Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

La prima sorsata di birra e altri piccoli piaceri della vita

Mostra risultati da 1 a 9 di 9

Discussione: Delerm, Philippe - La prima sorsata di birra e altri piccoli piaceri della vita

  1. #1
    Altro Site Admin
    Data registrazione
    Mar 2005
    Località
    Veneto
    Messaggi
    3569
    Inserimenti nel blog
    14
    Thanks Thanks Given 
    83
    Thanks Thanks Received 
    59
    Thanked in
    33 Posts

    Smile Delerm, Philippe - La prima sorsata di birra e altri piccoli piaceri della vita

    Philippe Delerm
    La prima sorsata di birra
    e altri piccoli piaceri della vita


    Decisamente uno dei libri che più riesce a farti tornare il buonumore, anche nei giorni più neri.

    Il libro è una specie di galleria di sensazioni Belle. Avete presente le gallerie fotografiche dei siti internet? Ecco il libro è una specie di Flickr di piacevoli sensazioni.

    L'autore con una cromatica maestria (finalmente uno scrittore usa a dismisura i colori!) ti tempesta di immagini e sensazioni. Il libro non parla di nulla, non ha una storia: è un bombardamento di piacevoli immagini, gusti, odori, sapori, rumori, tatti.

    Tutti i nostri sensi godranno nel ricevere questo temporale veloce e penetrante di "sensazioni di piacere".

    Il libro lo si legge in 1 ora... ma lo terrete per un po' sul comodino e quando sarete in una giornata no vi renderà felici tempestarvi di piacevoli sensazioni!

    La prima sorsata di birra, le more nei boschi d'estate, le conversazioni attorno al tavolo di cucina sgranando piselli, il profumo delle mele in cantina, la voce di chi si ama che dice più di quanto dicano le parole, il rosso cupo di un bicchiere di Porto da centellinare, il lieve fruscio della dinamo contro la ruota durante una pedalata notturna... Istanti preziosi, che vanno colti nella loro immediatezza e assaporati con tranquillità.

    Vi allego un capitolo, secondo me non il più Bello:
    La prima sorsata di birra. E' l'unica che conta. Le altre, sempre più lunghe, sempre più insignificanti, danno solo un appesantimento tiepido, un'abbondanza sprecata. L'ultima, forse, riacquista, con la delusione di finire, una parvenza di potere... ma la prima sorsata! Comincia ben prima di averla inghiottita. Già sulle labbra un oro spumeggiante, frescura amplificata dalla schiuma, poi lentamente sul palato, beatitudine velata di amarezza. Come sembra lunga, la prima sorsata. La beviamo subito, con un'avidità falsamente istintiva. Di fatto, tutto sta scritto: la quantità, nè troppa nè troppo poca, che è l'avvio ideale; il benessre imemdiato, sottolineato da un sospiro, uno shcioccar della lingua, o un silenzio altrettanto eloquente; la senzazione ingannevole di un piacere che sboccia all'infinito... intanto, già lo sappiamo. Abbiamo preso il meglio. Riappoggiamo il bicchiere, lo allontaniamo un pò sul sottobicchiere di materiale assorbente. Assaporiamo il colore, finto mile, sole freddo. Con tutto un riutale di circospezione e di attesa, vorremmo domonare il miracolo appena avvenuto e già svanito. Leggiamo sodddisfatti sulla parete di vetro il nome esatto della birra che avevamo chiesto.
    Ma contenente e contenuto possono interrogarsi, rispondersi tra loro, niente si riprodurrà più. Ci piacerebbe conservare il segreto dell'oro puro e racchiuderlo in formule. Invece, davanti al tavolino bianco chiazzato di sole, l'alchimista geloso salva solo le apparenze e beve sempr epiù birra ocn senmpre meno gioia. E' un piacere amaro: si beve per dimenticare la prima sorsata.

  2. #2
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    Verona
    Messaggi
    255
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Lo leggerò senz'altro!!!!!!
    E mi è piaciuto molto anche il tuo "sondaggio" sui piaceri della vita.....Aaaaah, è stata una giornata di ...cacca, ma va già meglio dopo aver letto tutte quelle cose piacevoli!!!!!

  3. #3
    Altro Site Admin
    Data registrazione
    Mar 2005
    Località
    Veneto
    Messaggi
    3569
    Inserimenti nel blog
    14
    Thanks Thanks Given 
    83
    Thanks Thanks Received 
    59
    Thanked in
    33 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da jaia Vedi messaggio
    Lo leggerò senz'altro!!!!!!
    E mi è piaciuto molto anche il tuo "sondaggio" sui piaceri della vita.....Aaaaah, è stata una giornata di ...cacca, ma va già meglio dopo aver letto tutte quelle cose piacevoli!!!!!
    Prendilo! E' un libro he ti "fa finire la giornata" con dei piccoli piaceri!

  4. #4
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Udine
    Messaggi
    18814
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    230
    Thanks Thanks Received 
    642
    Thanked in
    383 Posts

    Predefinito

    Secondo me la cosa più azzeccata del libro è il titolo che è la sacrosanta verità...per il resto una lettura gradevole

  5. #5
    b
    Data registrazione
    Feb 2008
    Località
    Roma
    Messaggi
    977
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da elisa Vedi messaggio
    Secondo me la cosa più azzeccata del libro è il titolo che è la sacrosanta verità...per il resto una lettura gradevole
    quoto Elisa, e aggiungo....si vede che lo ha scritto un francese!!!

  6. #6
    Moderator
    Data registrazione
    May 2008
    Località
    Como
    Messaggi
    2583
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    3
    Thanked in
    3 Posts

    Predefinito

    Premettendo che sono rimasta un po' condizionata dal pensiero di Fabio, ho notato anche io lo stile molto colorato dell'autore...un bel libro, carico di sensazioni, come quella della mattina alle sei a piedi in cui si assapora il silenzio (lo provo ogni mattina)...

    Voglio solo aggiungere che secondo me è un libro da leggere ad alta voce...ho letto delle parti ad alta voce e mi sono arrivate motlto di più rispetto a quelle lette a mente!!!

  7. #7
    Member
    Data registrazione
    Dec 2007
    Località
    Verona
    Messaggi
    59
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    carino questo libricino...lo lessi piu o meno una decina di anni fa incuriosito dal titolo e ne sono rimasto soddisfatto..magari adesso che me l'avete fatto tornare in mente mi verrà voglia di riprenderlo in mano

  8. #8
    Junior Member
    Data registrazione
    Feb 2009
    Località
    Firenze
    Messaggi
    6
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Anch'io l'ho letto molto tempo fa.
    E così a proposito posso dire che un libro è importante per te, quando pur avendolo in massima parte dimenticato, ti ha lasciato dentro una traccia.
    Un periodo, una frase, due parole, da tradurre in emozione.
    "...al mare si legge essenzialmente col corpo" è una delle citazioni che si possono rinvenire in questo libro e che a me saltano alla mente, ogni qual volta in spiaggia, prona supina seduta, devo "adattarmi" alla pagina.
    Nessuno avrebbe potuto render meglio l'idea.
    E del passo sui piselli? Quotidianità, sicurezza, focolare. Tutto evocato in modo tattile...
    Grande davvero.
    Lo consiglio.

  9. #9
    Senior Member
    Data registrazione
    Dec 2010
    Messaggi
    2120
    Thanks Thanks Given 
    210
    Thanks Thanks Received 
    230
    Thanked in
    134 Posts

    Predefinito

    Nella lettura di questo libro, che è spesso sul mio comodino anche perchè si può rileggere in piccole pillole, mi ha colpito tanto il fatto che mi ci sono ritrovato in più della metà delle situazioni descritte.
    Credo che contribuisca molto, a rendere più piacevole ed intensa la lettura, il fatto di avere vissuto quelle situazioni e di torvarsi a condividere le sensazioni dell'autore.
    davvero tanti i deja vu per quanto mi riguarda (legati a tutte le età della mia vita) che hanno aperto cassetti della mia memoria visiva, olfattiva e sensoriale.
    Tra questi, cito:

    Il pacchetto delle paste della domenica mattina
    Aiutare a sgranare i piselli
    Prendere un porto
    Il rumore della dinamo
    Si potrebbe quasi mangiare fuori
    La prima sorsata di birra
    L'autostrada di notte
    Una banana split
    Un invito a sorpresa
    La domenica sera
    Il maglione autunnale
    Bagnarsi le espadrillas
    Telefonare da una cabina

Discussioni simili

  1. Risposte: 249
    Ultimo messaggio: 08-27-2015, 12:21 AM
  2. Sparks, Nicholas - Le pagine della nostra vita
    Da evelin nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 9
    Ultimo messaggio: 06-09-2015, 10:35 AM
  3. Piccoli Brividi
    Da Poirot nel forum Salotto letterario
    Risposte: 23
    Ultimo messaggio: 08-07-2009, 06:45 PM
  4. Rule, Ann - Piccoli sacrifici
    Da torejx nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 8
    Ultimo messaggio: 11-11-2008, 03:48 PM
  5. alessissimo84 - La lettura come estensione della vita
    Da alessissimo84 nel forum Presentazioni: ecco dove ti puoi presentare
    Risposte: 11
    Ultimo messaggio: 09-08-2007, 09:06 AM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •