Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

 Demetrio Pianelli

Mostra risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: De Marchi, Emilio - Demetrio Pianelli

  1. #1
    Senior Member
    Data registrazione
    May 2012
    Messaggi
    2494
    Thanks Thanks Given 
    121
    Thanks Thanks Received 
    368
    Thanked in
    203 Posts

    Predefinito De Marchi, Emilio - Demetrio Pianelli

    E’ un vero peccato che questo libro sia così poco conosciuto e letto. Per la storia e per il linguaggio potrebbe essere definito un “classicone ottocentesco”. Ma il suo linguaggio un po’ desueto in alcune sue sfumature a me non ha infastidito, né mi ha appesantito la lettura, al contrario ho trovato la valorizzasse.
    Il libro è un ritratto della Milano di fine Ottocento che mi ha ricordato tanto la “Milano da bere” di qualche decennio fa, con tanta “apparenza” e tante persone a vivere al di sopra delle proprie possibilità.
    Lord Cosmetico – Cesarino Pianelli – e la bella pigotta – sua moglie Beatrice – sono due di queste persone. E proprio questo loro stile di vita frivolo porterà Cesarino al suicidio – niente paura non è uno spoiler perché il libro è la storia di quello che avviene dopo questo suicidio – e farà comparire sulla scena il vero protagonista del libro suo fratello Demetrio.
    Cesarino e Demetrio sono fratellastri e non potrebbero essere più diversi, tanto uno è frivolo e spendaccione tanto l’altro è attento e parsimonioso. D’altronde la vita non è mai stata generosa con Demetrio e lo ha costretto a fare continui sacrifici regalandogli in cambio poche felicità. Mentre con Cesarino è stata fin troppo generosa.
    Cesarino è infatti una di quelle persone che grazie al loro aspetto e ai loro modi affascinanti riescono ad incantare gli altri e a farsi riconoscere più meriti di quelli che hanno effettivamente. E per sovrappiù danno anche per scontate queste fortune, senza quindi neppure saperle apprezzare. Mentre Demetrio è uno di quegli uomini onesti, corretti, che compiono sempre in silenzio le loro buone azioni e sopportano in silenzio anche di pagare per le colpe altrui.
    Proprio per questo mentre leggevo spesso mi veniva da gridargli “Apri gli occhi! Renditi conto di quanto è egoista tua cognata!”, ben consapevole di quanto fosse inutile. Per fortuna però ci ha pensato Arabella – la nipotina – a darmi qualche soddisfazione e a regalare a povero Demetrio un po’ di affetto.
    Ci sarebbe molto altro da dire su questo bel personaggio, ma vi lascio il piacere di conoscerlo leggendo il libro.

    Consigliato

  2. The Following User Says Thank You to bouvard For This Useful Post:


  3. 1.5 ADS
    ADV Bot
    Esperto banner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

  • #2
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2009
    Località
    prov. di Milano
    Messaggi
    5009
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    1376
    Thanks Thanks Received 
    821
    Thanked in
    545 Posts

    Predefinito

    Grazie, Bou, lo metto in wishlist.

  • #3
    d'ya think i'm stupid?
    Data registrazione
    Jun 2011
    Messaggi
    4457
    Thanks Thanks Given 
    175
    Thanks Thanks Received 
    433
    Thanked in
    194 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da bouvard Vedi messaggio
    E’ un vero peccato che questo libro sia così poco conosciuto e letto. Per la storia e per il linguaggio potrebbe essere definito un “classicone ottocentesco”. Ma il suo linguaggio un po’ desueto in alcune sue sfumature a me non ha infastidito, né mi ha appesantito la lettura, al contrario ho trovato la valorizzasse.
    Il libro è un ritratto della Milano di fine Ottocento che mi ha ricordato tanto la “Milano da bere” di qualche decennio fa, con tanta “apparenza” e tante persone a vivere al di sopra delle proprie possibilità.
    Lord Cosmetico – Cesarino Pianelli – e la bella pigotta – sua moglie Beatrice – sono due di queste persone. E proprio questo loro stile di vita frivolo porterà Cesarino al suicidio – niente paura non è uno spoiler perché il libro è la storia di quello che avviene dopo questo suicidio – e farà comparire sulla scena il vero protagonista del libro suo fratello Demetrio.
    Cesarino e Demetrio sono fratellastri e non potrebbero essere più diversi, tanto uno è frivolo e spendaccione tanto l’altro è attento e parsimonioso. D’altronde la vita non è mai stata generosa con Demetrio e lo ha costretto a fare continui sacrifici regalandogli in cambio poche felicità. Mentre con Cesarino è stata fin troppo generosa.
    Cesarino è infatti una di quelle persone che grazie al loro aspetto e ai loro modi affascinanti riescono ad incantare gli altri e a farsi riconoscere più meriti di quelli che hanno effettivamente. E per sovrappiù danno anche per scontate queste fortune, senza quindi neppure saperle apprezzare. Mentre Demetrio è uno di quegli uomini onesti, corretti, che compiono sempre in silenzio le loro buone azioni e sopportano in silenzio anche di pagare per le colpe altrui.
    Proprio per questo mentre leggevo spesso mi veniva da gridargli “Apri gli occhi! Renditi conto di quanto è egoista tua cognata!”, ben consapevole di quanto fosse inutile. Per fortuna però ci ha pensato Arabella – la nipotina – a darmi qualche soddisfazione e a regalare a povero Demetrio un po’ di affetto.
    Ci sarebbe molto altro da dire su questo bel personaggio, ma vi lascio il piacere di conoscerlo leggendo il libro.

    Consigliato
    visto in TV lo sceneggiato a puntate, nei primi anni 60, se non erro con Paolo Stoppa, Tino Scotti e, non vorrei sbagliare, Loretta Goggi ...


  • Discussioni simili

    1. Estevez, Emilio - Il cammino di Santiago
      Da Meri nel forum Piccola cineteca
      Risposte: 1
      Ultimo messaggio: 07-06-2013, 06:15 PM
    2. Rigatti, Emilio - Confini blu
      Da alisa nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 0
      Ultimo messaggio: 09-17-2012, 08:54 AM
    3. De Marchi , Cesare - La furia del mondo
      Da Amhose nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 0
      Ultimo messaggio: 07-31-2011, 11:29 AM
    4. Salgari, Emilio
      Da franceska nel forum Autori
      Risposte: 0
      Ultimo messaggio: 04-26-2011, 09:49 PM
    5. De Marchi, Cesare - Fuga a Sorrento
      Da luxi nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 0
      Ultimo messaggio: 03-12-2010, 07:37 PM

    Regole di scrittura

    • Tu non puoi inviare nuove discussioni
    • Tu non puoi inviare risposte
    • Tu non puoi inviare allegati
    • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
    •