Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

Non ci sono libri recensiti su forumlibri di questo Autore oppure non sono ancora nessuno è stato collegato.

Mostra risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: Mari, Michele

  1. #1

    Predefinito Mari, Michele

    Michele Mari è il mio scrittore italiano vivente preferito, ho una venerazione per lui sin dai tempi di Tu, sanguinosa infanzia,raccolta di racconti che mi ha
    incantata...

    il suo stile ricco, letterariamente aulico mi restituisce la mia lingua in tutte le sue sfumature e preziosità...

    i temi a lui cari sono gli stessi a me più cari, quindi l'adesione al suo immaginario è per me totale...




    "In genere, più io sono autentico, più parlo di cose urgenti, imbarazzanti, più sento classicisticamente il bisogno di cristallizzarle in una forma alta. L'impressione di molti è che proprio per questa forma in punta di penna io non ci metta le viscere. Per me, invece, tanto di visceralità, tanto di cristallizzazione. Mi sembra poi che abbia preso piede in questi ultimi quindici anni un'idea molto giornalistica della letteratura, un'idea dello scrittore come testimone del proprio tempo, anche dal punto di vista linguistico, che io rifiuto." (Michele Mari, da Avvenimenti, 19 mar 97)



    Figlio del designer e artista Enzo Mari, insegna letteratura Italiana all'Università Statale di Milano.

    Filologo e cultore di fantascienza (v. Le copertine di Urania in Tu, sanguinosa infanzia, 1997) e di fumetti. Nei suoi racconti ricorre spesso il tema dell'infanzia, o della prima giovinezza, come momento da conservare avidamente (vedi per tutti il racconto I palloni del signor Kurtz, in Euridice aveva un cane, 1993), dell'ossessione postuma per la vita non vissuta (Euridice aveva un cane nella raccolta omonima, 1993, Rondini sul filo, 1999), della letteratura come succedaneo della vita, della memoria e dei suoi meccanismi (Verderame, 2007). Nemico del mutamento (quindi della modernità nelle sue forme più appariscenti e volgari), che è vista come forma di morte, argomenta che le cose permangono solo quando le perdi: come i vecchi giocattoli, che se nessuno viene a rubarteli perderai per sempre: per ignavia, per distrazione. Altrettanto nemico dell'enfasi, prono anzi ad adottare un tono aulico e gelido, quanto più l'emozione si fa cocente. Il suo stile letterario, estremamente composito, trova i riferimenti più plausibili, nella letteratura italiana, in Carlo Emilio Gadda, in Tommaso Landolfi e in Giorgio Manganelli, e fuori d'Italia in Louis-Ferdinand Céline (soprattutto in Rondini sul filo). L'ultimo romanzo, il breve Verderame, mantenendo intatti i caratteri principali dei precedenti, adotta una struttura a investigazione con tocchi di horror e un ambiguo finale sovrannaturale.

    Rilevante anche l'attività critico-filologica e saggistica, volta soprattutto alla letteratura italiana del Sette-Ottocento (L'Iliade di Vincenzo Monti, 1982, Venere celeste e venere terrestre, 1988, Momenti della traduzione fra Settecento e Ottocento, 1994) e alla letteratura fantastica in chiave comparatistica (I demoni e la pasta sfoglia, Quiritta 2004).

  2. #2

    Predefinito Michele Mari

    Ciao Annaluna,

    non consoco bene Michele Mari, ma ne ho un'ottimo ricordo che, insieme alla tue parole di stima, mi spingono a leggerlo.

    Ricordo che un'amica una sera portava un libro di Mari con sè e me ne fece leggere l'inizio che mi affascinò molto. Un incipit in cui il narratore dichiarava di essere morto, una sorta di "morto che parla". Mi ha molto colpito.

    Mi sapresti dire di che libro si tratta? Secondo te posso incominciare da quel libro la lettura dell'opera di Mari?

    Grazie

  3. #3

    Predefinito

    Ciao

    E' Rondini sul filo!!!

    Davvero notevoli anche le copertine dei libri che sempre Mari sceglie personalmente e che quindi fanno integralmente parte dell'opera, come il titolo oltre al testo.

    Eccone alcuni esempi accompagnati da dei bei commenti-recensioni:

    http://images.google.it/imgres?imgur...%3Dit%26sa%3DG

    Beh io non inizierei da Rondini sul filo

    consiglio sempre di iniziare da Tu, sanguinosa infanzia

    Meglio conoscere prima il Mari dei racconti, poi il Mari romanziere de La stiva e l'abisso e poi il resto...

Discussioni simili

  1. De Michele, Girolamo - Tre uomini paradossali
    Da elisa nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 04-20-2012, 03:40 PM
  2. Verne, Jules - Michele Strogoff
    Da Dorylis nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 04-22-2008, 12:17 AM
  3. mari - ....eccomi qui!!
    Da mari nel forum Presentazioni: ecco dove ti puoi presentare
    Risposte: 17
    Ultimo messaggio: 09-27-2007, 12:12 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •