Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Epepe

Mostra risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: Karinthy, Ferenc - Epepe

Thread visitati

Messaggio precedente Messaggio precedente   Messaggio successivo Messaggio successivo
  1. #1
    Senior Member
    Data registrazione
    May 2012
    Messaggi
    2495
    Thanks Thanks Given 
    121
    Thanks Thanks Received 
    371
    Thanked in
    205 Posts

    Predefinito Karinthy, Ferenc - Epepe

    Mi viene difficile scrivere un commento su questo libro perché non sono riuscita a capire quanto mi sia piaciuto e quanto invece mi abbia deluso. E’ sicuramente un libro molto interessante ed originale, però nella parte finale mi ha lasciata perplessa.
    Epepe materializza e trascina il lettore in uno dei peggiori incubi letterari. Immaginate di avere una vita soddisfacente, un lavoro che vi piace e nel quale siete competente e apprezzato, una famiglia degli affetti, una vita per certi versi “pianificata” con un’agenda di impegni da rispettare e all’improvviso commettete una piccola, banale distrazione. Come ne capitano tante nella vita di ognuno di noi. Certo sbagliare aereo è un po’ più grave che sbagliare autobus, perché non si può scendere dopo qualche isolato, ma non è di sicuro la cosa più grave e irreparabile del mondo.
    E se invece non fosse così? Se fosse davvero la cosa più grave e irreparabile che potesse capitarci? Se quell’aereo ci facesse finire fra persone che non solo parlano una lingua sconosciuta e incomprensibile, ma che non si sforzano minimamente di cercare di capirci, facendo cadere nel vuoto ogni nostro tentativo di comunicazione? Ecco allora che quella piccola distrazione sarebbe l’inizio di un vero e proprio incubo.
    Mi ha colpito molto la fiducia di Budai - il protagonista - e la sua estrema razionalità. Non nascondo che io sarei andata nel panico quasi subito, invece lui riesce a conservare il suo sangue freddo – a parte qualche sporadico scatto d’ira, tra l’altro giustificabilissimo - e nonostante tutte le sue idee, tutti i suoi tentativi siano destinati a fallire miseramente non si arrende mai. Il suo tentativo di imparare la lingua locale poi l’ho trovato stupefacente, a me sarebbe sembrata un’impresa talmente difficile che avrei gettato la spugna prim’ancora di iniziare.
    Inoltre mi ha colpito l’estrema solitudine che si avverte in questo libro. Nonostante la città sia infatti un formicaio e nonostante tutti i luoghi siano un brulicare continuo di persone è come se ognuno fosse un mondo chiuso, impermeabile agli altri. Tanto che ad un certo punto a Budai viene il sospetto che non ci sia neppure una sola lingua, ma che ognuno parli una “sua” lingua. Perciò quelle che sembrerebbero delle conversazioni sarebbero invece come i “monologhi collettivi” dei bambini in cui ognuno parla da solo.
    Le pagine in cui Budai facendo dei numeri di telefono a casaccio trova sempre qualcuno con cui parlare inoltre la dicono lunga su questa solitudine. Soprattutto se si considera l’incomprensione reciproca fra Budai e il suo interlocutore, come se capirsi non fosse la cosa importante, quanto invece il potersi sfogare.
    Come dicevo la parte finale non l’ho capita. O meglio non ho capito cosa c’entri con il resto del libro, è quasi come un corpo estraneo, tipo un’ala attaccata sul corpo di un coniglio. Insomma Epepe l’ho trovato un bel libro, ma mi sono chiesta spesso come sarebbe stato se lo avesse scritto un G. Orwell o un R. Bradbury…

  2. The Following 4 Users Say Thank You to bouvard For This Useful Post:


  3. 1.5 ADS
    ADV Bot
    Esperto banner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre


Discussioni simili

  1. 224° Mg - Epepe di Ferenc Karinthy
    Da bouvard nel forum Gruppi di lettura
    Risposte: 26
    Ultimo messaggio: 04-12-2018, 09:33 PM
  2. Molnar, Ferenc - I ragazzi della Via Pal
    Da Poirot nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 14
    Ultimo messaggio: 11-10-2013, 08:59 PM
  3. Kormendi, Ferenc - Un'avventura a Budapest.
    Da Frundsberg nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 02-03-2013, 01:16 AM
  4. Karinthy, Frigyes - Catene
    Da Zefiro nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 05-09-2011, 11:47 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •