabora in un certo senso, non la racconta in presa diretta. Almeno questo è quello che ricordo del Carcere, letto purtroppo mille anni fa!

  7. #7
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2007
    Località
    Treviso
    Messaggi
    998
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Dallolio Vedi messaggio
    il protagnonista è superficiale, come dici tu, perchè tutto gli pare inutile e inerte, e secondo me non è solo legato all'evento particolare del confino. Quindi più che altro il carcere se lo costruisce da solo, e proprio perciò la cosa è drammatica e universale, almeno dal punto di vista di Pavese
    D'accordo, ma allora credo che Pavese avrebbe dovuto spiegare perchè tutto gli pare inutile ed inerte, come è giunto a questa conclusione. Per lui la "delusione esistenziale" è stata un punto d'arrivo, ma qui è posta come punto di partenza (Stefano è da subito presentato come superficiale). Invece le persone "entrano" nella vita adulta piene di speranza e solo in seguito capita che rimangano deluse: ed è come ciò avviene che è interessante, che può avere un valore universale, ma di ciò in questo libro non si parla...

    Ma ti starò annoiando con tutte ste obiezioni, forse è meglio che mi fermi

  8. #8

    Predefinito

    No no anzi mi fa piacere!
    Probabilmente secondo me non voleva motivare la sua disillusione esistenziale, proprio per non trovare un'unica motivazione ma per connaturarlo alla vita stessa... Per cui ha trovato opportuno non concentrarsi un minimo sull cause di questo essere atterrito e indifferente verso l'esistenza...

  9. #9
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2010
    Località
    Kanyakumari
    Messaggi
    2232
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    romanzo sulla situazione e la noia esistenziale, sull'incapacità e i limiti dell'uomo...
    concordo in pieno con l'analisi di elisa
    mi ha ricordato (anche se con stili differenti) Cristo si è fermato a Eboli, o Il deserto dei tartari...
    comunque bello, si legge in 2-3 ore!

Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. Pavese, Cesare - La luna e i falò
    Da Dorylis nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 34
    Ultimo messaggio: 11-17-2016, 05:34 PM
  2. Croce, Giulio Cesare - Bertoldo, Bertoldino e Cacasenno
    Da elisa nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 01-09-2012, 10:37 PM
  3. Risposte: 7
    Ultimo messaggio: 07-20-2011, 12:22 AM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •