Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

Pagina 1 di 3 123 UltimoUltimo
Mostra risultati da 1 a 15 di 34

Discussione: 226° MG - Fosca di Igino Ugo Tarchetti

  1. #1
    Victorian lady
    Data registrazione
    Mar 2017
    Località
    In riva al mare
    Messaggi
    1471
    Thanks Thanks Given 
    1047
    Thanks Thanks Received 
    877
    Thanked in
    606 Posts

    Predefinito 226° MG - Fosca di Igino Ugo Tarchetti

    Domenica 23 settembre partirà il gruppo di lettura su un libro da me proposto: Fosca di Igino Ugo Tarchetti.
    Ringrazio chi ha accettato di partecipare e chi si vorrà unire.
    Al momento siamo in quattro:

    Ondine
    qweedy
    estersable88
    Zingaro di Macondo

    Posto una breve descrizione dell'autore e dell'opera:

    Uno dei massimi rappresentanti del movimento italiano noto come Scapigliatura è stato certamente Iginio Ugo Tarchetti.
    Lo scrittore in particolare viene ricordato perché autore del romanzo "Fosca", opera pubblicata a puntate a partire dal 1869 che non stancò di influenzare enormemente altri scrittori contemporanei tra cui il giovane Giovanni Verga.
    "Fosca" fu l'ultimo romanzo scritto da Tarchetti che tra l'altro lo lasciò incompiuto per via della sua morte prematura all'età di 30 anni. Completato poi anche con l'ultimo capitolo scritto dall'amico del Tarchetti, Salvatore Farina, "Fosca" si basa principalmente su fatti autobiografici e accoglie al suo interno tutti i temi e i motivi cari agli Scapigliati: la morte, la malattia, la follia, il brutto, il macabro. Inoltre, si tratta di un'opera che ha il merito di approfondire il lato oscuro e misterioso dell'animo umano.


    Non vedo l'ora di cominciare!

  2. The Following 3 Users Say Thank You to Ondine For This Useful Post:


  3. 1.5 ADS
    ADV Bot
    Esperto banner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

  • #2
    Victorian lady
    Data registrazione
    Mar 2017
    Località
    In riva al mare
    Messaggi
    1471
    Thanks Thanks Given 
    1047
    Thanks Thanks Received 
    877
    Thanked in
    606 Posts

    Predefinito

    Questa sera comincerò la lettura.

    Questo è il mio incipit da:
    Edizione Centopagine I
    Einaudi, 1971

    Mi sono accinto più volte a scrivere queste mie memorie, e uno strano sentimento misto di terrore e di angoscia mi ha distolto sempre dal farlo. Una profonda sfiducia si è impadronita di me. Temo immiserire il valore e l’aspetto delle mie passioni, tentando di manifestarle; temo obbliarle tacendole. Perché ella è cosa quasi agevole il dire ciò che hanno sentito gli altri — l’eco delle altrui sensazioni si ripercuote nel nostro cuore senza turbarlo — ma dire ciò che abbiamo sentito noi, i nostri affetti, le nostre febbri, i nostri dolori, è compito troppo superiore alla potenza della parola. Noi sentiamo di non poter essere nel vero.

  • The Following User Says Thank You to Ondine For This Useful Post:


  • #3
    dreamer member
    Data registrazione
    Dec 2014
    Località
    Provincia di Lecce
    Messaggi
    1233
    Inserimenti nel blog
    44
    Thanks Thanks Given 
    518
    Thanks Thanks Received 
    441
    Thanked in
    290 Posts

    Predefinito

    Anch'io conto di cominciare nel pomeriggio. Il mio incipit è uguale a quello di Ondine.

  • #4
    Senior Member
    Data registrazione
    Sep 2017
    Messaggi
    987
    Thanks Thanks Given 
    1860
    Thanks Thanks Received 
    842
    Thanked in
    511 Posts

    Predefinito

    L'ho cominciato anch'io, ho letto i primi 4 capitoli.
    Sto leggendo l'e-book, l'incipit è uguale.

    Trovo lo stile molto datato, con utilizzo di termini desueti, com'è ovvio che sia dato che è stato scritto nel 1869. Ma quello che mi ha lasciato più stupita è che inizia le frasi in prima persona singolare e poi declina il verbo in terza persona singolare. Ad esempio: "Io era nato con passioni eccezionali." Non "io ero nato" ma "io era nato".
    All'inizio tornavo indietro per rileggere la frase, pensando di aver capito male, poi ho pensato fosse un refuso, ma vedo che questo modo di scrivere si ripete continuamente. Come refusi sarebbero troppi! Forse all'epoca si scriveva in questo modo?


    "Scrivere ciò che abbiamo sofferto e goduto, è dare alle nostre memorie la durata della nostra esistenza. Scrivere per noi per rileggere, per ricordare in segreto, per piangere in segreto. Ecco perchè scrivo."

  • #5
    dreamer member
    Data registrazione
    Dec 2014
    Località
    Provincia di Lecce
    Messaggi
    1233
    Inserimenti nel blog
    44
    Thanks Thanks Given 
    518
    Thanks Thanks Received 
    441
    Thanked in
    290 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da qweedy Vedi messaggio
    L'ho cominciato anch'io, ho letto i primi 4 capitoli.
    Sto leggendo l'e-book, l'incipit è uguale.

    Trovo lo stile molto datato, con utilizzo di termini desueti, com'è ovvio che sia dato che è stato scritto nel 1869. Ma quello che mi ha lasciato più stupita è che inizia le frasi in prima persona singolare e poi declina il verbo in terza persona singolare. Ad esempio: "Io era nato con passioni eccezionali." Non "io ero nato" ma "io era nato".
    All'inizio tornavo indietro per rileggere la frase, pensando di aver capito male, poi ho pensato fosse un refuso, ma vedo che questo modo di scrivere si ripete continuamente. Come refusi sarebbero troppi! Forse all'epoca si scriveva in questo modo?


    "Scrivere ciò che abbiamo sofferto e goduto, è dare alle nostre memorie la durata della nostra esistenza. Scrivere per noi per rileggere, per ricordare in segreto, per piangere in segreto. Ecco perchè scrivo."
    Questa particolarità linguistica ha colpito anche me e mi ha ricordato Dante. Leggendo la Divina Commedia a scuola più volte avevo notato questo "Io avea...".
    Ad ogni modo lo trovo abbastanza lineare, pur con tutte le considerazioni linguistiche, e tutto il primo capitolo mi piace molto. ANch'io sono arrivata al quarto.

  • The Following User Says Thank You to estersable88 For This Useful Post:


  • #6
    Victorian lady
    Data registrazione
    Mar 2017
    Località
    In riva al mare
    Messaggi
    1471
    Thanks Thanks Given 
    1047
    Thanks Thanks Received 
    877
    Thanked in
    606 Posts

    Predefinito

    A me questo stile di prosa non dispiace affatto, ho gusti piuttosto arcaici, direi paleolitici.
    La lettura scorre che è una meraviglia, non la trovo affatto pesante, sono arrivata al 13° capitolo.
    La prima storia d'amore mi ha fatto riflettere sui molteplici motivi che possono portare all'innamoramento.
    In fondo ognuno vede nel riflesso dell'altro una proiezione di se stesso, dei propri bisogni che derivano dal proprio vissuto.

  • The Following User Says Thank You to Ondine For This Useful Post:


  • #7
    Senior Member
    Data registrazione
    Sep 2017
    Messaggi
    987
    Thanks Thanks Given 
    1860
    Thanks Thanks Received 
    842
    Thanked in
    511 Posts

    Predefinito

    Mi ha fatto ridere vedere come corteggia Clara: "Io sono infelice, io sono malato, io soffro." Oddio, se un uomo giovane al giorno d'oggi provasse questo metodo di approccio, temo che la donzella fuggirebbe a gambe levate!

  • #8
    Victorian lady
    Data registrazione
    Mar 2017
    Località
    In riva al mare
    Messaggi
    1471
    Thanks Thanks Given 
    1047
    Thanks Thanks Received 
    877
    Thanked in
    606 Posts

    Predefinito

    Ma il protagonista aveva capito che Clara a quelle parole di aiuto avrebbe ceduto.
    In realtà Giorgio e Clara sono due persone perfettamente compatibili, l'uno corrisponde esattamente a ciò che cerca l'altro.

  • The Following User Says Thank You to Ondine For This Useful Post:


  • #9
    Victorian lady
    Data registrazione
    Mar 2017
    Località
    In riva al mare
    Messaggi
    1471
    Thanks Thanks Given 
    1047
    Thanks Thanks Received 
    877
    Thanked in
    606 Posts

    Predefinito

    Il 14° capitolo è emblematico secondo me.
    Mi è piaciuto molto.
    Qui l'attrazione nasce per motivi contrari.

  • The Following User Says Thank You to Ondine For This Useful Post:


  • #10
    dreamer member
    Data registrazione
    Dec 2014
    Località
    Provincia di Lecce
    Messaggi
    1233
    Inserimenti nel blog
    44
    Thanks Thanks Given 
    518
    Thanks Thanks Received 
    441
    Thanked in
    290 Posts

    Predefinito

    Sono arrivata al 25° capitolo. La lettura è scorrevolissima e, nonostante la prosa arcaica, il racconto di Giorgio si dipana velocemente e tiene avvinti. Personaggio singolare quello di Fosca, non voglio spoilerare nulla ma si potrebbe dire e analizzare tanto su di lei e sul suo modo singolare di pretendere attenzione.
    E anche Giorgio è un personaggio molto sfaccettato... per ora non mi piace molto, mi sembra un egoista e un debole... vedremo come evolverà.

  • The Following User Says Thank You to estersable88 For This Useful Post:


  • #11
    The black sheep member
    Data registrazione
    Oct 2014
    Località
    Frittole
    Messaggi
    3207
    Inserimenti nel blog
    2
    Thanks Thanks Given 
    785
    Thanks Thanks Received 
    1003
    Thanked in
    484 Posts

    Predefinito

    Il gruppo dei cosiddetti scapigliati riprese, enfatizzandoli, alcuni temi del Romanticismo. E tra quelli scelse i più estremi; l’amore, deliziosamente incompiuto e sofferente, fu tra questi.

    Le prime pagine di questo romanzo potrebbero essere letti come una sorta di manifesto della Scapigliatura. Si ama in un attimo. E, altrettanto velocemente, si perde l’amata a causa di quei meccanismi sociali, tanto ripudiati dall’autore al punto da farne l’esatto contrario della pacificazione spirituale.

    Tarchetti era un antimilitarista convinto, cosa che per il XIX secolo era quasi sinonimo di vilipendio all’amor di patria. Qui il protagonista perde, compiacendosene, la propria amata – Clara – perché richiamato alle armi. Da lontano le scrive lettere disperate, estreme, quasi contrarie alla vita e alle regole convenzionali sull’amor sublime, che si fa anch’esso abietto e disperato.

  • The Following 3 Users Say Thank You to Zingaro di Macondo For This Useful Post:


  • #12
    Senior Member
    Data registrazione
    Sep 2017
    Messaggi
    987
    Thanks Thanks Given 
    1860
    Thanks Thanks Received 
    842
    Thanked in
    511 Posts

    Predefinito

    Finita la storia d'amore con Clara, senza neppure troppa disperazione secondo me, vediamo ora Fosca. Bella la scelta dei nomi, Clara, cioè Chiara, la positività e la luce dell'amore, e Fosca, che già dal nome si preannuncia oscura e tenebrosa.

    Poichè il Tarchetti scrisse anche delle poesie, vorrei dedicarvi queste sue rime:

    Non cantar le canzoni del passato


    In queste non cantar splendide stanze

    le canzoni dei nostri anni primieri;

    ogni già udita nota

    dei giovanili affanni, e dei piaceri

    risveglieria le dolci ricordanze:

    Sui dì non soffermarmi

    che a lungo ancora rimembrar mi è dato:

    sul festoso liuto

    non cantar le canzoni del passato.



    Quando la luna in mezzo al cielo splende,

    e inargenta le valli e le pianore,

    vieni, e alla bianca luce

    cantami le canzoni dell'amore.

    Ogni nota che all'anima discende

    un nuovo affanno attuta:

    ma quando irride a noi lo spensierato

    degli apati sogghigno,

    non cantar le canzoni del passato.

    ("Il Presagio", 1868)

  • The Following 3 Users Say Thank You to qweedy For This Useful Post:


  • #13
    Senior Member
    Data registrazione
    Sep 2017
    Messaggi
    987
    Thanks Thanks Given 
    1860
    Thanks Thanks Received 
    842
    Thanked in
    511 Posts

    Predefinito

    Anche questa poesia è sua:


    Angeli e farfalle

    Una vaga fanciulla in un giardino

    un bruco avea trovato:

    quant'era bello! avea 'l capo azzurrino,

    gli occhi di perle e un mantel di broccato;

    dentro un calice assiso,

    vivea di fior, di rose e di narciso.



    Da crudel morbo la fanciulla oppressa,

    del suo gioir beato

    il dolce filo, e di sua vita istessa

    sapea che presto esser dovea troncato.

    Poveretta! il sapea;

    e spesso al bruco il mesto suon dicea:



    Gentil amico a porgermi un saluto,

    allor che avrai mutato

    in ali di smeraldo e di velluto

    quel tuo verde mantello di broccato,

    verrai sulla mia croce

    forse udrò dalla tomba la tua voce.



    Quanto diversa vece e più pietosa

    a te natura ha dato!

    Tu tornerai su quel cespo di rosa

    in farfalla bellissima mutato;

    Io di costì partita

    riviver potrò d'un'altra vita?



    Morì la mesta e se ne afflisse il verme;

    tre giorni ha lagrimato,

    poi si pose per via solo ed inerme

    e un'estate e un autunno ha camminato;

    finché dal tempo affranto,

    giunse vecchio e canuto al campo santo.



    Ma lo spirto di lei più non vi trova,

    che, in un angelo mutato,

    era salito a un'esistenza nuova

    il bruco ritornò farfalla al prato,

    e là si giacque estinto,

    ...Rinacque dopo un anno in un giacinto.



    (pubblicata nel 1868 in un giornale di moda)

  • The Following User Says Thank You to qweedy For This Useful Post:


  • #14
    dreamer member
    Data registrazione
    Dec 2014
    Località
    Provincia di Lecce
    Messaggi
    1233
    Inserimenti nel blog
    44
    Thanks Thanks Given 
    518
    Thanks Thanks Received 
    441
    Thanked in
    290 Posts

    Predefinito Attenzione, possibile spoiler

    Sono al Cap. 35. Dopo aver conosciuto meglio Fosca tramite un racconto della sua vita che lei stessa ci fa, abbiamo modo di riflettere su due tipi di amore: quello di Clara, certamente intenso, più sano, ma meno profondo, non totale; e quello di Fosca, malato, ossessivo, viscerale, totalizzante. E continuiamo a vedere come Giorgio sia in balia degli eventi e non riesca (o non possa) sbloccare la sua situazione. Proprio quello di Giorgio, in effetti, si sta rivelando a mio parere il personaggio più controverso dell'intera vicenda.

  • The Following User Says Thank You to estersable88 For This Useful Post:


  • #15
    The black sheep member
    Data registrazione
    Oct 2014
    Località
    Frittole
    Messaggi
    3207
    Inserimenti nel blog
    2
    Thanks Thanks Given 
    785
    Thanks Thanks Received 
    1003
    Thanked in
    484 Posts

    Predefinito

    Le donne vanno troppo veloci, non ce la posso fare, non ce la possiamo fare.

  • The Following User Says Thank You to Zingaro di Macondo For This Useful Post:


  • Pagina 1 di 3 123 UltimoUltimo

    Discussioni simili

    1. Tarchetti, Iginio Ugo - Fosca
      Da Dallolio nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 12
      Ultimo messaggio: 09-27-2018, 12:45 AM
    2. Tarchetti, Iginio Ugo - Racconti fantastici
      Da elisa nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 5
      Ultimo messaggio: 09-15-2016, 11:08 AM

    Regole di scrittura

    • Tu non puoi inviare nuove discussioni
    • Tu non puoi inviare risposte
    • Tu non puoi inviare allegati
    • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
    •