Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

Pagina 3 di 4 PrimoPrimo 1234 UltimoUltimo
Mostra risultati da 31 a 45 di 52

Discussione: Cinquantaduesimo Artisticforum - Le nostre opere d'arte preferite

  1. #31
    Senior Member
    Data registrazione
    Sep 2017
    Messaggi
    1658
    Thanks Thanks Given 
    3228
    Thanks Thanks Received 
    1537
    Thanked in
    933 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da alessandra Vedi messaggio


    Renato Guttuso - Crocifissione, 1940-41, olio su tela.

    Ecco a voi il prossimo quadro, perfetto per questo periodo.

    "Crocifissione" è certamente uno dei quadri più famosi di Guttuso e uno dei più importanti perché lo rivela al pubblico e alla critica.
    E' una tela di grandi dimensioni (200×200 cm) dipinta dal celebre pittore siciliano Renato Guttuso nel 1941 e si è subito segnalata per la sua forte carica espressiva, rivoluzionaria e, secondo la Chiesa cattolica anche eretica, soprattutto per la presenza della figura della Maddalena nuda; scelta quest'ultima che valse all'autore l'appellativo di "pictor diabolicus". L’opera suscitò scalpore e sgomento, non già per il tema raffigurato, bensì per come essa fu reinterpretata dall’artista.
    Guttuso ha ambientato la scena in un interno e ha utilizzato uno schema spaziale del tutto nuovo con la disposizione delle tre croci non una di fianco all'altra ma in diagonale una dietro l'altra secondo uno schema simile a quello seguito da Rembrandt nel disegno Cristo in croce tra i due ladroni. Il cavallo bianco ricorda Guernica.

    Il paesaggio del resto non è certo quello del Golgota ma presenta delle asperità che ricordano piuttosto i luoghi della memoria di Guttuso, cioè la Sicilia.
    Sciascia ha scritto giustamente che: Qualunque cosa volle dipingere dipinse sempre la Sicilia.

    "La nudità dei personaggi non voleva avere intenzione di scandalo. Era così perché non riuscivo a vederli, a fissarli in un tempo: né antichi né moderni, un conflitto di tutta una storia che arrivava fino a noi. Mi pareva banale vestirli come ogni tentativo di recitare Shakespeare in frac, frutto di una visione decadente. Ma, d'altra parte, non volevo soldati vestiti da romani: doveva essere un quadro non un melodramma. Li dipinsi nudi per sottrarli a una collocazione temporale: questa, mi veniva da dire, è una tragedia di oggi, il giusto perseguitato è cosa che soprattutto oggi ci riguarda. Nel fondo del quadro c'è il paesaggio di una città bombardata: il cataclisma che seguì la morte di Cristo era trasposto in città distrutta dalle bombe"

    Questo è tempo di guerra e di massacri: gas, forche, decapitazioni, voglio dipingere questo supplizio del Cristo come una scena di oggi. Non certo nel senso che Cristo muore ogni giorno sulla croce per i nostri peccati ma come simbolo di tutti coloro che subiscono oltraggio, carcere, supplizio per le loro idee.

  2. The Following 3 Users Say Thank You to qweedy For This Useful Post:


  3. 1.5 ADS
    ADV Bot
    Esperto banner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

  • #32
    Senior Member
    Data registrazione
    Aug 2014
    Località
    Provincia di Roma
    Messaggi
    466
    Thanks Thanks Given 
    120
    Thanks Thanks Received 
    252
    Thanked in
    149 Posts

    Predefinito

    Lo conoscevo, era inserito in una selezione (ovviamente opinabile come tutte le selezioni) delle migliori opere pittoriche italiane.
    Indubbiamente è un quadro di grande impatto, la scena è dinamica, drammatica, e la figura crocifissa di spalle spiazza in quanto siamo abituati a vederla in posizione frontale. Tra le crocifissioni anomale, una delle più belle insieme a quell'altra ugualmente celebre di Dalì.

  • The Following 3 Users Say Thank You to ariano geta For This Useful Post:


  • #33
    Senior Member
    Data registrazione
    May 2009
    Località
    Genova
    Messaggi
    1692
    Inserimenti nel blog
    19
    Thanks Thanks Given 
    80
    Thanks Thanks Received 
    196
    Thanked in
    92 Posts

    Predefinito

    Mi colpiscono il contrasto di alcune scelte: il realismo dei dettagli in primo piano (il coltello, forbici, chiodi e martello) e i colori che trasfigurano i corpi (il rosso del ladrone crocifisso in primo piano o il blu del cavallo cavalcato dal centurione).
    Da notare il particolare del volto di Cristo nascosto dal braccio della croce in primo piano. Aggiunge pathos all'atmosfera.

  • The Following 4 Users Say Thank You to lettore marcovaldo For This Useful Post:


  • #34
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2019
    Messaggi
    354
    Thanks Thanks Given 
    330
    Thanks Thanks Received 
    465
    Thanked in
    255 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da qweedy Vedi messaggio


    Renato Guttuso - Crocifissione, 1940-41, olio su tela.


    Non conosco molto bene l'opera di Guttuso.
    Questo quadro mi ha fatto pensare al Caos.
    Al disordine che predomina su ogni cosa.
    Persino il volto di Cristo è nascosto,come la Verità
    di cui Lui è depositario assoluto,e che con la sua morte
    sulla Croce viene celata all'umanità.
    È un'opera velata di dolore ed incertezza.
    Una sorta di monito severo dell'artista all'animo di ogni uomo.
    Un'opera senza tempo,e per questo attualissima.
    Così mi sento di commentare questo quadro.

  • The Following 3 Users Say Thank You to Shoshin For This Useful Post:


  • #35
    Junior Member
    Data registrazione
    Mar 2019
    Messaggi
    17
    Thanks Thanks Given 
    24
    Thanks Thanks Received 
    19
    Thanked in
    10 Posts

    Predefinito

    E' un quadro in cui spicca la violenza. Oltre alla crocifissione, come è stato già notato, molti oggetti che feriscono in primo piano, un contrasto molto duro tra colori che tra loro stridono e i tratti che definiscono le figure sono spigolosi anche quando dovrebbero essere più morbidi.

  • The Following 3 Users Say Thank You to Tatia For This Useful Post:


  • #36
    Lunatic Mod
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    Sardegna
    Messaggi
    12039
    Thanks Thanks Given 
    1423
    Thanks Thanks Received 
    1422
    Thanked in
    990 Posts

    Predefinito

    Il colore, seppure nitidamente definito o forse proprio per questo, crea una confusione dolorosa e rende il quadro ansiogeno. Lo stesso effetto è reso dalla nudità dei personaggi, quasi metaforica; sembra sottolineare l'impotenza del giusto oltraggiato, come lui lo chiama. La figura del Cristo non risalta rispetto a quella dei ladroni e a tutto il resto, anzi.

  • The Following 3 Users Say Thank You to alessandra For This Useful Post:


  • #37
    Lunatic Mod
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    Sardegna
    Messaggi
    12039
    Thanks Thanks Given 
    1423
    Thanks Thanks Received 
    1422
    Thanked in
    990 Posts

    Predefinito

    Inserisco la prossima opera, una doppia illustrazione di Nicoletta Ceccoli.


  • #38
    Junior Member
    Data registrazione
    Mar 2019
    Messaggi
    17
    Thanks Thanks Given 
    24
    Thanks Thanks Received 
    19
    Thanked in
    10 Posts

    Predefinito

    C'è tanta tristezza nei visi sia della bambina che negli altri.
    Nella prima illustrazione seppur con colori pastello molto armonici e gradevoli risaltano il volto imbronciato della bimba e quello addormentato, ma non sereno, del "bambino", tutto rimanderebbe alla dolcezza con ciliege, ciambelle e panna, ma i due visi annullano l'effetto di tutta l'illustrazione.
    Nella seconda immanine non c'è neanche il contrasto presente nella prima, è tutto malinconia e dolore, molto più forte e accentuato dall'uso del coltello, dallo sfondo nero, e i visi che non sono solo tristi ma sofferenti. I tratti di entrambe le opere mi piacciono molto, ma sono molto cupe, specialmente la seconda, in cui cui addirittura è presente il sangue.

  • The Following 2 Users Say Thank You to Tatia For This Useful Post:


  • #39
    Senior Member
    Data registrazione
    Sep 2017
    Messaggi
    1658
    Thanks Thanks Given 
    3228
    Thanks Thanks Received 
    1537
    Thanked in
    933 Posts

    Predefinito

    Questa illustratrice è bravissima! Le sue illustrazioni si ispirano alle fiabe, ai sogni, ai mondi incantati, ma rivelano anche un lato oscuro, inquietante e crudele.
    Luoghi dai paesaggi colorati, pieni di delizie, mondi ricoperti di zucchero e apparente dolcezza dove un sussurro di ansietà incombe, popolati da creature surreali e da bambine solo all’apparenza docili. Le sue bambine non sorridono e dalla cipolla tagliata esce sangue. Le immagini dolci e amabili che disegna hanno quasi sempre un lato inquieto che fa capolino appena dietro l’angolo.

    Da una sua intervista:

    -Le tue Opere. Dov’è Nicoletta nei suoi quadri e chi è la sua Nemesi?
    Sento le mie bambole come alter ego e come loro mi sento fragilissima. Cerco di trovare racconti dove posso esprimere forza e determinazione delle mie protagoniste, così esorcizzo le mie difficoltà e insicurezze. Esorcizzo la paura della solitudine, del cibo, di essere travolta dall’appetito e di crescere. Non mi sento ancora pronta a entrare nel mondo adulto.

    -l tuo mondo Onirico. Sogni o incubi a occhi aperti?
    Disegnare è dare un corpo ai miei piccoli incubi. Le mie bambine innocentemente sensuali seducono ma senza esserne del tutto consapevoli. È questo delicato passaggio che mi colpisce: il mistero dell’adolescenza, quando l’innocenza svanisce e si affaccia l’idea del peccato. Nel mio modo giocoso, amo suggerire una sensualità maliziosa, descrivo i piaceri, ma c’è sempre un senso di colpevolezza che aleggia su questi mondi fatti di cose dolci e amabili… c’è un lato inquietante che si svela.

  • The Following 3 Users Say Thank You to qweedy For This Useful Post:


  • #40
    Senior Member
    Data registrazione
    Aug 2014
    Località
    Provincia di Roma
    Messaggi
    466
    Thanks Thanks Given 
    120
    Thanks Thanks Received 
    252
    Thanked in
    149 Posts

    Predefinito

    Mi piace lo stile di Nicoletta Ceccoli, probabilmente una delle sammarinesi più conosciute nel mondo. Trovo qualche similitudine con lo stile di Mark Ryden: stesso gusto per abbinare uno stile apparentemente "puccioso" a immagini inquietanti.

  • The Following User Says Thank You to ariano geta For This Useful Post:


  • #41
    Lunatic Mod
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    Sardegna
    Messaggi
    12039
    Thanks Thanks Given 
    1423
    Thanks Thanks Received 
    1422
    Thanked in
    990 Posts

    Predefinito Prossima proposta

    https://www.google.com/search?q=kand...a9Q3zN1wfRr9cM

    Kandinsky Cat art print by Yury Malkov

    Non riesco a copiare l'immagine dal post di viki, ma la trovate nel link.

  • #42
    Senior Member
    Data registrazione
    Aug 2014
    Località
    Provincia di Roma
    Messaggi
    466
    Thanks Thanks Given 
    120
    Thanks Thanks Received 
    252
    Thanked in
    149 Posts

    Predefinito

    In realtà non mi pare per niente "kandiskiano". Le immagini di Kandinsky sono schematiche, astratte, confuse. Questo gatto invece è riconoscibilissimo, definito, concreto. Più che un imitatore, questo Yuri Malkov mi sembra un parodista di Kandinsky.

  • #43
    Lunatic Mod
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    Sardegna
    Messaggi
    12039
    Thanks Thanks Given 
    1423
    Thanks Thanks Received 
    1422
    Thanked in
    990 Posts

    Predefinito Prossimo quadro

    La peste di Arnold Bocklin


  • #44
    Senior Member
    Data registrazione
    Aug 2014
    Località
    Provincia di Roma
    Messaggi
    466
    Thanks Thanks Given 
    120
    Thanks Thanks Received 
    252
    Thanked in
    149 Posts

    Predefinito

    L'ho proposto perché mi colpì, la prima volta che lo vidi, per un aspetto visuale. Poi però lessi un'annotazione importante: che il pittore nel corso della sua vita fu costretto, in un paio di occasioni, a lasciare la città in cui si trovava per un'improvvisa epidemia (mi sembra si trattasse di colera, ma non ne sono sicuro). Ecco, alla luce di questa informazione quell'immagine simbolica mi ha fatto pensare. É una rappresentazione di un evento che noi, per fortuna, non abbiamo mai vissuto. Da noi ormai si fanno titoli allarmistici per il morbillo e l'influenza, ci spaventano persino malattie con un tasso di mortalità bassissimo. Ecco, quel quadro mi fa capire cosa può significare trovarsi nel bel mezzo di un'epidemia in cui i decessi sono giornalieri e le conseguenze del male non sono una settimana a letto con la febbre ma qualcosa di molto peggio. Un'immagine infernale, sicuramente molto simbolica, forse ingenua, ma spaventosamente reale per chi si è trovato in mezzo a epidemie infettive di malattie mortali.

  • The Following User Says Thank You to ariano geta For This Useful Post:


  • #45
    Senior Member
    Data registrazione
    Sep 2017
    Messaggi
    1658
    Thanks Thanks Given 
    3228
    Thanks Thanks Received 
    1537
    Thanked in
    933 Posts

    Predefinito

    Inquietante! Un vero incubo! Quindi una rappresentazione perfetta del terrore provocato dall'epidemia di peste. La sensazione di non avere scampo, di essere in balìa di un male soprannaturale a cui non si può sfuggire.
    Però preferisco L'isola dei morti.

  • The Following 2 Users Say Thank You to qweedy For This Useful Post:


  • Pagina 3 di 4 PrimoPrimo 1234 UltimoUltimo

    Discussioni simili

    1. Cinquantesimo Artisticforum - Le nostre opere d'arte preferite
      Da alessandra nel forum Tutto Bellezza e tutto Cultura
      Risposte: 35
      Ultimo messaggio: 02-13-2019, 05:43 PM
    2. Quarantesimo Artisticforum - Le nostre opere d'arte preferite
      Da alessandra nel forum Tutto Bellezza e tutto Cultura
      Risposte: 52
      Ultimo messaggio: 11-06-2017, 05:12 PM
    3. Trentanovesimo Artisticforum - Le nostre opere d'arte preferite
      Da alessandra nel forum Tutto Bellezza e tutto Cultura
      Risposte: 42
      Ultimo messaggio: 09-25-2017, 06:46 PM
    4. Trentottesimo Artisticforum - Le nostre opere d'arte preferite
      Da alessandra nel forum Tutto Bellezza e tutto Cultura
      Risposte: 37
      Ultimo messaggio: 07-17-2017, 02:27 PM
    5. Ventottesimo Artisticforum - Le nostre opere d'arte preferite
      Da alessandra nel forum Tutto Bellezza e tutto Cultura
      Risposte: 54
      Ultimo messaggio: 01-20-2016, 04:38 PM

    Regole di scrittura

    • Tu non puoi inviare nuove discussioni
    • Tu non puoi inviare risposte
    • Tu non puoi inviare allegati
    • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
    •