Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Ausmerzen: Vite indegne di essere vissute

Mostra risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: Paolini, Marco - Ausmerzen: Vite indegne di essere vissute

  1. #1
    Senior Member
    Data registrazione
    Sep 2017
    Messaggi
    1647
    Thanks Thanks Given 
    3201
    Thanks Thanks Received 
    1523
    Thanked in
    923 Posts

    Predefinito Paolini, Marco - Ausmerzen: Vite indegne di essere vissute

    «Questa è la storia di uno sterminio di massa conosciuto come Aktion T4. T4 sta per Tiergartenstraße numero 4, un indirizzo di Berlino. Durante Aktion T4 sono stati uccisi e passati per il camino circa trecentomila esseri umani classificati come "vite indegne di essere vissute"...
    Cominciarono a morire prima dei campi di concentramento, prima degli zingari, prima degli ebrei, prima degli omosessuali e degli antinazisti e continuarono a morire dopo, dopo la liberazione, dopo che il resto era finito».

    Dopo lo spettacolo Ausmerzen e il suo successo, anche per rispondere alle domande che lo spettacolo stesso aveva creato, Marco Paolini si è immerso per un anno nella scrittura, rielaborando e tessendo in narrazione una mole enorme di dati, alcuni dei quali - tra i piú sconvolgenti - quasi sconosciuti.
    L'interrogazione su eugenetica, scienza ed etica, e sulle politiche del potere si fonde nel racconto. Un narratore appassionato, pieno di sdegno e pudore, e non privo di humour, ci consegna cosí un libro di feroce potenza, destinato a diventare necessario. Per tutti.


    Paolini non perde l'occasione per evidenziare come diversi atteggiamenti o passaggi logici che portarono a quelle crudeltà, si manifestano anche oggi. Ci dimostra come molti attori di quelle atrocità (incluse delle suore!) non si rendevano realmente conto della gravità di ciò che facevano. Vivevano in un contesto che approvava le loro azioni e quindi anche loro le ritenevano normali. La forza del racconto sta nel farci capire come, da idee ammantate di scientificità e di buoni propositi, si sia arrivati ad una vera e propria epurazione di persone con qualche minorazione o semplicemente poco accette nella società.
    Molto interessante, ed estremamente scorrevole e ben documentato. Consigliato.

  2. The Following User Says Thank You to qweedy For This Useful Post:


  3. 1.5 ADS
    ADV Bot
    Esperto banner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

  • #2
    dreamer member
    Data registrazione
    Dec 2014
    Località
    Provincia di Lecce
    Messaggi
    1725
    Inserimenti nel blog
    44
    Thanks Thanks Given 
    1055
    Thanks Thanks Received 
    882
    Thanked in
    544 Posts

    Predefinito

    Tempo fa mi dicevo:"Guardo lo spettacolo e poi leggo il libro"... poi ho visto lo spettacolo (si trova tranquillamente su youtube e ve lo consiglio) ed ho procrastinato la lettura... ma è lì che mi chiama. Aggiungo il libro in wishlist, così non potrò ignorarlo.
    Lo spettacolo di per sé è potente e le vicende dell'Action T4 le conoscevo... però pensare che se fossi nata in un'altra epoca... mi ha fatto male, mi ha scosso dentro.
    Però lo leggerò, devo farlo. Hai ragione tu Qweedy, è necessario per tutti.

  • The Following User Says Thank You to estersable88 For This Useful Post:


  • #3
    Senior Member
    Data registrazione
    Sep 2017
    Messaggi
    1647
    Thanks Thanks Given 
    3201
    Thanks Thanks Received 
    1523
    Thanked in
    923 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da estersable88 Vedi messaggio
    Tempo fa mi dicevo:"Guardo lo spettacolo e poi leggo il libro"... poi ho visto lo spettacolo (si trova tranquillamente su youtube e ve lo consiglio) ed ho procrastinato la lettura... ma è lì che mi chiama. Aggiungo il libro in wishlist, così non potrò ignorarlo.
    Lo spettacolo di per sé è potente e le vicende dell'Action T4 le conoscevo... però pensare che se fossi nata in un'altra epoca... mi ha fatto male, mi ha scosso dentro.
    Però lo leggerò, devo farlo. Hai ragione tu Qweedy, è necessario per tutti.
    Dovrebbe essere obbligatorio a scuola... credo che il pensiero che alcune vite non siano degne di essere vissute, che alcune persone siano di serie B, sia pericolosissimo. Oltre che molto attuale.

    Proverò a vedere lo spettacolo su Youtube, il libro l'ho letto qualche anno fa.


  • The Following User Says Thank You to qweedy For This Useful Post:


  • #4
    dreamer member
    Data registrazione
    Dec 2014
    Località
    Provincia di Lecce
    Messaggi
    1725
    Inserimenti nel blog
    44
    Thanks Thanks Given 
    1055
    Thanks Thanks Received 
    882
    Thanked in
    544 Posts

    Predefinito

    Dopo aver visto su youtube, un paio d'anni fa, l'omonimo spettacolo realizzato sempre da Paolini ed andato in onda su Lasette, mi era rimasta la voglia di leggere il libro, di approfondire.
    Come dice Paolini, questa è roba che fa male, ci vuole uno sforzo per rimetterci mano. Perché lo sappiamo che ci fu uno sterminio, che ci furono i campi di sterminio, che ci morirono milioni di persone. Ma qui si parla di persone considerate difettose, cui non fu data né una prima né una seconda possibilità, di vite indegne di essere vissute, di coloro che morirono prima degli zingari, degli ebrei, degli omosessuali, degli antinazisti, e continuarono a morire dopo, dopo la liberazione, dopo che tutto il resto era finito. Action T4 si chiamava il progetto pensato per eliminarli (Ausmerzen vuol dire appunto questo): oggi se ne parla poco e in ambienti settoriali e specifici. Perché? Perché fa male anche solo pensarci. Fa male pensare che qualcuno (molti) ritenesse che non vi fosse una sola ragione per lasciare in vita disabili – bambini e adulti – per la maggior parte tedeschi, che tutti – anche i civili, i normali cittadini – sapessero, che ad occuparsene furono tedeschi (non necessariamente nazisti) tra cui infermiere, medici, suore! Eppure è successo, una barbarie nella barbarie, insensata ed atroce. E ci sono i rapporti, i documenti che dimostrano che sì, chi c'era sapeva cosa accadeva. Tutto trova fondamento nelle ricerche di eugenetica di Galton e Bell, non in Germania, ma in America. Alla Germania non l'esclusiva, ma la palma d'oro per l'applicazione e la diffusione delle idee di annientamento delle vite indegne di essere vissute, con i suoi centri all'avanguardia, la sua medicina di eccellenza, i suoi psichiatri iperprogressisti, il libricino di un medico e un giudice e quell'altro libro, quello scritto da un futuro dittatore, che sembrava tanto lo "sfogo impotente di gente che abbaia ma non morde in un momento in cui le cose vanno male". Sappiamo tutti come finì.
    C'è la crisi, c'è poco per tutti, allora perché dividere quel poco anche con chi costa e non produce? Con il "mangiatore inutile", il cieco, il sordo, il pazzo, lo storpio, lo psicopatico? Così, nel 1933 in Germania venne promulgata la legge per la sterilizzazione di coloro che furono definiti "geneticamente inaccettabili" e dopo il 39 si passa dalla sterilizzazione all'eliminazione. E un bel giorno il tuo medico di famiglia bussa alla tua porta e ti dice che c'è la possibilità di un trattamento innovativo per tuo figlio disabile; tu firmi l'imprescindibile consenso, tuo figlio parte e tu pensi: "avrò fatto la scelta giusta?". Dopo un po' ti arriva una lettera dall'ospedale che ti comunica un trasferimento improvviso, ordinato dal commissario del Reich e che l'ospedale non sa dove sia stato mandato tuo figlio. O magari nella lettera ti comunicano che tuo figlio è morto per cause naturali e che, data la gravità della sua patologia la morte è da considerarsi una liberazione. Indichi, signora, a quale cimitero inviare l'urna con le ceneri. Trecentomila vite bruciate così. E no, non ci sono giustificazioni che tengano. Parole d'ordine: efficacia e segretezza; la macchina è ben oleata, funziona tutto a meraviglia. Tutti conosciamo Auschwitz, Bukenvald, Birkenau, ma quanti conoscono Arteim, Grafenet, Adamar, Caffbeuren, Brandemburg? Eppure furono questi i centri di uccisione teatro di questi omicidi di massa: macelli travestiti da cliniche in cui si sperimentarono, prima del grande utilizzo, camere a gas e forni crematori.
    Il libro di Paolini non vuole – e non può – essere una trattazione esaustiva della questione, né si può dire che sia la pubblicazione più obiettiva su questa storia. Si vuole, qui, cercare di ricostruire come andò, raccontare una storia – una realtà – conosciuta da troppo poche persone. Si legge in un pomeriggio, ma i brividi, il dolore e lo sconquasso che si lascia dietro sono difficili da digerire. E sbaglia chi liquida tutto questo come passato: è qualcosa che ci appartiene, ci passa vicino, è dentro di noi. E serve parlare, leggere, ascoltare, perché ha ragione Primo Levi: è necessario conoscere, perché ciò che è accaduto può accadere ancora.

  • The Following 3 Users Say Thank You to estersable88 For This Useful Post:



  • Discussioni simili

    1. Paolini, Christopher - Eragon
      Da Dorylis nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 26
      Ultimo messaggio: 05-07-2019, 06:56 PM
    2. Paolini, Marco - Ausmerzen. Vite indegne di essere vissute
      Da estersable88 nel forum Piccola cineteca
      Risposte: 0
      Ultimo messaggio: 04-14-2017, 05:38 PM
    3. Risposte: 0
      Ultimo messaggio: 01-22-2015, 06:15 PM
    4. Paolini , Christopher - Inheritance
      Da supernova nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 6
      Ultimo messaggio: 04-21-2014, 03:05 PM
    5. Paolini, Christopher - Eldest
      Da Dorylis nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 12
      Ultimo messaggio: 01-17-2014, 08:19 PM

    Regole di scrittura

    • Tu non puoi inviare nuove discussioni
    • Tu non puoi inviare risposte
    • Tu non puoi inviare allegati
    • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
    •