Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Buonanotte, Signor Lenin

Mostra risultati da 1 a 7 di 7

Discussione: Terzani, Tiziano - Buonanotte, signor Lenin

  1. #1

    Predefinito Terzani, Tiziano - Buonanotte, signor Lenin

    Tiziano Terzani – Buona notte, Signor Lenin

    Quando il 19 agosto del 1991, da Mosca, giunse la notizia della destituzione di Gorbacev, ad opera dei golpisti, il vento di una svolta epocale soffiò, non solo sull’Unione Sovietica, ma sul mondo intero.
    L’Amur, il grande fiume siberiano che separa il confine tra l’Unione Sovietica e la Cina, fu testimone della scelta che portò Tiziano Terzani ad intraprendere un viaggio che lo avrebbe portato a Mosca, passando attraverso quelle Repubbliche che, alla notizia del disfacimento dell’Impero Sovietico, si dichiararono indipendenti.
    Un cammino verso Ovest, passando attraverso la Siberia, il Kazakhstan, Samarcanda, città mitica per l’autore, e poi ancora, facendo tappa in Turkmenistan, in Azerbaijian, Georgia, Armenia per giungere, finalmente, a Mosca, sulla Piazza… non più “Rossa”.
    Due mesi di vita che si raccontano in questo viaggio, perché questo non è solo un libro, ma anche un lungo viaggio e Terzani ci accompagna, ci guida, lungo un cammino fatto di popoli, di luoghi, di profumi, di pensieri, di usi e costumi, di gesti, di occhi, di volti e sguardi diversi.
    Il suo non è lo sguardo di un giornalista qualunque: “… son voluto andare fino a Mosca, non per parlare con gli esperti, non per vedere i colleghi o ragionare con i diplomatici, ma semplicemente per passare un’ora sulla Piazza Rossa… per entrare in quel mausoleo dove lui, Lenin, è rimasto per decenni a fare da simbolo ispiratore di tutto, a fare, così imbalsamato, da modello per tutte le altre mummie del comunismo…”
    E’ lo sguardo di colui che guarda a questo mondo con gli occhi di un uomo avido, bramoso di documentare il “crollo epocale” di un impero, di un sistema osannato, auspicato, temuto.
    E quale miglior modo, se non quello di calcare il terreno ove, settant’anni prima, il Comunismo Russo giunse per imporsi con i suoi ideali, i suoi principi, i suoi monumenti: “Lenin era sempre lì, dovunque presente con il berretto o il giornale in una mano e l’altra alzata per indicare il futuro o semplicemente l’orizzonte vuoto. Le sorti di queste statue hanno marcato questo mio ultimo viaggio”.
    Terzani va alla ricerca del “cadavere del comunismo”, ma finisce per toccare con mano delle realtà ben diverse. Una miseria deprimente, una rassegnazione aberrante, una difficoltà nell’andare avanti, anche solo per cercare del comune sapone da barba, in ogni città, in ogni paese: “Niet, Niet, è sempre stata la risposta”. Il Comunismo qui è già “deceduto” da tempo, si tratta solo di “elaborare il lutto”.
    Il suo vuole essere un monito. Quello che sorge dalle ceneri di questa “utopia” è un pericoloso nazionalismo covato per anni e anni e ora sostenuto da una nuova forza, l’ISLAM. E’ un Islam vigoroso, nel pieno di una nuova primavera e fomentato da un integralismo latente, nel cuore di chi, per anni, ha subito il Comunismo, auspicandone la sua disfatta.
    L’autore scruta l’animo degli uomini che incontra, a volte li odia e lo dice apertamente, altre li commisera, cercando di comprenderli, spesso li ammira.
    Voglio immaginare Tiziano Terzani seduto nell’hotel di Samarcanda, a festeggiare il suo compleanno e ad osservare il genere umano, credo fosse quello che più amava fare, ne sono prova le sue descrizioni, le foto scattate durante i suoi viaggi, foto di “un’umanità in attesa”.
    Ma come tutti i viaggi, anche questo ha una fine, ed è quando il giornalista giunge a Mosca, sulla Piazza Rossa, nel mausoleo di Lenin, e si accorge di provare pietà anche per “quest’altro cadavere” e, guardandolo un ultima volta, con lo sguardo di un uomo, sorridendogli bisbiglia: “Buona notte, Signor Lenin”.
    Ultima modifica di mame; 05-26-2011 alle 01:47 PM.

  2. #2
    aunt member
    Data registrazione
    Jan 2008
    Località
    ROMA
    Messaggi
    2128
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Deve essere molto interessante......adoro Terzani ma questo mi manca........aggiunto alla lista desideri !!!

  3. #3
    b
    Data registrazione
    Jun 2007
    Località
    vagabondo triestino
    Messaggi
    320
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    non ho trovato ancora un libro di terzani che non mi sia piaciuto. Questa in terra russa è veramente interessante.
    Purtroppo la mia copia l'ho imprestata a un amico qualche anno fa e non me l'ha ancora restituita

  4. #4
    Remember
    Data registrazione
    Mar 2008
    Località
    roma
    Messaggi
    691
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    In questo libro il grande TT mostra lo stravolgimento dell'impero sovietico dal punto di vista dell'uomo comune e di coloro che di questo stravolgimento ne sono stati i fautori.
    Sarebbe interessante vedere cosa succede in queste regioni a distanza di 16 anni dalla pubblicazione di questo libro ..... assolutamente imperdibile.

  5. #5
    b
    Data registrazione
    Jun 2007
    Località
    vagabondo triestino
    Messaggi
    320
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    questa estate l'ho riletto e alla fine l'argomento tratto l'ho trovato pure attuale visto tutto il casino che sta avvenendo tra Russia e Georgia

  6. #6
    Viôt di viodi
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    Estremo Oriente
    Messaggi
    5734
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    187
    Thanks Thanks Received 
    82
    Thanked in
    53 Posts

    Predefinito

    Adoro il modo di scrivere di questo autore: chiaro, semplice e lineare.
    Nelle Repubbliche descritte in questo libro c'era solo tanta povertà e soppruso, ma Terzani è riuscito a parlarne in modo coinvolgente. I suoi scritti sono dei libri di storia da adottare nelle scuole.

  7. #7

    Predefinito

    Mi è piaciuto davvero moltissimo. Lo stile è scorrevole e mai pesante, né retorico. Terzani si immedesima nella realtà che vede, senza spocchia né complessi di superiorità o inferiorità. Curioso, colto, ci accompagna nel suo viaggio con un racconto esaustivo ed aneddotico molto affascinante ed istruttivo.
    E' il mio primo libro di Terzani, e ce ne saranno sicuramente altri.
    Lo consiglio a tutti!

Discussioni simili

  1. Terzani, Tiziano - Un indovino mi disse
    Da elisa nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 19
    Ultimo messaggio: 05-07-2017, 11:26 PM
  2. Terzani, Tiziano - Viaggi e cultura
    Da elisa nel forum Autori
    Risposte: 14
    Ultimo messaggio: 11-30-2016, 10:52 AM
  3. Terzani, Tiziano - Fantasmi, dispacci dalla Cambogia
    Da lillo nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 8
    Ultimo messaggio: 08-09-2013, 01:12 PM
  4. Pennac, Daniel - Signor Malaussène
    Da ryoko nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 06-22-2008, 08:39 PM
  5. Buona sera
    Da Connor nel forum Amici
    Risposte: 38
    Ultimo messaggio: 09-03-2007, 05:23 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •