Nel giugno del 1942, durante la ritirata da Tobruk, un equipaggio misto con tre americani, cinque inglesi, un francese e un sudanese difende un'oasi con un carro armato, e nel frattempo tiene anche d'occhio due prigionieri: un italiano e un tedesco. Il problema è la mancanza d'acqua...

E' un film di propaganda ambientato in tempo di guerra eppure è un bel film. Con un carismatico Bogart racconta in modo non retorico la guerra, almeno fino al finale. C'è anche un italiano, che fa l'italiano un po' vigliacco ma che alla fine si riscatta, doppiato da Alberto Sordi, mentre nella versione originale parla in spagnolo anche perché l'attore è di origini irlandesi.