Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

Mostra risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: Corazzini, Sergio - Desolazione del povero poeta sentimentale

  1. #1
    Victorian lady
    Data registrazione
    Mar 2017
    Località
    In riva al mare
    Messaggi
    1366
    Thanks Thanks Given 
    979
    Thanks Thanks Received 
    782
    Thanked in
    541 Posts

    Predefinito Corazzini, Sergio - Desolazione del povero poeta sentimentale

    I
    Perché tu mi dici: poeta?
    Io non sono un poeta.
    Io non sono che un piccolo fanciullo che piange.
    Vedi: non ho che le lagrime da offrire al Silenzio.
    Perché tu mi dici: poeta?

    II
    Le mie tristezze sono povere tristezze comuni.
    Le mie gioie furono semplici,
    semplici così, che se io dovessi confessarle a te arrossirei.
    Oggi io penso a morire.

    III
    Io voglio morire, solamente, perché sono stanco;
    solamente perché i grandi angioli
    su le vetrate delle catedrali
    mi fanno tramare d'amore e d'angoscia;
    solamente perché, io sono, oramai,
    rassegnato come uno specchio,
    come un povero specchio melanconico.
    Vedi che io non sono un poeta:
    sono un fanciullo triste che ha voglia di morire.

    IV
    Oh, non maravigliarti della mia tristezza!
    E non domandarmi;
    io non saprei dirti che parole così vane,
    Dio mio, così vane,
    che mi verrebbe di piangere come se fossi per morire.
    Le mie lagrime avrebbero l'aria
    Di sgranare un rosario di tristezza
    Davanti alla mia anima sette volte dolente,
    ma io non sarei un poeta;
    sarei, semplicemente, un dolce e pensoso fanciullo
    cui avvenisse di pregare, così, come canta e come dorme.

    V
    Io mi comunico del silenzio, cotidianamente, come di Gesù.
    E i sacerdoti del silenzio sono i romori,
    poi che senza di essi io non avrei cercato e trovato il Dio.

    VI
    Questa notte ho dormito con le mani in croce.
    Mi sembrò di essere un piccolo e dolce fanciullo
    Dimenticato da tutti gli umani,
    povera tenera preda del primo venuto;
    e desiderai di essere venduto,
    di essere battuto
    di essere costretto a digiunare
    per potermi mettere a piangere tutto solo,
    disperatamente triste,
    in un angolo oscuro.

    VII
    Io amo la vita semplice delle cose.
    Quante passioni vidi sfogliarsi, a poco a poco,
    per ogni cosa che se ne andava!
    Ma tu non mi comprendi e sorridi.
    E pensi che io sia malato.

    VIII
    Oh, io sono, veramente malato!
    E muoio, un poco, ogni giorno.
    Vedi: come le cose.
    Non sono, dunque, un poeta:
    io so che per essere detto: poeta, conviene
    viver ben altra vita!
    Io non so, Dio mio, che morire.
    Amen
    Ultima modifica di Ondine; 03-02-2018 alle 11:43 PM.

  2. The Following User Says Thank You to Ondine For This Useful Post:


  3. 1.5 ADS
    ADV Bot
    Esperto banner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

  • #2
    Victorian lady
    Data registrazione
    Mar 2017
    Località
    In riva al mare
    Messaggi
    1366
    Thanks Thanks Given 
    979
    Thanks Thanks Received 
    782
    Thanked in
    541 Posts

    Predefinito

    Corazzini, morto giovanissimo (20 anni), è uno di quei poeti-fanciulli che si contrapponevano alla superbia dannunziana con i toni dimessi e fievoli propri del crepuscolarismo.
    Questa è la più celebre poesia di Corazzini, tratta da Piccolo libro inutile (1906), il suo manifesto poetico e quasi anche quello del crepuscolarismo: egli nega ripetutamente di essere un poeta ma in sostanza afferma di essere un poeta nuovo, diverso dai modelli carducciano e dannunziano: rifiuta il ruolo di vate, civilmente impegnato, ma poeta “sentimentale”, intimista, ripiegato su se stesso.
    Tutti gli elementi tipici della poesia crepuscolare sono presenti: la tristezza, l’angoscia, la malinconia, la stanchezza, il dolore, la malattia, la morte. La poesia si conclude con la malinconica consapevolezza del destino effimero degli uomini e che solo la morte può liberarli dalla “malattia” della vita.
    Versi liberi, riuniti in otto strofe di lunghezza variabile, senza rime. La poesia è dominata da un tono dimesso e dal ricorso ad un linguaggio semplice e colloquiale, senza termini ricercati, in contrasto con la moda dannunziana che ricercava un linguaggio raffinato ed erudito. Anche la sintassi è lineare e i periodi brevi. Il Poeta si rivolge con un “tu” indefinito al lettore e a se stesso. Le molte ripetizioni conferiscono musicalità al testo.
    Il titolo è musicale.

    La figura di Sergio Corazzini è molto vicina a quella di Gozzano, oltre che per affinità di poetica e di modelli culturali, per una vicenda biografica ugualmente segnata dalla malattia e dalla morte precoce.
    Corazzini nacque a Roma nel 1886, dovette lasciare gli studi per un improvviso dissesto finanziario causato da alcune speculazioni sbagliate del padre: si impiegò allora in una compagnia di assicurazioni di Roma.
    Con un gruppo di giovani amici, creò a Roma una sorta di circolo letterario, fondando anche una rivista (“Cronache latine”).
    Nel 1906 entrò nel sanatorio di Nettuno. La morte per tisi lo colse a soli ventuno anni, nel 1907.


  • Discussioni simili

    1. Leone, Sergio - C'era una volta in America
      Da elisa nel forum Piccola cineteca
      Risposte: 3
      Ultimo messaggio: 10-14-2017, 11:13 AM
    2. Corbucci, Sergio - Di che segno sei?
      Da Minerva6 nel forum Piccola cineteca
      Risposte: 0
      Ultimo messaggio: 01-20-2016, 07:30 PM
    3. Bambaren, Sergio - Il delfino
      Da libraia978 nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 7
      Ultimo messaggio: 12-16-2012, 08:53 AM
    4. Bambarén, Sergio - Fratello Mare
      Da dipra85 nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 0
      Ultimo messaggio: 12-12-2011, 01:08 PM
    5. Rubini, Sergio - La terra
      Da risus nel forum Piccola cineteca
      Risposte: 0
      Ultimo messaggio: 06-16-2009, 11:40 AM

    Regole di scrittura

    • Tu non puoi inviare nuove discussioni
    • Tu non puoi inviare risposte
    • Tu non puoi inviare allegati
    • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
    •