Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Per ultimo il cuore

Mostra risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: Atwood, Margaret - Per ultimo il cuore

  1. #1
    dreamer member
    Data registrazione
    Dec 2014
    Località
    Provincia di Lecce
    Messaggi
    1063
    Inserimenti nel blog
    44
    Thanks Thanks Given 
    412
    Thanks Thanks Received 
    319
    Thanked in
    207 Posts

    Predefinito Atwood, Margaret - Per ultimo il cuore

    In un Nord America messo in ginocchio da una disastrosa crisi economica e dal dilagare della criminalità, Stan e Charmaine, una giovane coppia innamorata,
    cedono alla falsa lusinga della normalità e della sicurezza promesse da un avvenente progetto, in cambio della rinuncia a qualche "piccola" libertà personale.
    Finiscono in una città troppo bella per essere vera, dove tutti hanno una casa e stanno bene, ma il prezzo è lavorare per un losco personaggio a capo della
    comunità, facendo cose orribili: per esempio praticare iniezioni letali ai condannati a morte o lavorare in una sorta di mercato del sesso. Si ritrovano
    così a fare il male per libera scelta ma contro la loro volontà. Questa situazione conflittuale li trascinerà in un surreale complotto che darà lo spunto
    per interrogarsi su cosa significhi amare - in un futuro dove non solo il sesso ma anche l'amore è mercificato – e scegliere.

    Non lasciatevi fuorviare dal titolo: questo libro è tutto fuor che un romanzo rosa. Sì, si parla d’amore, ma in un modo assolutamente contorto ed inusuale.
    Lo scenario con cui si apre questo racconto è quello post apocalittico di un’America in ginocchio, economicamente e socialmente, e senza nessuna prospettiva per il futuro se non quella della completa devastazione. Stan e Charmaine sono il simbolo, l’esempio di questa realtà: vivono in macchina, mangiano schifezze comprate in bar fatiscenti, lui ha perso il lavoro e lei fa la barista e deve stare attenta che i clienti non le saltino addosso. Ma mentre passa il tempo durante un turno al bar, Charmaine vede uno spot in Tv dove un uomo ricco e dall’aspetto rassicurante promette “Una vita piena di significato”: per ottenerla basta trasferirsi a Consilience, una città ordinata, pulita, ricca, produttiva, che basta a se stessa. Il progetto “Positron” prevede, però, che chi vi entra non possa più uscirne e debba rispettare una serie di prescrizioni. Stan e Charmaine, insieme a molte altre persone, vi si sottopongono e all’inzio tutto va bene… ma poi subentra l’infedeltà, il desiderio proibito e tutto cambia. Stan e Charmaine si ritrovano in un eterno conflitto tra volontà e dovere, invischiati in qualcosa di più grande di loro, in un progetto sovversivo pericoloso che coinvolge molte persone: a Positron qualcosa non va più come dovrebbe e rimediare potrebbe costare a dirittura la vita a qualcuno. Allora il dilemma si fa concettuale: è meglio fare il male per un buon fine o rinunciare all’amore, alla dignità, ad una semplice possibilità e soccombere? E l’amore, che ruolo gioca l’amore in tutto questo?
    Un racconto caotico, una trama complessa, inverosimile, ma sorprendentemente avvincente: all’inizio confesso di aver fatto fatica ad entrare nel romanzo, anche perché era il mio primo approccio con la Atwood ed il suo stile non mi entusiasma, però con l’incedere della storia mi sono ritrovata con la curiosità di sapere come sarebbe andata a finire. Come ho già detto la storia è inverosimile, infatti si tratta di un racconto fantascientifico, ma in alcuni tratti è così folle da sembrare vera: ho provato, in più di un’occasione, la dissociazione di chi sa di leggere una storia di fantasia, ma al contempo prova l’assurda sensazione di viverla. Ora, a voi la valutazione: se vi piace lo stile della Atwood, se vi va di imbarcarvi in una storia bella ma confusionaria, questa può fare al caso vostro. Io lo consiglio, ma con moderazione: vi ho avvertiti!

  2. The Following User Says Thank You to estersable88 For This Useful Post:


  3. 1.5 ADS
    ADV Bot
    Esperto banner
    Data registrazione
    Da Sempre

  • #2
    Senior Member
    Data registrazione
    Sep 2017
    Messaggi
    723
    Thanks Thanks Given 
    1413
    Thanks Thanks Received 
    600
    Thanked in
    357 Posts

    Predefinito

    Sembra molto interessante! Mi hai fatto venire voglia...

  • The Following User Says Thank You to qweedy For This Useful Post:



  • Discussioni simili

    1. Atwood, Margaret - L'assassino cieco
      Da Jessamine nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 0
      Ultimo messaggio: 11-15-2017, 10:42 PM
    2. Atwood, Margaret - L'altra Grace
      Da elisa nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 2
      Ultimo messaggio: 10-17-2016, 11:13 AM
    3. Atwood, Margaret - Dare e avere
      Da elisa nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 0
      Ultimo messaggio: 11-19-2012, 05:09 PM
    4. Atwood, Margaret - Disordine morale
      Da elisa nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 0
      Ultimo messaggio: 10-04-2008, 10:00 PM
    5. Atwood, Margaret - Occhio di gatto
      Da elisa nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 0
      Ultimo messaggio: 11-30-2007, 09:23 PM

    Regole di scrittura

    • Tu non puoi inviare nuove discussioni
    • Tu non puoi inviare risposte
    • Tu non puoi inviare allegati
    • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
    •