Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

 Keyla la rossa

Mostra risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: Singer, Isaac Bashevis - Keyla la rossa

  1. #1
    Senior Member
    Data registrazione
    Dec 2016
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    233
    Thanks Thanks Given 
    35
    Thanks Thanks Received 
    52
    Thanked in
    40 Posts

    Predefinito Singer, Isaac Bashevis - Keyla la rossa

    Sinossi
    Non era affatto sicuro, Singer, di voler pubblicare questo romanzo in una lingua che non fosse lo yiddish: perché dentro ci sono cose che esitava a mettere sotto gli occhi dei lettori americani, e del resto del mondo. C'è, per esempio, il «lato oscuro» di quella via Krochmalna da lui resa un luogo letterariamente mitico, dove viveva, in condizioni di estrema miseria, la comunità ebraica di Varsavia (e la sua stessa famiglia): i bassifondi, i bordelli, i covi dei ladri, dei ricattatori e dei magnaccia; e un accenno a un argomento tabù: il traffico, a opera di malavitosi ebrei, di ragazze giovanissime, che dagli shtetl dell'Europa orientale venivano mandate a prostituirsi in Sudamerica; e, come se non bastasse, un ebreo che va a letto sia con gli uomini che con le donne: atto ignominioso, inammissibile. Ma tutto questo, per noi lettori di oggi, passa in secondo piano rispetto al nucleo incandescente del romanzo, che è una doppia storia di amour fou: quella tra Keyla la Rossa, una irresistibile puttana quasi trentenne, e suo marito Yarme, un seducente avanzo di galera; e quella, ancora più straziante e furibonda, tra la stessa Keyla e Bunem, il figlio diciannovenne di un rabbino, che con lei riuscirà a raggiungere l’America, la terra di tutte le speranze e di tutte le disillusioni. Sullo sfondo, la vita brulicante, ardente, odorante e maleodorante di via Krochmalna, prima, e poi delle miserabili strade di New York dove vivevano gli emigrati all’inizio del secolo scorso: affreschi possenti, che non a caso molti hanno accostato a quelli ottocenteschi di Dickens e Dostoevskij.


    Allora in linea di massima il libro mi è piaciuto e lo consiglio ma, non so perchè, non sono entrata in empatia con i personaggi. E' stata una lettura distaccata ma che mi ha lasciato comunque un alone di tristezza alla fine.

    -ATTENZIONE SPOILER -
    Mi ha infastidito molto Bunem. Mi ha dato l'idea del ragazzino che fa i capricci, che si crede grande, scappa e poi scopre che la realtà è ben peggiore di quello che si era immaginato e, soprattutto, non c'è nessuno a dirgli cosa fare e quindi si trova spaesato e non sa cosa fare. Piuttosto che cogliere l'occasione per crescere, prendersi la resposabilità di decidere qualcosa e pagarne poi le conseguenze (nel bene e nel male), preferisce non far nulla. Non potrà mai avere una evoluzione positiva un personaggio simile.

    Su Keyla non so bene cosa pensare. Non l'ho trovata una donna forte, una classica "eroina" dei romanzi, ma non è nemmeno un personaggio negativo. Ho apprezzato che lei ci prova a migliorare, ad uscire dalla sua condizione, ma essendo umani si ricade facilmente nelle spirali negative che ci portano verso il basso. Non apprezzo però l'esasperazione in questi momenti di "down", questi sbalzi di umore in cui un momento è tutto talmente nero da non vedere soluzioni oltre la morte al un momento dopo andrà tutto a meraviglia inizieremo un'altra vita migliore in un altro posto.

    Inoltre la sinossi del libro inizia così: Non era affatto sicuro, Singer, di voler pubblicare questo romanzo in una lingua che non fosse lo yiddish: perché dentro ci sono cose che esitava a mettere sotto gli occhi dei lettori americani, e del resto del mondo. C'è, per esempio, il «lato oscuro» di quella via Krochmalna
    Ero curiosa di questo aspetto, ma io non ho visto niente di questo. Si sono un gruppo di ebrei e si in via Krochmalna non sono propriamente dei cittadini modello, ma non è descritto niente di diverso da altri quartieri. L'essere ebreo è in sottofondo, è il contesto generale ma non è che siano dei malviventi migliori o peggiori di altri...

  2. The Following User Says Thank You to Kira990 For This Useful Post:


  3. 1.5 ADS
    ADV Bot
    Esperto banner
    Data registrazione
    Da Sempre

  • #2
    Senior Member
    Data registrazione
    Sep 2017
    Messaggi
    1051
    Thanks Thanks Given 
    1979
    Thanks Thanks Received 
    893
    Thanked in
    545 Posts

    Predefinito

    Primo romanzo che leggo di Isaac Singer (premio Nobel per la letteratura nel 1978), e l'ho trovato stupefacente.
    Racconta l'amore e la passione, racconta l'umanità povera e umile dalla vita maleodorante del ghetto di Varsavia al quartiere degli immigrati ebrei più poveri di New York nei primi anni del Novecento. Protagonista è un quartetto di ebrei polacchi, una prostituta, un avanzo di galera, un aspirante rabbino, un avventuriero. A tenerli insieme è Keyla: “era bellissima. I capelli rossi, gli occhi verdi con la pelle candida facevano pensare ad un dipinto.”
    Pubblicato a puntate sul quotidiano yiddish di New York nel 1976-77 affronta alcuni tabù: i mascalzoni che spedivano ragazze ebree a prostituirsi in Sud America e l’ignominia di un ebreo che andava a letto con uomini e donne.
    Keyla la rossa è il personaggio più positivo e affascinante del romanzo, è grandiosa nei suoi slanci di fiducia e ingenuità, cade e si risolleva, non si arrende mai, è piena di candore nel suo desiderio di riscatto. I personaggi maschili sono schiavi della passione intesa come possesso, egoisti e meschini, e tutti sfruttano Keyla. Nonostante la continua discesa nel fango, Keyla è l'unica che conserva la purezza che deriva dal suo buon cuore.
    Si sente lo sguardo di compassione con cui Singer descrive i suoi personaggi, ebrei devoti ed ebrei erranti, nel silenzio di Dio.


    Consigliatissimo! Voto 5.


    “Keyla aveva vissuto nel peccato per tanti anni, abbandonata da Dio e dagli uomini, ma le usanze ebraiche non le aveva dimenticate così come la forma più sordida del desiderio.”.

    «Capitava di rado che una femmina già passata per tre bordelli si sposasse ... Era un segno del cielo inviato a tutte le puttane di Varsavia: non dovevano perdere la speranza, l'amore avrebbe continuato a governare il mondo».
    Ultima modifica di qweedy; 10-11-2018 alle 11:29 PM.

  • The Following User Says Thank You to qweedy For This Useful Post:



  • Discussioni simili

    1. Singer,Isaac Bashevis - Il mago di Lublino
      Da SALLY nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 3
      Ultimo messaggio: 08-15-2018, 12:27 PM
    2. Singer, Isaac B. - La famiglia Moskat
      Da elisa nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 5
      Ultimo messaggio: 09-22-2015, 03:53 PM
    3. Singer, Isaac Bashevis - Gimpel l'idiota
      Da bouvard nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 0
      Ultimo messaggio: 07-31-2014, 05:43 PM
    4. Singer, Isaac B. - La distruzione di Kreshev
      Da Minerva6 nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 0
      Ultimo messaggio: 03-16-2013, 08:49 PM
    5. Singer, Isaac Bashevis - Schiuma
      Da elisa nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 3
      Ultimo messaggio: 09-02-2011, 02:12 PM

    Regole di scrittura

    • Tu non puoi inviare nuove discussioni
    • Tu non puoi inviare risposte
    • Tu non puoi inviare allegati
    • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
    •