Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

Libri recensiti su forumlibri di questo autore:

Pagina 2 di 3 PrimoPrimo 123 UltimoUltimo
Mostra risultati da 16 a 30 di 34

Discussione: Roth, Philip

  1. #16

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Kafka Vedi messaggio
    Philip Roth, a mio avviso, è uno dei più grandi sopravvalutati della letteratura americana.
    La Pastorale mi piacque, devo dire.
    Anche l'Orgia di Praga.
    E ho trovato piacevole anche Il complotto contro l'America.
    Ma resto della mia opinione.
    Io al tuo posto lo leggerei comunque.
    perchè credi sia uno dei più grandi sopravvalutati?

  2. #17

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da non_so_dove_volare Vedi messaggio
    perchè credi sia uno dei più grandi sopravvalutati?
    Perché a mio avviso è tanto fumo e poco arrosto.

  3. #18
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Udine
    Messaggi
    18794
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    229
    Thanks Thanks Received 
    632
    Thanked in
    377 Posts

    Predefinito

    Io non so se Philip Roth sia sopravvalutato o meno, non ho gli strumenti culturali e le conoscenze per poter dare questo giudizio al suo grande riscontro di pubblico.
    Quello che posso dire dalla mia esperienza di lettrice è che lo trovo un po' ripetitivo e stereotipato negli argomenti.
    In quanto alla capacità di descrivere la realtà senza mezzi termini tanto di cappello, scrive bene il caro Roth ma quante fisime
    Se fosse per me avrebbe venduto pochino ma siccome è un autore che sa comunicare molto sentimenti ed emozioni condivise, credo che abbia un pubblico di lettori piuttosto appassionato.
    Che poi sia un pubblico composto per la maggioranza da maschietti non è un demerito anche se è un limite

  4. #19

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Kafka Vedi messaggio
    Perché a mio avviso è tanto fumo e poco arrosto.
    io ho letto solo un suo libro: la macchia umana. Penso che sia un gran bel liro, curato nella storia, nella caratterizzazione dei personaggi, nei dialoghi...

    Il suo stile è molto "personale", difficile da trovare, ed estremamente diretto!

    Questo è quello che ho dedotto io e che mi ha fatto pensare che uno scrittore del genere tutto quello che riceve lo merita, per quanto possa essere limitato il mio parere dato che ho letto solo un libro, oltretutto è un autore molto prolisso quindi......

  5. #20
    Remember
    Data registrazione
    Mar 2008
    Località
    roma
    Messaggi
    691
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Non amo i personaggi di Roth..... forse perchè - come dice un mio amico - mostra la parte nera della nostra personalità, ma non posso non riconoscere in lui una capacità di analizzare la psiche umana in modo diretto e senza veli.

  6. #21

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da sun Vedi messaggio
    Philip Roth è nato nel 1933 a Newark, nel New Jersey. Ha studiato prima alla Bucknell University, per poi trasferirsi alla Chicago University dove completa il corso di laurea in letteratura anglosassone. Si dedica poi all'insegnamento, arrivando a insegnare scrittura creativa e storia della letteratura all'Iowa e a Princeton. L'esordio narrativo è avvenuto con Goodbye, Columbus: sei racconti in cui Roth sfodera da subito uno stile ironico, coltissimo, imbevuto da suggestioni culturali cui è stato sempre soggetto: la psicanalisi, il laicismo di matrice ebraica, la satira del contemporaneo. Il capolavoro viene sfoderato da Roth al terzo titolo. Portnoy's Complaint (Il lamento di Portnoy) è al tempo stesso una tragedia e una commedia personale, recitata da Alexander Portnoy, un paziente ossessivamente monologante sul lettino, preda di una nevrosi inestricabile a sfondo maniacalmente sessuale. Dopo il Lamento, Roth riesce ad uscire dalla gabbia di genere in cui si era magistralmente cacciato con il suo capolavoro, e mette insieme una serie di titoli che, indubbiamente, costituiscono una delle punte di diamante della letteratura contemporanea americana. Particolarmente felice, la saga che ha al centro il personaggio di Nathan Zuckerman (My Life As a Man, The Ghost Writer, Zuckerman Unbound, The Anatomy Lesson e The Counterlife). Imprevisto e roboantemente epico, l'ultimo sviluppo della narrativa di Roth: con Pastorale americana, un romanzo dal New Yorker definito "epocale" e con Ho sposato un comunista, Roth passa dall'allegoria alla cronaca letteraria della storia dell'intera nazione americana. Roth si è aggiudicato una serie impressionante di National Book Award for Fiction, mentre nel 1998 gli è stato assegnato il Pulitzer per Pastorale americana. Attualmente Philip Roth vive nel Connecticut

    - Romanzi con il personaggio di Nathan Zuckerman
    Lo scrittore fantasma (The Ghost Writer, 1979)
    Zuckerman scatenato (Zuckerman Unbound,1981)
    La lezione di anatomia (The Anatomy Lesson,1983)
    L'orgia di Praga (The Prague Orgy, 1985)
    La controvita (The Counterlife, 1986)
    Pastorale americana (American Pastoral, 1997)
    Ho sposato un comunista (I Married a Communist, 1998)
    La macchia umana (The Human Stain, 2000)

    - Opere con Roth come protagonista
    The Facts: A Novelist's Autobiography (1988)
    Inganno (Deception: A Novel 1990)
    Patrimony: A Memoir (1991)
    Operazione Shylock (Operation Shylock: A Confession, 1993)
    Il complotto contro l'America (The Plot Against America, 2004)

    - Romanzi con il personaggio di Kepesh
    Il seno (The Breast, 1972)
    Professore di desiderio (The Professor of Desire, 1977)
    L'animale morente (The Dying Animal, 2001)

    - Altri romanzi
    Goodbye, Columbus (1959)
    Letting Go (1962)
    Quando Lucy era buona (When She Was Good, 1967)
    Lamento di Portnoy (Portnoy's Complaint, 1969)
    Cosa Bianca Nostra (Our Gang, 1971)
    The Great American Novel (1973)
    My Life As a Man (1974)
    Il teatro di Sabbath (Sabbath's Theater, 1995)
    Everyman (Everyman, 2006)

    - Raccolte
    Reading Myself and Others (1976)
    A Philip Roth Reader (1980)
    Chiacchiere di bottega (Shop Talk, 2001)

    PREMI
    1960 National Book Award per Goodbye, Columbus
    1986 National Book Critics Circle Award per The Counterlife
    1991 National Book Critics Circle Award per Patrimony
    1993 PEN/Faulkner Award per Operation Shylock
    1995 National Book Award per Sabbath's Theater
    1998 Pulitzer Prize for Fiction per American Pastoral
    1998 Ambassador Book Award of the English Speaking Union per I Married A Communist
    1998 National Medal of the Arts at the White House
    2000 PEN/Faulkner Award per The Human Stain
    2001 Gold Medal In Fiction dalla The American Academy of Arts and Letters
    2002 National Book Foundation's Award for Distinguished Contribution to American Letters
    2004 Sidewise Award for Alternate History per The Plot Against America
    2007 PEN/Faulkner Award for Fiction per Everyman

    Ho scoperto, ma per fortuna l'ho scoperto, sto grande scrittore mell'ultimo anno.
    Sto cercando di leggere quasi tutti i suoi libri. Al momento ho letto (li metto in fila per il gradimento personale che ho provando leggendoli)
    Lamento di Portnoy
    Il teatro di Sabbath
    Pastorale americana
    Operazione Shylock
    Ho sposato un comunista
    Il complotto contro l'America (attualmente in fase di lettura)

    I romanzi di questo scrittore non sono assolutamente da perdere. A me personalmente, oltre a farmi riflettere, sorridere, farmi passare dalla tragedia alla commedia nella stessa pagina, mi ha messo davanti gli occhi il rapporto, a volte complesso, degli ebrei americani con la terra d'israele, la diaspora, lo sionismo .... tutti argomenti che adesso voglio assolutamente approfondire.

    Lunga vita caro Philip


    Salve a tutti, desidero ringraziare Sun per aver aperto questa discussione su un autore che amo in modo sviscerato.
    Nella mia personale biblioteca ho tutte le opere di Philip edite da Bompiani e successivamente da Mondadori e Eiunaudi.
    Ho scoperto Roth tantissimi anni fa ed il primo libro letto è stato "Lo scrittore fantasma". Attendo con ansia a fine mese l'uscita de "Il fantasma esce di scena", sperando che possa coincidere con l'assegnazione del Nobel!
    Scusatemi se vado in OT...chi pensate possa essere il prossimo laureato dall'Accademia svedese?
    Un saluto
    Gianni

  7. #22

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Kafka Vedi messaggio
    Perché a mio avviso è tanto fumo e poco arrosto.
    ma come si fa a scrivere cosi' di Roth????? assurdo

  8. #23
    Senior Member
    Data registrazione
    Oct 2010
    Località
    Ferrara (provincia)
    Messaggi
    865
    Thanks Thanks Given 
    228
    Thanks Thanks Received 
    175
    Thanked in
    110 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da monica2 Vedi messaggio
    ma come si fa a scrivere cosi' di Roth????? assurdo
    Anch'io ho una opinione diversa di questo scrittore, che ritengo un grande autore che merita la grande considerazione che ha presso gli esperti del settore. Però rispetto anche il parere di chi lo ritiene "molto fumo e poco arrosto" perchè è molto difficile giudicare con grande obbiettività il valore di un autore sopratutto se moderno, dove non c'è lo "spietato" filtro del tempo che condanna i mediocri al perenne oblio. D'altronde i giudizi dipendono molto dai gusti personali dei lettori che possono preferire un tipo di scrittura, un argomento di narrativa, ad un altro. Molto indicativi, su questo argomento, sono i pareri che espressi in questo "blog" su un 'opera a giudizio della grande critica "primaria" come l' ULISSE di Joyce.

  9. #24
    Surrealistic member
    Data registrazione
    Jan 2009
    Località
    Foggia
    Messaggi
    1101
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    3
    Thanked in
    3 Posts

    Predefinito

    grazie per aver riesumato la discussione su uno dei migliori scrittori contemporanei che il mondo ci propone.
    Certo non siamo di fronte alle pagine di shakespeare o dante alighieri, ma Roth a mio parere è uno scrittore che
    racconta molto bene il mondo, quello occidentale contemporaneo, in modo brillante.
    La prosa di Roth è fluida, accattivante, diretta. E'uno dei pochi che riesce a farti immergere nel suo mondo, ti inzuppi dei suoi personaggi.
    Che si possono amare o odiare. Quello non conta.
    Non mi stupirei se prima o poi gli conferissero il nobel, chissà se non accadrà

  10. #25
    Vagabonding Member
    Data registrazione
    Jul 2011
    Messaggi
    5057
    Thanks Thanks Given 
    132
    Thanks Thanks Received 
    162
    Thanked in
    103 Posts

    Predefinito

    Philip Roth: «Ora basta, smetto di scrivere» - Il Messaggero

    E' quindi confermato l' "addio" di Philip Roth al mondo della letteratura!
    Ho uno strano rapporto con qst autore, di cui ho letto solo due romanzi: La macchia umana, che ho quasi odiato, e Pastorale americana che mi ha preso, irritato e ammaliato, lasciandomi dentro la consapevolezza che avrei avuto ancora a che fare con lui... Infatti poco tempo dopo ho comprato Il teatro di Sabbath, da molti decantato come il suo capolavoro, e credo che molto presto lo leggerò...
    Che dire? Il suo "peso" nel mondo della letteratura contemporanea credo sia innegabile, e penso che a molti di noi (me compresa, infondo) dispiacerà il suo abbandono...

  11. #26
    *MOD* Monkey Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    in Campania,ma vicino al Lazio
    Messaggi
    13819
    Thanks Thanks Given 
    771
    Thanks Thanks Received 
    544
    Thanked in
    401 Posts

    Predefinito

    Ho visto anche io la notizia.
    Di lui non ho mai letto nulla,anche se alcuni titoli mi hanno sempre attirata. Devo recuperare.
    Però ho visto il film tratto da La macchia umana.

  12. #27
    Surrealistic member
    Data registrazione
    Jan 2009
    Località
    Foggia
    Messaggi
    1101
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    3
    Thanked in
    3 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Minerva6 Vedi messaggio
    Ho visto anche io la notizia.
    Di lui non ho mai letto nulla,anche se alcuni titoli mi hanno sempre attirata. Devo recuperare.
    Però ho visto il film tratto da La macchia umana.
    minè la cosa pazzesca di roth è "come" scrive. E' un mago della prosa

  13. #28
    *MOD* Monkey Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    in Campania,ma vicino al Lazio
    Messaggi
    13819
    Thanks Thanks Given 
    771
    Thanks Thanks Received 
    544
    Thanked in
    401 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da El_tipo Vedi messaggio
    minè la cosa pazzesca di roth è "come" scrive. E' un mago della prosa
    Allora se me lo consigli tu,lo leggerò di sicuro .
    Se ricordo bene fosti tu ad indirizzarmi verso Il libro dell'inquietudine di Pessoa che ho adorato.

  14. #29
    Junior Member
    Data registrazione
    Oct 2012
    Località
    Napoli
    Messaggi
    6
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito Roth

    @ el_tipo:Sono d'accordo con te sul giudizio su Roth. Non sono molto appassionata al tema del Nobel. Ricorda che l'Accademia svedese è stata capace di assegnare il premio per la pace a Kissinger...
    Ultima modifica di anna5876; 11-11-2012 alle 02:23 PM.

  15. #30

    Predefinito

    Non ho mai letto nulla di Roth, ma è un autore che mi incuriosisce molto: voi da quale suo romanzo mo consiglereste di cominciare? Ci sono così tanti titoli, che non saprei proprio da che parte iniziare.

Discussioni simili

  1. Roth, Philip - Pastorale Americana
    Da Candido nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 44
    Ultimo messaggio: 08-17-2017, 09:01 PM
  2. Roth, Philip - La macchia umana
    Da gio84 nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 16
    Ultimo messaggio: 07-21-2017, 02:26 PM
  3. Roth, Philip - Lamento di Portnoy
    Da sun nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 16
    Ultimo messaggio: 06-12-2017, 12:27 AM
  4. Roth, Philip - Addio, Columbus
    Da elisa nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 06-01-2017, 08:55 AM
  5. Roth, Philip - Il teatro di Sabbath
    Da sun nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 35
    Ultimo messaggio: 10-31-2016, 10:28 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •