Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Memorie di una sopravvissuta

Mostra risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: Lessing, Doris - Memorie di una sopravvissuta

  1. #1
    aunt member
    Data registrazione
    Jan 2008
    Località
    ROMA
    Messaggi
    2128
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito Lessing, Doris - Memorie di una sopravvissuta

    E’ il primo romanzo di carattere fantascientifico che leggo di questa autrice anzi, sinceramente, ignoravo che si fosse dedicata anche a questo genere letterario; ed è stata una piacevole sorpresa perché la Lessing riesce a creare un romanzo di fantascienza inteso non come opera di intrattenimento ma come ulteriore strumento per riproporre le tematiche a lei molto care come l’analisi psicologica, la particolare sensibilità femminile, le diverse dinamiche sociali in atto.
    Il romanzo è ambientato in una non meglio precisata città e collocato temporalmente in un futuro non troppo lontano; nelle prime pagine si avverte solo in modo velato che la società è stata completamente stravolta da una catastrofe di incredibili proporzioni (bomba atomica?) e l’io narrante, una donna di mezza età, può ancora permettersi di vivere un quotidianità quasi normale nel suo confortevole condominio, attorniata da gente ottusamente attaccata ad una finta continuità di vita borghese. La donna si limita a svolgere un funzione di osservatrice degli eventi che la circondano fino a quando non gli viene affidata, senza alcuna giustificazione, la tutela di Emily, una dodicenne che vuole vivere la vera realtà della sua epoca assumendo un ruolo attivo in questa società in continuo degrado. E’ una società che si avvicina sempre più al concetto puro di anarchia dove il potere politico è completamente assente, anche se profondamente temuto (le poche volte che viene nominato con la generica locuzione di “Loro” è sempre percepito come un’entità terribile e violenta); gli abitanti della città hanno iniziato a fuggire verso luoghi ignoti, con la speranza di ritrovare un mondo in cui sono ancora presenti gli agi dello loro vita passata. Si cominciano a formare tribù improvvisate che vivono in strada cercando di sopravvivere a questa nuova realtà senza elettricità, senza più acqua potabile, senza più possibilità di scambi commerciali: e quelli che più facilmente riescono ad adattarsi a questo nuovo sistema sono i bambini che diventano gli indiscussi creatori di una società nuova che si pensa possa realizzarsi senza alcuna autorità ufficiale riconosciuta, senza alcuna regola, senza obblighi imposti. Emily si sente profondamente attratta da questo mondo che si svolge sotto le finestre della sua comoda dimora e, spinta anche dall’infatuazione per un giovane impegnato a proteggere questi ritenuti indifesi bambini, si dedica con tutta se stessa a quella che sente come una propria missione, arrestare la completa disgregazione dell’umanità. L’anziana signora assiste senza interferire nelle scelte della sua pupilla ma limitandosi ad osservare dalla sua finestra, in compagnia dello straordinario cane/gatto della ragazza (personaggio quasi umano nei sentimenti), questi tentativi di ricostruire un mondo sulle sue macerie. Oltre a questa funzione di “osservante” la donna vive, parallelamente, una dimensione onirica che la porta penetrare anche nel “personale” di Emily rivivendo le fasi della difficile infanzia e adolescenza di questa ragazza.
    Il processo di frantumazione di tutti i valori e schemi sociali è però sempre più veloce ed inesorabile e la “salvezza” può venire solo con un abile finale che, come tutti i grandi libri di fantascienza, lascia spazio a tante interpretazioni.

  2. #2
    *MOD* Monkey Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    in Campania,ma vicino al Lazio
    Messaggi
    13819
    Thanks Thanks Given 
    771
    Thanks Thanks Received 
    544
    Thanked in
    401 Posts

    Predefinito

    Per me è invece il secondo, se non terzo (dopo Discesa all'inferno e Il quinto figlio) libro della Lessing di stampo non strettamente "realistico".
    La storia è collocabile nel genere fantascienza, fantasy, distopico (ma forse all'epoca -1974- non era ancora catalogato così) oppure apocalittico... ma qualunque sia la sua definizione a me è piaciuto molto, perchè mi ha saputo affascinare con parecchie riflessioni sulla società, sul ruolo femminile e su ciò che ci aspetterà in futuro. Quello che ha previsto la Lessing non si è ancora verificato del tutto, ma secondo me ci siamo vicini, purtroppo. La questione dell'esistenza di altre dimensioni mi ha sempre incuriosita, e poi ho trovato questo romanzo molto simile a Il paese delle ultime cose di Auster che avevo già avuto modo di apprezzare. Ci sono riferimenti probabilmente voluti (come è riportato in postfazione) ad altri romanzi quali Alice nel paese delle meraviglie (Hugo, il cane con gli occhi di gatto fa pensare allo Stregatto), Arancia ad orologeria (per l'inaudita violenza dei bambini).
    Si legge con passione anche se a qualcuno forse può mettere ansia, ma io negli ultimi anni sono attratta da queste narrazioni e poi lo stile di Doris è sempre capace di affabulare il lettore e di trasmettergli emozioni.

Discussioni simili

  1. Lessing, Doris - Fascino e intelligenza
    Da elisa nel forum Autori
    Risposte: 69
    Ultimo messaggio: 11-18-2013, 06:44 PM
  2. Lessing, Doris - L'erba canta
    Da elisa nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 08-19-2008, 07:05 PM
  3. Lessing, Doris - Il taccuino d'oro
    Da elisa nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 04-10-2008, 06:51 PM
  4. Per Elisa e per tutti coloro che amano Doris Lessing
    Da klosy nel forum Salotto letterario
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 01-03-2008, 01:06 AM
  5. Letteratura, Nobel a Doris Lessing
    Da alisa nel forum Salotto letterario
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 10-13-2007, 01:39 AM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •