Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

L'Idiota

Pagina 1 di 4 1234 UltimoUltimo
Mostra risultati da 1 a 15 di 60

Discussione: Dostoevskij, Fedor - L'Idiota

  1. #1
    aunt member
    Data registrazione
    Jan 2008
    Località
    ROMA
    Messaggi
    2128
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito Dostoevskij, Fedor - L'Idiota

    Non è facile commentare i grandi capolavori di Dostoeveskij, e per me è ancora più difficile degli altri parlare dell’Idiota in quanto sono stata profondamente colpita non tanto dalla storia quanto dalle forti emozioni suscitate dalla figura del protagonista.
    Il principe Lev Myskin incarna gli ideali di amore, altruismo, compassione, purezza, castità, in una maniera così disarmante da mettere necessariamente in crisi tutti gli interpreti del mondo reale che inevitabilmente lo percepiscono come un essere pericoloso. La sua logica assolutamente infantile (infatti riesce ad essere compreso ed apprezzato solo dai bambini o da coloro che hanno inconsapevolmente mantenuto in sé la componente fanciullesca, per gli altri è un semplice “Idiota”) è talmente sincera e schietta che egli accetta senza alcuna difficoltà la possibilità di cogliere la bellezza in ogni aspetto della vita umana e in ogni individuo, anche in quello socialmente considerato il più abietto. Il principe concilia, con la sua non compresa grande intelligenza, la natura e lo spirito e riconosce nei pensieri la coesistenza dei poli contrari (amore nell’odio, bellezza nella bruttura, sincerità nella bugia, bontà nella perfidia); ma questo atteggiamento rappresenta un nemico per l’ordine costituito, perché fa crollare le certezze e le regole dietro cui si barricano i benpensanti della società. La fiducia assoluta negli altri e l’umiltà di Myskin spingono inaspettatamente i suoi interlocutori a mettere a nudo i loro dolori, a confidare le loro bassezze e questo travolge le barriere che ognuno di loro si era costruito per sopravvivere in una società maligna e crudele; ma la bontà e la pietà non sono gli ingredienti giusti per redimere l’umanità. Il barlume di speranza intravisto con la celebre frase “La bellezza salverà il mondo” viene completamente travolto dall’antagonismo, dall’odio, dalla passionalità dei sentimenti dei vari personaggi che interagiscono con il principe, che sarà costretto a rinchiudersi nella sua follia (come Don Chisciotte) per sfuggire alla crudeltà del mondo.


    La storia in sè è abbastanza semplice e animata da numerosi personaggi (dai nomi come al solito impronunciabili e difficili da ricordare): il giovane Lev Myskin torna in Russia dopo anni passati in Svizzera per curarsi.
    Appartiene ad una nobile famiglia decaduta ma prestigiosa e ha ricevuto dal suo protettore una consistente eredità; con la sua piena fiducia negli altri cerca di inserirsi nella società russa ma ben presto la sua "diversità" scatena una serie di eventi e situazioni di cui è involontario e passivo autore: l'affascinante Nastasja Filippovna, chiacchierata mantenuta di un vecchio nobile e contesa sposa di altri personaggi, si innamora di Myskin così come la bella Aglavja, viziata e capricciosa figlia di un rispettato generale. Attorno a questo intreccio, si inseriscono altre figure direttamente o indirettamente interessate alla vicenda o semplicemente desiderose di confrontarsi con questo "particolare principe" che continua a subire gli eventi senza capacità di imporre la sua volontà.
    E' interessante la descrizione della Russia dell'epoca caratterizzata da personaggi che sembrano rappresentare l'aspetto conservatore, rigido e apparentemente nobile di una società basata su antichi valori ma anche animata da giovani, nichilisti o romantici, che sembrano voler sovvertire il mondo con la forza delle lo passioni.




    Voto 5/5 (ma se avesse senso....anche 6/5, 7/5, 8/5........!!!)

  2. #2
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2008
    Località
    pianura padana
    Messaggi
    6027
    Thanks Thanks Given 
    154
    Thanks Thanks Received 
    234
    Thanked in
    130 Posts

    Predefinito

    Già finito?!?!
    per il momento è l'unico commento che posso fare... complimenti per la velocità di lettura elena!

  3. #3
    aunt member
    Data registrazione
    Jan 2008
    Località
    ROMA
    Messaggi
    2128
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da darida Vedi messaggio
    Già finito?!?!
    per il momento è l'unico commento che posso fare... complimenti per la velocità di lettura elena!
    Credo semplicemente di aver iniziato molto molto prima di te !!!

    Aspetto con ansia i tuoi commenti.......così magari approfondiamo qualche parte insieme !!!

  4. #4
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2008
    Località
    pianura padana
    Messaggi
    6027
    Thanks Thanks Given 
    154
    Thanks Thanks Received 
    234
    Thanked in
    130 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da elena Vedi messaggio
    Credo semplicemente di aver iniziato molto molto prima di te !!!

    Aspetto con ansia i tuoi commenti.......così magari approfondiamo qualche parte insieme !!!
    Con piacere, purchè tu non abbia fretta.
    Quando affronto scrittori e testi di un certo calibro mi ci vuole un po' a carburare, ma è anche un piacere, come gustare un sorbetto moooolto lentamente, quindi mi capita di leggere soffermandomi a "gustare" per benino ogni parola, ogni sfumatura, finchè non entro bella comoda nella storia, non mi sposto molto dalle prime pagine ma Fedor certamente merita tanta dedizione

  5. #5
    aunt member
    Data registrazione
    Jan 2008
    Località
    ROMA
    Messaggi
    2128
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da darida Vedi messaggio
    Con piacere, purchè tu non abbia fretta.
    Quando affronto scrittori e testi di un certo calibro mi ci vuole un po' a carburare, ma è anche un piacere, come gustare un sorbetto moooolto lentamente, quindi mi capita di leggere soffermandomi a "gustare" per benino ogni parola, ogni sfumatura, finchè non entro bella comoda nella storia, non mi sposto molto dalle prime pagine ma Fedor certamente merita tanta dedizione
    Quoto al 100% !!!! E ti aspetto ben volentieri !!!

  6. #6
    Cicciofila Member
    Data registrazione
    Nov 2007
    Messaggi
    473
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    E' uno degli ultimi libri che ho letto, voglio aspettare ancora un po' per esprimere un giudizio.

  7. #7
    Cicciofila Member
    Data registrazione
    Nov 2007
    Messaggi
    473
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Ho appena dato il mio voto:
    4/5, anche se sono stata a lungo indecisa se dargli o no il massimo dei voti,
    diciamo che ci fossero stati i mezzi voti avrebbe preso 4,5/5

    Naturalmente si tratta di un libro molto profondo,
    in cui ciò che affascina non è tanto il concatenarsi degli eventi,
    ma il modo di approcciarsi a questi avvenimenti che ha il protagonista.

    L'idiota, altri non è se non lo stesso Dostoevskij,
    persona e personaggio sono tutt'altro che semplici da comprendere,
    per questo il principe Myskin viene definito "idiota", e a rendere ancora più viva la convinzione che lo sia davvero, contribuiscono gli attacchi epilettici di cui è schiavo (e di cui soffriva lo stesso Dostoevskij).

    Mi ha colpito, all'inizio del libro, quando il Principe si trova a parlare per la prima volta con la moglie e le figlie del generale,
    la descrizione che viene fatta di un condannato a morte che viene portato al patibolo e all'ultimo secondo gli viene comunicato che la condanna non ci sarà,
    si tratta di un fatto successo davvero a Dostoevskij, che trasmette, per mezzo del Principe, tutto ciò che si prova nei 3 minuti prima di essere ammazzato.


    Ah, dimenticavo, non ho dato il massimo dei voti perchè ho trovato il finale troppo veloce e perchè ho capito solo dopo un paio di pagine ciò che era successo realmente (forse sono un po' defi io! ),
    comunque è un libro che non può mancare nella biblioteca di chi ama i classici russi.

  8. #8
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Udine
    Messaggi
    18923
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    243
    Thanks Thanks Received 
    706
    Thanked in
    434 Posts

    Predefinito

    Bellissimo romanzo, commovente fino alle lacrime, la figura di Myskin è da rivalutare in una realtà come la nostra come il vero eroe positivo di una società arrivista e cinica. Io amo questo uomo...

  9. #9
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2008
    Località
    pianura padana
    Messaggi
    6027
    Thanks Thanks Given 
    154
    Thanks Thanks Received 
    234
    Thanked in
    130 Posts

    Predefinito

    Finito! Finalmente, si perche' devo ammettere che non e' stata impresa semplice.
    Fosse solo per la simpatica idea del caro Fedor di usare solo raramente lo stesso appellativo per lo stesso personaggio, ma non solo questo...e' come dire "tanto", prolisso a tratti dispersivo, certamente impegnativo-non che questo sia un difetto...- . Uno scandaglio incessante dell'animo umano con l'effetto di sfinirti, coinvolgerti, commuoverti e perche' no qualche volta addormentarti per la troppa tensione emotiva immagino
    Gran libro comunque, soddisfatta di essere arrivata alla fine, magari prima di attaccare "Delitto e castigo" mi fo una pausa da lettura evasiva

  10. #10
    Cicciofila Member
    Data registrazione
    Nov 2007
    Messaggi
    473
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da darida Vedi messaggio
    Finito! Finalmente, si perche' devo ammettere che non e' stata impresa semplice.
    Fosse solo per la simpatica idea del caro Fedor di usare solo raramente lo stesso appellativo per lo stesso personaggio, ma non solo questo...e' come dire "tanto", prolisso a tratti dispersivo, certamente impegnativo-non che questo sia un difetto...- . Uno scandaglio incessante dell'animo umano con l'effetto di sfinirti, coinvolgerti, commuoverti e perche' no qualche volta addormentarti per la troppa tensione emotiva immagino
    Gran libro comunque, soddisfatta di essere arrivata alla fine, magari prima di attaccare "Delitto e castigo" mi fo una pausa da lettura evasiva

    Ciao Darietta
    pure io, dopo aver finito L'idiota ho pensato:
    "Adesso, per un po' di tempo mi dedico solo a cosine più leggere"
    ...anche perchè meno leggero dell' Idiota c'è ben poco!

    E pure io ho aperto Delitto e Castigo che ho sulla libreria a casa e ho deciso che impiegherò un pochetto prima di leggerlo.

    Sulla simpatica abitudine del caro Fedor, come darti torto?
    Però ho notato questo:
    a volte mentre sto leggendo un libro i cui personaggi hanno un nome comune, tendo a dimenticarmi come si chiamano, anche mentre leggo quel libro;
    i nomi dei personaggi dei romanzi russi me li ricordo a lungo, anche per anni, a volte, proprio perchè mi costringo ad impararli durante la lettura e poi non li scordo.

    Proprio perchè se un personaggio di un libro si chiama Marta tendo a non fare la fatica di ricordarmelo, e allora lo dimentico,
    se viene chimato in 5 modi diversi nel giro di 3 pagine, per di più con nomi russi, sono costretta ad impararlo perchè altrimenti non capisco nulla della storia!

  11. #11
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2008
    Località
    pianura padana
    Messaggi
    6027
    Thanks Thanks Given 
    154
    Thanks Thanks Received 
    234
    Thanked in
    130 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da klosy Vedi messaggio
    Ciao Darietta
    pure io, dopo aver finito L'idiota ho pensato:
    "Adesso, per un po' di tempo mi dedico solo a cosine più leggere"
    ...anche perchè meno leggero dell' Idiota c'è ben poco!

    E pure io ho aperto Delitto e Castigo che ho sulla libreria a casa e ho deciso che impiegherò un pochetto prima di leggerlo.

    Sulla simpatica abitudine del caro Fedor, come darti torto?
    Però ho notato questo:
    a volte mentre sto leggendo un libro i cui personaggi hanno un nome comune, tendo a dimenticarmi come si chiamano, anche mentre leggo quel libro;
    i nomi dei personaggi dei romanzi russi me li ricordo a lungo, anche per anni, a volte, proprio perchè mi costringo ad impararli durante la lettura e poi non li scordo.

    Proprio perchè se un personaggio di un libro si chiama Marta tendo a non fare la fatica di ricordarmelo, e allora lo dimentico,
    se viene chimato in 5 modi diversi nel giro di 3 pagine, per di più con nomi russi, sono costretta ad impararlo perchè altrimenti non capisco nulla della storia!
    ciao tesoro!
    Teoria interessante la tua sui nomi russi, praticamente una lenta tortura comunque la prossima volta mi faccio una legenda e me la sbatto in prima pagina

  12. #12
    Anime member
    Data registrazione
    Nov 2008
    Messaggi
    174
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Stupendo,ho votato 5 anche solo per l'impatto che ho avuto...mi ha riaperto il mondo della buona lettura.
    Oltre a Myskin,moltissimi altri personaggi interessanti,tra cui Aglaja,Ganja (che scritto così fa pensare a ben altro,lol),Nastas'ja,Ippolit,tutti immersi in un mondo che dopo poche pagine prende davvero vita grazie alla profonda introspezione di ognuno di loro.
    Poetico. (...mi sento molto Ziliani di Controcampo,così)

  13. #13
    Member
    Data registrazione
    Jan 2009
    Località
    Treviso
    Messaggi
    94
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Io non riesco ancora a dare un voto nè tanto meno una valutazione a questo libro, pur avendolo finito da almeno una settimana.
    Per me è stata una lenta agonia arrivare alla fine, mi sono risvegliato spesso nel cuore della notte col libro come cuscino. Certe parti sono davvero soporifere! Secondo me influisce il fatto che è uscito a puntate in una rivista e veniva pagato a battute, quindi più scriveva... certe parti davvero per me sono state uno scoglio quasi insormontabile e le ho lette con grande sforzo di volontà. L'ultima parte invece l'ho letteralmente divorata perchè volevo sapere come si scioglieva l'incredibile intreccio creatosi nella parte centrale.
    I personaggi sono molto reali e ben descritti, anche psicologicamente. Non si può non provar pena per il principe che per la compassione, l'amore e non volersi rimangiare la parola a volte compie delle scelte non proprio favorevoli per lui.

    Infine sono contento di averlo letto, ma lo scremerei di almeno metà delle pagine per ritenerlo un ottimo romanzo.

  14. #14

    Predefinito

    Io vado controcorrente (come al solito), ma io non riesco a sopportare la figura del principe. Sebbene sia di grande bontà, e lui sia la rappresentazione di Cristo (vedi la scena in cui vede il quadri a casa di Rogožin e ne esce profondamente scosso), è un inetto. La critica russa l'ha sempre catalogato come lišnij čelovek (uomo inutile); ha tantissime idee e buoni principi, ma non riesce a tradurne in pratica nemmeno uno. È un personaggio che non lascia il segno, è comparso dal buio e scompare nel buio. Non è neanche stato capace di amare e salvare Nastas'ja Filipovna (uno dei più bei personaggi del buon Fedor); l'unica cosa che riesce a fare è vegliare, all'ultimo, il suo cadavere e consolare Rogožin: ltimo atto di estrema bontà, prima di tornare "un idiota".

  15. #15
    blowfisher
    Data registrazione
    Jun 2009
    Località
    Dayton, OH
    Messaggi
    119
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    che posso dire? quando lo lessi mi cambiò la vita. ora non ricordo come, però.

Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. Dostoevskij, Fedor - Il giocatore
    Da lele72 nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 36
    Ultimo messaggio: 02-06-2017, 12:42 AM
  2. Dostoevskij, Fedor - Delitto e castigo
    Da Darkay nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 102
    Ultimo messaggio: 12-14-2016, 02:53 PM
  3. Dostoevskij, Fedor
    Da mado84 nel forum Autori
    Risposte: 126
    Ultimo messaggio: 12-11-2016, 09:04 PM
  4. Dostoevskij, Fedor - I fratelli Karamazov
    Da elena nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 40
    Ultimo messaggio: 09-07-2016, 07:46 PM
  5. V G.L. - Il Giocatore (Dostoevskij, Fedor)
    Da zaratia nel forum Gruppi di lettura
    Risposte: 45
    Ultimo messaggio: 06-03-2008, 10:55 AM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •