Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

Pagina 7 di 24 PrimoPrimo 1234567891011121314151617 ... UltimoUltimo
Mostra risultati da 91 a 105 di 358

Discussione: Le nostre poesie

  1. #91
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2009
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    2849
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    O Dio,
    il mio pensiero è cieco,
    fugge alle tue leggi,
    si perde non so dove.
    Ma nello sconfinare
    dolce è sempre la compagnia,
    là ha da ritornare.
    Ultima modifica di Apart; 06-28-2010 alle 01:03 AM.

  2. #92
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2009
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    2849
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Di questa voce interiore
    ho un vago ricordo da bambino,
    la cui nascita non so datare.
    Compagna di tutta una vita,
    ancora oggi
    non so spiegare.
    Riempie di frasi
    il giorno,
    dorme con me
    la notte.
    Questa mia voce
    è un grido,
    quando viene dal cuore.

  3. #93
    Member
    Data registrazione
    Apr 2010
    Località
    Roma
    Messaggi
    35
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    11 caratteri!
    Ultima modifica di Raskolnikov; 05-31-2010 alle 03:27 PM.

  4. #94
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2009
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    2849
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Mi perdo dentro a un respiro,
    ebbro di quest’aria
    mi lascio cullare.
    Brindo al pensiero di lei,
    lei che so,
    del giorno in cui verrà.
    Ultima modifica di Apart; 06-28-2010 alle 01:05 AM.

  5. #95
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2009
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    2849
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Quale mare,
    levandosi da fuori,
    agita dentro?

  6. #96

    Predefinito

    Cosi' è possibile,
    sapersi prigionieri in se
    condannati dalle mura del proprio essere.
    E che essere, se non si sente nulla per cui esistere.
    Costretti da indicibili atrocità,
    a sopportare l'insondabilità consapevole,
    l'incolmabile oblio consacrato dal prostrarsi degli altri,
    ad esecrabili sorti,
    ad amori in te defunti.
    A che serve appiccarsi fuoco,
    per esser dopo sicuri di un proprio lascito?
    Diamo agli arringatori misconosciuti,
    i loro discorsi incompiuti.
    Cosi è possibile?

  7. #97
    Autore/Curatore Editorial
    Data registrazione
    Jun 2008
    Località
    Palermo, Italy
    Messaggi
    124
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Thumbs up Menzione d'onore per "Là, dove il mare...

    Citazione Originariamente scritto da joetiziano Vedi messaggio
    Ti ringrazio, ne inserisco un'altra che mi piace molto.


    Là, dove il mare… (19/10/2001)


    Là, dove il mare è profondo,
    fondo, fondo;
    là, dove le onde si rincorrono,
    corrono, corrono:
    e le luci si disperdono
    e lo sguardo si dirada,
    si fa chiaro;
    e l’amor mi raggiunge
    col suo dolce sovvenir.
    Là, dove il mondo ti dimentica;
    là, dove il sole ti colpisce
    col suo chiaror;
    là, dove un lampo ti pervade
    col suo baglior,
    e in un abbraccio ti rapisce.
    Là, dove l’oblio ti sommerge
    con la sua luna;
    là, dove il mondo ti abbandona
    con la sua fine:
    là voglio riposare,
    e perdermi rapito
    nel Sole: nell’amore infinito.

    (Dalla mia raccolta, Per una strada, pag. 96, sbc, 2009)

    Menzione d'onore per "Là, dove il mare..." al I premio internazionale d'arte "Europclub" Messina - Taormina 2010.
    Quando la scrissi, mi trovavo da solo nel cuore della notte, in casa, il mare tempestoso si agitava nella mia anima e non mi faceva compagnia con le sue onde che baciavano la riva, né mi faceva compagnia lo spettacolo di un meraviglioso tramonto.
    Il mare del nostro dolore, il mare dei nostri pensieri, il mare della nostra anima, il mare dei nostri sogni...
    Il mare che a volte ci intrappola in un vortice di problemi e di pensieri, il mare che in un maremoto ci sbalza via dalle nostre sicurezze e come un ladro ci depreda.
    Come scrivo in un mio aforisma, "Il dolore è come il mare, nel suo indistinto ondeggiare e rifluire incessante".
    Se fate attenzione, come le onde procede la lettura di questa mia poesia, come le onde del mare!

  8. #98
    Senior Member
    Data registrazione
    Oct 2010
    Località
    ----
    Messaggi
    169
    Inserimenti nel blog
    6
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Io sono un critico, soltanto una volta mi sono voluto improvvisare poeta. Ecco il risultato, che ne pensate?

    Il Bene et il male

    Girovagan su per
    la campagna
    Mi chiedo se raggiungerò mai Paradiso. Andrò in Paradiso?
    Chissà!
    Dorme, entro me, lo spirito soldato che mi rugge e mi rode
    dicendomi << pecca! pecca! pecca!>> Ma io non lo ascolto,
    e gli chiudo la porta del mio cuore. Sbam!
    Lui bussa: “TOC TOC”.
    Talvolta giro tre volte il volto,
    talaltra gli apro la porta.
    Sempre maligno fu questo spirito,
    questo spirito malvagio,
    questo spirito malefico;
    Pace non trovo con lui, et gli voglio far guerra.
    Questo spirito è come
    Il fuoco che brucia un uomo:
    a piano a piano,
    lo consuma, lo brucia,
    fino ad ucciderlo.

    Vien adagio satana,
    camminando tra le oscure malefatte degli uomini,
    e silenziosamente lavoro sotto sotto,
    così da non accorgerci che,
    sotto il suo influsso,
    facciamo più male noi che gli altri.

    Vedi questi marmi freddi e scuri?
    Vedi questi uomini morti?
    Sono andati all’inferno o in Paradiso?
    Sono andati nella dannazione o nella Beatitudine?
    Solo il Dio e il diavolo lo sanno.

    Vien ancora l’amaro spirito zoppo e maleodorante
    e nel fresco fuoco ancora vi brucia,
    fin che non siete solo cadaveri viventi.
    Resiste, Resistete, Resistete, Resistete:
    la Gloria della Salvezza sta davanti a voi.

  9. #99

    Predefinito

    Involuto n-essere sacrificato all’abbacinante fulgore diurno
    Indiscernibile! Nell’impietoso scurire del giorno
    Così d’essere sempre più mosso verso lattescenti realtà
    Scolorite da l’incosciente incombere d’un inintelligibile ottenebramento
    Trafelato! Nel fallace Iperuranio
    Ignorante! Del connaturato oblio pervadenteci
    Inconscio! Di quel che altro non è che uno strabico luccicore riflesso
    Invescato! In atavici meno saldi ma immuni indios dorados illusori.

  10. #100
    CON LA "C"
    Data registrazione
    Sep 2008
    Località
    Calabria Esaurita
    Messaggi
    1687
    Inserimenti nel blog
    8
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Mesnilgrand Vedi messaggio
    Involuto n-essere sacrificato all’abbacinante fulgore diurno
    Indiscernibile! Nell’impietoso scurire del giorno
    Così d’essere sempre più mosso verso lattescenti realtà
    Scolorite da l’incosciente incombere d’un inintelligibile ottenebramento
    Trafelato! Nel fallace Iperuranio
    Ignorante! Del connaturato oblio pervadenteci
    Inconscio! Di quel che altro non è che uno strabico luccicore riflesso
    Invescato! In atavici meno saldi ma immuni indios dorados illusori.
    Meravigliosamente sorprendente che dire... la classe è classe. Come genere mi ricorda quella postata tempo fa da Zaratia... un vero piacere rileggerla:

    Citazione Originariamente scritto da zaratia Vedi messaggio
    Questa l'ho scritta al liceo... L'ho mandata come anonimo al giornale della scuola... Inutile dire che me l'hanno pubblicata!

    Note: da leggere a voce alta con MOLTO PATHOS e con tono drammatico. Fate attenzione alle assonanze e alle finezze tecniche...

    Canto Notturno di un Panzer Dimagrante

    (canzone in 5 strofe, 7 endecasillabi e 1 settenario al II verso, schema ABC ABC DD)

    Oh subduzione giambica, parasti?
    Zampettasti sboldrina
    o deificasti lo zoo comunardo?
    Vedo fronde fresche di fini casti,
    apokolokintosys alcalina
    pura colica di foca di dardo.
    Ippocastano ipocalorico,
    oh ippocastano iperbolico!

    Pannocchie berilliche scatarranti,
    cotogna e zampogna
    calcalcalina di folpi lascivi,
    pustoliche pinne delugubranti,
    bulbo anatettico di fogna;
    pantalassa antalgica, arrivi
    e conocchia fotonica arridi:
    sfaldi chemioterapizzandi lidi.

    Panzer dimagrante! Fonte di travi,
    esiti e sgambetti
    come cozze barocche e ampolle
    folleggianti di trobadoriche navi;
    fulcro funambolo, spanzi anfratti,
    emprizzi folkloreggianti zolle.
    Zozze zuppe e zucche zuzzurellone,
    golgota di giuggiole di gorgone!

    Voi, palinsesti ostetrici, magmi
    onomatopeici,
    fermentate sulfuree fanfare
    e ginuflettete ludici sintagmi.
    Se talami fenomenologici
    e corroboranti, scevre zanzare
    scatenano zompettanti fettoni,
    fetori di falloppio e anioni.

    Beoti di tartaro e sanculotti
    pelano protozoi
    fonicamente infeltriti e conati,
    ascelle e dirimpetti corrotti!
    Oh donzelletta, ti rapprendi con noi,
    e baldanti cataratte, cobalti
    corollarici d'azzurro secreto,
    ablativi finocchi riempi di veto!

  11. #101
    Señora Memebr
    Data registrazione
    Jan 2011
    Località
    Viterbo
    Messaggi
    2218
    Inserimenti nel blog
    4
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da zaratia Vedi messaggio
    Questa l'ho scritta al liceo... L'ho mandata come anonimo al giornale della scuola... Inutile dire che me l'hanno pubblicata!

    Note: da leggere a voce alta con MOLTO PATHOS e con tono drammatico. Fate attenzione alle assonanze e alle finezze tecniche...

    Canto Notturno di un Panzer Dimagrante

    (canzone in 5 strofe, 7 endecasillabi e 1 settenario al II verso, schema ABC ABC DD)

    Oh subduzione giambica, parasti?
    Zampettasti sboldrina
    o deificasti lo zoo comunardo?
    Vedo fronde fresche di fini casti,
    apokolokintosys alcalina
    pura colica di foca di dardo.
    Ippocastano ipocalorico,
    oh ippocastano iperbolico!

    Pannocchie berilliche scatarranti,
    cotogna e zampogna
    calcalcalina di folpi lascivi,
    pustoliche pinne delugubranti,
    bulbo anatettico di fogna;
    pantalassa antalgica, arrivi
    e conocchia fotonica arridi:
    sfaldi chemioterapizzandi lidi.

    Panzer dimagrante! Fonte di travi,
    esiti e sgambetti
    come cozze barocche e ampolle
    folleggianti di trobadoriche navi;
    fulcro funambolo, spanzi anfratti,
    emprizzi folkloreggianti zolle.
    Zozze zuppe e zucche zuzzurellone,
    golgota di giuggiole di gorgone!

    Voi, palinsesti ostetrici, magmi
    onomatopeici,
    fermentate sulfuree fanfare
    e ginuflettete ludici sintagmi.
    Se talami fenomenologici
    e corroboranti, scevre zanzare
    scatenano zompettanti fettoni,
    fetori di falloppio e anioni.

    Beoti di tartaro e sanculotti
    pelano protozoi
    fonicamente infeltriti e conati,
    ascelle e dirimpetti corrotti!
    Oh donzelletta, ti rapprendi con noi,
    e baldanti cataratte, cobalti
    corollarici d'azzurro secreto,
    ablativi finocchi riempi di veto!
    Fantastica. Scrittura automatica nella migliore tradizione surrealista....

  12. #102
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2009
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    2849
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Quando in cuor mio v'è tristezza,
    non alla filosofia,
    ma alla poesia sempre ritorno.
    In quel fraterno luogo,
    presso quella cara amica
    mi abbandono.
    Lì è il più dolce dei miei risvegli.

  13. #103
    Senior Member
    Data registrazione
    Mar 2011
    Località
    www.restaconme.it
    Messaggi
    530
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Tra le crepe dei miei passi / stridono piedi colorati di morte / amo chiunque faccia parte / del mio stesso libro di fiabe / vivo come se sapessi / il giorno della mia morte / vivo come se credessi / che i sogni meritano voce / non esiste il tempo / ma l'acqua che scorre / bagna la schiena / fa sinfonia / mai detto che il mio amore / fosse eterno / sposati / voglio tu sia felice!

  14. #104
    Señora Memebr
    Data registrazione
    Jan 2011
    Località
    Viterbo
    Messaggi
    2218
    Inserimenti nel blog
    4
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Ho raccolto questa voce
    come se fosse stata
    gettata dal mare.

    Un lungo eco lontano
    che giunge fin qui
    a strapparmi i capelli.

    Non temere.
    Ti ho sentito bene.
    Sei andato avanti
    senza chiedere
    senza volere
    senza aspettarmi.

    Verrò a riprenderti
    in armi.

  15. #105
    Cat Member
    Data registrazione
    Oct 2010
    Località
    Provincia di Milano
    Messaggi
    2031
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Shoofly Vedi messaggio
    Ho raccolto questa voce
    come se fosse stata
    gettata dal mare.

    Un lungo eco lontano
    che giunge fin qui
    a strapparmi i capelli.

    Non temere.
    Ti ho sentito bene.
    Sei andato avanti
    senza chiedere
    senza volere
    senza aspettarmi.

    Verrò a riprenderti
    in armi.
    Piena di forza questa poesia: brava Shoof, mi è piaciuta!

Discussioni simili

  1. Tutte le nostre Librerie Personali, questo elenco di libri
    Da Fabio nel forum Pagine di servizio
    Risposte: 28
    Ultimo messaggio: 06-24-2008, 05:02 PM
  2. Poesie d'amore
    Da elisa nel forum Poesia
    Risposte: 22
    Ultimo messaggio: 05-19-2008, 07:58 AM
  3. Posso prendere le poesie?
    Da TheLand nel forum Amici
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 11-01-2007, 06:36 PM
  4. Poesie di Francois Villon
    Da zaratia nel forum Poesia
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 09-15-2007, 04:58 PM

Tags per questo thread

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •