Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

 Requiem per una pornostar

Mostra risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: Deaver, Jeffery - Requiem per una pornostar

  1. #1
    Non rinunciare mai
    Data registrazione
    Jan 2018
    Messaggi
    188
    Thanks Thanks Given 
    107
    Thanks Thanks Received 
    77
    Thanked in
    54 Posts

    Predefinito Deaver, Jeffery - Requiem per una pornostar

    Trama:
    Un’esplosione improvvisa e fortissima sventra un palazzo nel cuore di Manhattan: al posto del Velvet Venus, vecchio cinema a luci rosse, ora ci sono solo pezzi di sedili e vetri infranti. Qui, il detective Sam Healy della Squadra Artificieri s’imbatte in Rune, aspirante regista appassionata di crimini: l’esplosione sembra un segno del destino per lei, che decide di raccontare nel suo primo documentario proprio il mondo luccicante e crudele dei blue movie, scegliendo per protagonista l’attrice in cartellone al Velvet quel giorno, Shelly Lowe. Ma Rune non sa che la splendida e sfortunata Shelly sta per essere messa a tacere per sempre da una seconda esplosione, e che il suo stesso debutto nella regia è a rischio.

    Commento:
    Sicuramente non è uno dei thriller più sconvolgenti di Deaver. Sebbene abbia piacevolmente ritrovato tutte le caratteristiche che lo contraddistinguono, specialmente nei capitoli finali, questa storia è stata per due buoni terzi più una tragicommedia che un romanzo di suspense. Il che confesso che non mi è dispiaciuto, era da un po’ che una lettura non mi portava grasse e sane risate.
    Chi, come me, sperava che le vicende di “Nero a Manhattan” avessero fatto diventare la giovane Rune un po’ meno sulle nuvole si sbagliava di grosso. Al contrario, l’intraprendenza della ragazza è a dir poco peggiorata, così come la sua fervida immaginazione, che la porta varie volte a infilarsi in situazioni pericolose per la sua stessa vita, o più semplicemente a farsi parecchi film mentali sulle persone in cui si imbatte. Nonostante in più occasioni ci si chieda se Rune ci sia o ci faccia, in fondo la sua tenacia e le trovate che architetta per ottenere le informazioni che le necessitano si guardano con malcelata ammirazione, anche solo per il fatto che molti di noi non avrebbero il suo coraggio e la sua faccia tosta.
    Parte tutto da un’esplosione di un cinema porno alla quale Rune si trova ad assistere (quasi) per caso, e dalla conseguente idea di realizzare un documentario su Shelly Lowe, l’attrice il cui volto era raffigurato in un cartellone all’ingresso. Peccato solo che le esplosioni non si fermano, e in una di queste l’attrice prescelta perde la vita. Ovviamente Rune non si dà per vinta e si convince che in realtà la “Spada di Cristo” sia una copertura per coprire il vero obiettivo: l’omicidio di Shelly. Partono così le sue indagini personali, che la portano a conoscere Sam, agente del reparto artificieri per il quale prova un certo interesse non solo professionale.
    Il colpevole viene scoperto, ma ormai chi segue Deaver sa che nulla è come appare, e quest’avventura di Rune non smentisce affatto la regola, che anzi è valida molto più che in altri casi. Si fa attendere, ma alla fine la suspense arriva, ed è più angosciante che mai: Niente mette ansia come il conto alla rovescia di un timer che accompagna una bomba e la consapevolezza che ogni secondo che passa potrebbe scandire l’avvicinarsi della propria morte.
    Il finale è stato abbastanza inaspettato, e in parte la decisione di Rune non mi vede d’accordo: ha protetto una persona che l’ha sfruttata in piena regola. I motivi erano ottimi, ma secondo me quella ragazza pecca di troppa bontà d’animo. Mi è piaciuto però che chi se l’è davvero meritato abbia avuto il giusto contributo.

  2. 1.5 ADS
    ADV Bot
    Esperto banner
    Data registrazione
    Da Sempre

  • #2
    Ananke
    Data registrazione
    Feb 2014
    Località
    Mantova
    Messaggi
    2876
    Thanks Thanks Given 
    305
    Thanks Thanks Received 
    344
    Thanked in
    221 Posts

    Predefinito

    Sicuramente non è all'altezza del primo "Nero a Manhattan" che rimane uno dei miei libri preferiti, questo è appena sufficiente, da leggere solo per gli appassionati della saga della giovane Rune.
    Sono curioso di leggere il terzo e ultimo capitolo (Hard News) della trilogia, dai commenti che ho letto sembra meglio di questo, speriamo!
    Ultima modifica di Fabio; 05-27-2018 alle 03:14 PM.


  • Discussioni simili

    1. Deaver, Jeffery - Spirali
      Da Ambra nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 4
      Ultimo messaggio: 11-18-2018, 10:17 AM
    2. Deaver, Jeffery - Profondo blu
      Da Hoya nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 9
      Ultimo messaggio: 12-12-2017, 12:54 PM
    3. Deaver, Jeffery
      Da Minnie nel forum Autori
      Risposte: 40
      Ultimo messaggio: 11-23-2015, 11:43 PM
    4. Deaver, Jeffery - L'addestratore
      Da kikko nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 1
      Ultimo messaggio: 12-04-2011, 01:55 PM
    5. Deaver, Jeffery - Suspense
      Da Sant'uomo nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 0
      Ultimo messaggio: 06-30-2008, 05:13 PM

    Regole di scrittura

    • Tu non puoi inviare nuove discussioni
    • Tu non puoi inviare risposte
    • Tu non puoi inviare allegati
    • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
    •