Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

L'arcipelago della nuova vita

Mostra risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: Makine, Andrei - L'arcipelago della nuova vita

  1. #1
    dreamer member
    Data registrazione
    Dec 2014
    Località
    Provincia di Lecce
    Messaggi
    1294
    Inserimenti nel blog
    44
    Thanks Thanks Given 
    579
    Thanks Thanks Received 
    484
    Thanked in
    322 Posts

    Predefinito Makine, Andrei - L'arcipelago della nuova vita

    Agli estremi confini orientali della Russia, dentro al vento del Pacifico, per terre immense che sembrano sfuggite alla storia, Pavel Gartsev e i suoi
    compagni danno la caccia a un criminale dal volto sconosciuto. Pavel, nato e cresciuto nella Russia di Stalin, ha un passato di solitudine e abbandoni:
    rimasto orfano da bambino in circostanze che non conosce, ha vissuto, soldato ancora giovanissimo, tutta la violenza della seconda guerra mondiale. Rientrato
    a casa, Pavel si iscrive all’università, conosce Sveta, sogna di iniziare con lei una vita normale, ma all’addensarsi della guerra fredda è richiamato
    in servizio nell’est del paese e gli viene assegnato il compito di dare la caccia, insieme ad altri soldati, a un uomo evaso da un campo di prigionia.
    Per molti giorni i cinque, accompagnati da un cane, seguono per l’infinita distesa della taiga le tracce dell’uomo; la preda è astuta, più volte si fa
    gioco dei suoi inseguitori, costringendoli a un vagare disperato ed esaltante. Quando i suoi compagni vengono feriti, Pavel decide di continuare la caccia
    da solo, ma non sa ancora che la vera identità del fuggitivo, una volta scoperta, sarà capace di sconvolgere la sua vita.



    Un meraviglioso racconto di guerra e d’amore. Due concetti, due termini, dai significati così ampi e sfuggenti che si fa fatica ad inquadrarli. Cos’è la guerra? Non solo un combattimento fisico e frontale, ma anche una battaglia interiore, una lotta contro la volontà di lasciarsi andare, il superamento dei propri limiti, la capacità di conoscere e seguire i propri valori senza lasciare decidere gli altri. E cos’è l’amore? L’amore tra uomo e donna, certo, ma anche l’amore per la giustizia, l’ammirazione per la superiorità dell’altro, la ricerca spasmodica di un motivo, anche illusorio, per continuare a vivere. Troviamo tutto questo in queste pagine: concetti grandissimi quasi quanto la terra che i protagonisti percorrono. Una terra, un paesaggio, una natura, un viaggio, una fuga, che è metafora della vita. E quando tutto sembra perduto si deve trovare la via d’uscita, l’occasione, la forza per ricominciare da zero.
    Lettura piacevole, avvincente e quasi commovente nel finale, un’analisi delicata e sobria dei più estremi sentimenti umani. Consigliato.
    Ultima modifica di Fabio; 07-01-2018 alle 03:06 PM.

  2. 1.5 ADS
    ADV Bot
    Esperto banner
    Data registrazione
    Da Sempre

  • #2
    Non rinunciare mai
    Data registrazione
    Jan 2018
    Messaggi
    189
    Thanks Thanks Given 
    107
    Thanks Thanks Received 
    77
    Thanked in
    54 Posts

    Predefinito

    Romanzo breve, ma con moltissimi spunti di riflessione, che sono ciò che ho preferito. Mi è piaciuto molto il personaggio di Mark, che ha fatto di tutto
    per non farsi annientare dalla guerra e venirne schiacciato. Guerra ben presente nel vissuto di tutti i personaggi, che l'hanno affrontata ognuno secondo
    le proprie ambizioni e speranze.
    Finale triste e forse un po' favoleggiante, soprattutto per il rispetto reverenziale che persone come Sasa hanno mostrato nei confronti dell'amore tra i due vecchi
    fuggiaschi, facendolo quasi diventare una leggenda. Particolare l'ambientazione, per gran parte del racconto nei boschi russi.


  • Discussioni simili

    1. I cicli della vita
      Da ParallelMind nel forum Le Sempreverdi - Discussioni con Bellezza eterna
      Risposte: 3
      Ultimo messaggio: 05-25-2013, 11:37 AM
    2. E.A.Poe e il dilemma della vita e della morte
      Da Antonio_76 nel forum Poesia
      Risposte: 0
      Ultimo messaggio: 02-27-2011, 01:33 PM
    3. Pamuk, Ohran - La nuova vita
      Da velmez nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 0
      Ultimo messaggio: 01-12-2011, 12:06 PM
    4. Risposte: 19
      Ultimo messaggio: 05-13-2008, 09:53 AM
    5. Malamud, Bernard - Una nuova vita
      Da raskolnikoff nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 0
      Ultimo messaggio: 10-29-2007, 10:19 PM

    Regole di scrittura

    • Tu non puoi inviare nuove discussioni
    • Tu non puoi inviare risposte
    • Tu non puoi inviare allegati
    • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
    •