Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Il dio dei viventi

Mostra risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: Deledda, Grazia - Il dio dei viventi

  1. #1
    Senior Member
    Data registrazione
    May 2012
    Messaggi
    2668
    Thanks Thanks Given 
    166
    Thanks Thanks Received 
    577
    Thanked in
    311 Posts

    Predefinito Deledda, Grazia - Il dio dei viventi

    Il titolo di questo libro deriva da un verso del Vangelo di Marco “Dio non è il Dio dei morti ma il Dio dei viventi”.
    Trama: Basilio Barcai non si è mai sposato, però dalla sua amante Lia ha avuto un figlio a cui lascia i suoi beni. Ma, dopo morto, il fratello Zebedeo gli sottrae dalla tasca il testamento e così i beni passano al figlio di questi: Bellìa. I sensi di colpa e i tormenti interiori aumentano man mano che si susseguono una serie di “disgrazie” di cui Bellìa è l’incolpevole vittima…
    Dio non è solo il Dio dei morti che ci giudicherà alla fine dei tempi, ma è anche il Dio dei viventi che giudica e punisce le nostre azioni già mentre le compiamo. Perciò ognuno di noi è chiamato ad agire sempre secondo coscienza e a dare il meglio di sé.
    “Dio ci ha dato un'anima viva, e sta in noi fare il bene e il male: noi siamo nel mondo solo per questo”.
    La Deledda – inutile dirlo – è bravissima nel rappresentarci diversi “tipi” umani, dalla silenziosa, ma irremovibile Lia, al tormentato Zebedeo, dal piccolo e fin troppo maturo, ma (almeno per me) un po’ antipatico Salvatore, all’infantile ed egoista Bellìa, dalla remissiva Maria al saggio Michele…
    Libro di grande attualità per l’inestricabile misto di religiosità e superstizione.

  2. The Following 2 Users Say Thank You to bouvard For This Useful Post:


  3. 1.5 ADS
    ADV Bot
    Esperto banner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

  • #2
    *MOD* Monkey Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    in Campania,ma vicino al Lazio
    Messaggi
    15469
    Thanks Thanks Given 
    1620
    Thanks Thanks Received 
    1428
    Thanked in
    996 Posts

    Predefinito

    Ho trovato questa storia molto scenografica e mi hanno colpita in particolare le maledizioni di zio Michele... sarà che da qualche anno sono troppo incavolata col mondo intero e quindi ne faccio uso spesso, senza però riuscire nel risultato di vederle esaudite (forse la parte buona di me è ancora troppo presente per dar loro la forza di prendere vita).
    E' un periodo poi che sono affascinata dalle letture a sfondo religioso e spirituale, quindi l'ho apprezzato parecchio.
    Non quanto il precedente letto, Il segreto dell'uomo solitario, ma comunque tanto da farmi venire voglia di proseguire (e infatti dopo poco tempo ho letto anche Canne al vento).

  • #3
    dreamer member
    Data registrazione
    Dec 2014
    Località
    Provincia di Lecce
    Messaggi
    1616
    Inserimenti nel blog
    44
    Thanks Thanks Given 
    920
    Thanks Thanks Received 
    760
    Thanked in
    475 Posts

    Predefinito

    Lia è additata e guardata con sospetto e timore perché si è separata dal marito ed ha dato alla luce un figlio con Basilio, il maggiore dei fratelli Barcai, senza essere sposata con lui. In paese tutti cercano di evitarla perché credono che sia fattucchiera e portatrice di male, anche Zebedeo, il fratello minore di Basilio che alla morte di questi però non esita a sottrargli il testamento, di fatto privando il nipotino dell'eredità.
    Da questo momento sulla famiglia di Zebedeo sembra cadere un'ombra di sventura: in particolare il figlio, Bellia, si infortuna ad una mano e le cose sembrano peggiorare di giorno in giorno. C'è chi pensa che il male sia stato causato da una qualche vendetta o fattura della vedova Lia, ma in cuor suo Zebedeo sa che sono state le sue azioni a generarlo. Ed è proprio questa la morale al centro di questo breve romanzo: il male genera altro male. I pregiudizi verso Lia, le cattive azioni di Zebedeo e la sua malacoscenza provocano il male nella sua famiglia, quasi che Dio, che non è solo il Dio dei morti, ma anche dei viventi, volesse punirla. Una buona lettura che non mi ha coinvolto da subito come "Canne al vento" o "Il segreto dell'uomo solitario", ma comunque piacevole, istruttiva ed intrisa del lirismo descrittivo e del trionfo dell'Italia popolare che tanto caratterizzano la scrittura di Grazia Deledda. Consigliato.


  • Discussioni simili

    1. Deledda, Grazia - La madre
      Da gelsomina nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 7
      Ultimo messaggio: 04-20-2019, 05:31 PM
    2. Deledda, Grazia - Anime oneste
      Da bouvard nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 0
      Ultimo messaggio: 04-27-2018, 11:47 AM
    3. Deledda, Grazia- Fino al confine
      Da isola74 nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 0
      Ultimo messaggio: 06-16-2013, 10:37 PM
    4. Deledda, Grazia - Scritti scelti
      Da alessandra nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 0
      Ultimo messaggio: 05-13-2013, 06:03 PM
    5. Deledda,Grazia- Naufraghi in porto
      Da isola74 nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 3
      Ultimo messaggio: 03-23-2012, 01:01 PM

    Regole di scrittura

    • Tu non puoi inviare nuove discussioni
    • Tu non puoi inviare risposte
    • Tu non puoi inviare allegati
    • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
    •