Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Piccoli suicidi tra amici

Mostra risultati da 1 a 7 di 7

Discussione: Paasilinna, Arto - Piccoli suicidi tra amici

  1. #1
    Summer Member
    Data registrazione
    Feb 2008
    Località
    La Spezia
    Messaggi
    1588
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito Paasilinna, Arto - Piccoli suicidi tra amici

    Un bel mattino Onni Rellonen, piccolo imprenditore in crisi, e il colonnello Hermanni Kemppainen, vedovo inconsolabile, decidono di suicidarsi. Il caso vuole che i due uomini scelgano lo stesso granaio per mettere fine ai loro giorni. Importunati dall'incontro fortuito, rinunciano al comune proposito e si mettono a parlare dei motivi che li hanno spinti alla tragica decisione. Pensano allora di fondare un'associazione dove gli aspiranti suicidi potranno conoscersi e discutere dei loro problemi. Pubblicano un annuncio sul giornale. Il successo non si fa attendere, le adesioni sono più di seicento. Dopo un incontro al ristorante, decidono di noleggiare un autobus e di partire insieme. Inizia così un folle viaggio attraverso la Finlandia...


    Questo libro mi ha fatto scoprire Paasilinna, a cui mi sono avvicinata un pò grazie ad Elisa e un pò grazie alla sua partecipazione alla Fiera del Libro, che mi ha spinta a conoscerlo meglio.
    La delicatezza e l'ironia con cui lo scrittore riesce ad affrontare un tema spinoso come il suicidio mi hanno davvero colpita, in senso positivo, intendo! Inoltre, nonostante l'immagine caricaturale che Paasilinna dà della banda dei Morituri Anonimi, il messaggio trasmesso dal libro è molto profondo, vuole far comprendere al lettore che la solitudine e la depressione possono essere superate meglio comunicando con gli altri, senza chiudersi in se stessi.
    Anche le parti descrittive del libro, in cui l'autore talvolta si dilunga, mi sono piaciute, perchè mi hanno permesso di scoprire qualcosa di più della terra finalndese e delle abitudini dei suoi abitanti, che risultano essere grandi amanti della sauna e delle grandi bevute, anche in punto di morte!!!

  2. #2
    aunt member
    Data registrazione
    Jan 2008
    Località
    ROMA
    Messaggi
    2128
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Deve essere veramente bello!!!!
    Lo metto senza dubbio nella lista dei futuri acquisti!!!!!

  3. #3
    Junior Member
    Data registrazione
    Apr 2009
    Località
    roma
    Messaggi
    19
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    finito or ora...
    sicuramente un libro scorrevole e simpatico, che con grande ironia tratta del delicato tema del suicidio, tanto sentito dal popolo finlandese...

    mi è particolarmente piaciuto il monito finale in cui ci si raccomanda di nn crederci vivi quando siam già morti da un pezzo...

    sinceramente mi hanno un po' turbato tutte le descrizioni degli allevamenti di animali da pelliccia e dei banchetti gastronomici

  4. #4
    Curly member
    Data registrazione
    Mar 2008
    Località
    MILANO
    Messaggi
    192
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Ho ammirato il coraggio di Paasilinna nel trattare il tema del suicidio. Immagino che qualche suo connazionale possa aver trovato una simile scelta piuttosto cinica e fuori luogo, anche perché l'autore ne parla con una sottile ironia che che magari può suonare un po' offensiva. Però è proprio l'ironia a rendere piacevole la lettura, così come le situazioni paradossali descritte. Eppure mi è sembrato lo stesso di scorgere una sottile vena malinconica tipicamente nordica.

    Mi dispiace soltanto che una volta terminato di leggere questo romanzo, non mi abbia lasciato nulla. è talmente lieve che vola via senza lasciare traccia... Ad ogni modo, voglio provare a leggere anche altri titoli di questo autore finnico.

  5. #5
    Senior Member
    Data registrazione
    Jun 2008
    Località
    Roma
    Messaggi
    2904
    Thanks Thanks Given 
    26
    Thanks Thanks Received 
    26
    Thanked in
    15 Posts

    Predefinito

    Delizioso, un vero gioiellino nonché un inno alla vita e a non disperare mai anche quando tutto sembra perduto.
    Mi piace molto lo stile e la fantasia di questo finlandese capace di inventare situazioni apparentemente improbabili e stravaganti e di trattare temi anche dolorosi, come l'intenzione di porre in atto un gesto estremo, sempre con lievita' e ironia.
    Lo consiglio.
    Ultima modifica di elesupertramp; 01-17-2013 alle 11:51 PM.

  6. #6

    Predefinito

    Ciao a tutti, questo è il mio primo post e un po' mi dispiace usarlo per dire che questo libro non mi è piaciuto granché.
    Come commedia "noir" non è particolarmente riuscita, di situazioni comiche ce ne saranno massimo due o tre.
    Trovo che sia scritto piuttosto male, con un linguaggio da verbale d'assemblea condominiale del tutto anonimo e non mi è piaciuto come l'autore ha calibrato la presenza dei personaggi principali, non entro nel dettaglio per non rovinare la lettura a chi non l'avesse ancora letto. Infine secondo me manca di tensione, anche lì non sto a spiegare perché per le ragioni di cui sopra.
    Insomma, secondo me un romanzo piuttosto deludente.

  7. #7
    Junior Member
    Data registrazione
    Aug 2013
    Località
    Belluno
    Messaggi
    20
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Io credo invece che ci siano dei momenti di serietà all'interno di un libro che è fondementalmente sarcastico. Lo stile da "verbale di assemblea condominiale" è assolutamente tipico della comicità di Paasilinna. Descrive gli atti più inconsulti come se fossero normali, ritrae i suoi connazionali in un modo impietoso che nasconde grande ironia ed empatia.

Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. Paasilinna, Arto - Il mugnaio urlante
    Da elisa nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 12-04-2014, 12:05 PM
  2. Risposte: 18
    Ultimo messaggio: 05-14-2014, 11:58 PM
  3. Paasilinna, Arto - L'anno della lepre
    Da elisa nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 7
    Ultimo messaggio: 09-26-2013, 03:06 PM
  4. Paasilinna, Arto - Il Figlio del Dio del Tuono
    Da elisa nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 09-08-2007, 11:30 AM
  5. Paasilinna, Arto - Il Bosco delle Volpi
    Da elisa nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 09-05-2007, 04:27 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •