Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

L'Estate della Paura

Mostra risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: Simmons, Dan - L'Estate della Paura

  1. #1

    Predefinito Simmons, Dan - L'Estate della Paura

    Dan Simmons ho imparato ad apprezzarlo e adorarlo con la saga di Hyperion, per questo, gironzolando in una libreria, mi ha incuriosito questo horror con il suo nome stampato in copertina. Visto che i libri sono l'unico bene che acquisto con regolarità non ho avuto dubbi e l'ho aggiunto alla spesa.

    L'Estate della paura non mi ha convinto. La storia è ambientata in una paesino dell'Illinois dove è rimasta sepolta per anni una tremenda minaccia e tornerà a presentarsi nell'estate del 1960. I paladini pronti a misurarsi con l'orrore sono un manipolo di ragazzini che frequentano l'enorme scuola di Elm Haven ed è proprio da lì che giunge il pericolo. Vi verrà subito in mente IT di King e anche Stand by me, e in effetti da un po' quell'impressione, che rimane per tutto il romanzo, anche se Simmons, lo dico senza remore, non è il Re.

    La storia di per sè non è molto originale, ma è comunque costruita in modo impeccabile e la trama si dilata lungo il percorso a cui il lettore volente o nolente sa di dover giungere. Sì, perchè a differenza della saga, qui Simmons mi sembra un po' troppo impegnato a dar sfoggio della sua natura creativa e riempe pagine e pagine di descrizioni, sensazioni e situazioni che a volte avrebbe anche potuto risparmiarsi. Anche in questo caso, ribadisco, lui non è King.

    A tratti il romanzo appassiona, ti tira dentro, ma la prolissità di determinati periodi ti fan venir voglia di saltare a piè pari certe pagine. Sappiamo che un romanzo negli USA per essere considerato tale deve superare almeno le 400 pagine, ma questo deve andare a discapito della fluidità di una storia?

    Non dico che questo romanzo non debba essere letto, ha un suo fascino, alcuni tratti sono piacevoli, soprattutto il rapporto di amicizia dei ragazzi e alcune situazioni spettacolari. Di contro, oltre alla già citata profusione di particolari, alcuni elementi horror non mi hanno convinto. E' vero che è difficile essere originali in un genere che ha sfornato, scusate il gioco di parole, dei veri e propri orrori, ma Simmons non ha inventato nulla con questo romanzo, ha solo raccontato in modo, a volte originale, una storia che sa di già letto, visto e sentito.

    Se avete amato Simmons in Hyperion, forse in questo romanzo vi deluderà. Sono io il primo a dire che uno scrittore deve provare a confrontarsi con diversi generi, ma c'è chi ci riesce bene e chi no. King ha provato a scrivere non solo di horror e credo che in fin della fiera gli sia riuscito anche bene, Simmons, a mio parere, è migliore come scrittore di fantascienza.
    Ultima modifica di elisa; 06-04-2009 alle 10:41 PM. Motivo: edit caratteri

  2. #2
    Senior Member
    Data registrazione
    Mar 2009
    Località
    milano
    Messaggi
    1572
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    3
    Thanked in
    3 Posts

    Predefinito

    Mi trovo d'accordo con il commento anch'io non sono rimasto pienamente colpito dal romanzo e dalla sua storia.L'ho comprato perchè ne avevo sentito parlare come il suo capolavoro e che molti l'avevo addirittura considerato paragonabile se non meglio di IT,personalmente non l'ho trovato cosi:la trama è abbastanza buona lo sviluppo però della storia l'ho trovata un pò lenta,inoltre al contrario di It non ho "sentito"quel tema dell'amicizia e del ritono all'età de bambino,nè il senso di avventura che ho invece riscontrato nella storia di King,diciamo che sono rimasto quindi piuttosto deluso.Proverò a leggere di Simmons qualcosa di fantascienza visto che da quest lato non conosco nulla

Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. Ammaniti, Niccolò - Io non ho paura
    Da Robby nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 52
    Ultimo messaggio: 03-29-2017, 10:39 PM
  2. Lehane, Dennis - L'isola della paura
    Da Ambra nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 62
    Ultimo messaggio: 10-26-2014, 05:03 PM
  3. Fantasy per l'estate
    Da giuggiola nel forum Salotto letterario
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 12-02-2012, 11:34 PM
  4. Cardini, Franco - Il signore della paura
    Da bludemon nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 12-24-2008, 10:07 AM
  5. Connelly, Michael - Gli occhi della paura
    Da libraia978 nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 6
    Ultimo messaggio: 06-05-2008, 10:39 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •