Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Il Rosso e il Nero

Pagina 1 di 3 123 UltimoUltimo
Mostra risultati da 1 a 15 di 32

Discussione: Stendhal - Il Rosso e il Nero

  1. #1
    Phoenix Member
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    Milano Provincia
    Messaggi
    405
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito Stendhal - Il Rosso e il Nero

    "Questo superbo romanzo di Stendhal ci presenta la storia di un giovane, figlio di umili origini, che, ripudiando il lavoro nella segheria paterna perché dotato di una natura riflessiva e dedita allo studio, diviene precettore dei figli del sindaco cittadino. La vita per lui muta repentinamente: non più soggetto alle soverchierie familiari, può dedicarsi al suo sentimento più forte: l'ambizione che, unita ad una certa ipocrisia, lo trascina in un amore forte e passionale con la moglie del sindaco; un amore ricambiato con costanza, ma che genera nella bella signora un senso di colpevolezza e di peccato che diviene presto odio per sé stessa. Il giovane Julien allora si ritira in un convento per finire i suoi studi di noviziato, ma, sotto la protezione di un prelato, la sorte gli arride ancora, e può andare alle dipendenze di un potente marchese, in una famiglia raffinata e à la page, che lo introduce ai piaceri e allo snobismo dell'alta società parigina. Ma sarà un nuovo amore a sconvolgere ancora la vita del ragazzo: si innamorerà della figlia del marchese, una ragazza insofferente dell'ambiente in cui vive, molto snob, incostante nei sentimenti e continuamente tediata dalla monotonia della sua vita. Sarà un amore sofferto, estremamente contrastato, sempre in procinto di spegnersi e nuovamente pronto a divampare. La vita muterà completamente per Julien, e torneranno nella sua mente il primo amore, le sue origini contadine, che, unite all'opportunismo e al desiderio di arrampicata sociale porteranno ad un epilogo tragico, ma di sublime poesia."

    mah... che dire di questo romanzo... è bellissimo, intenso, impegnativo.
    Non è una lettura facile da ombrellone, ma ti prende, questo sì.
    E' scritto magistralmente, racconta la storia e la vita vista e vissuta da Julien, il protagonista, che s'innamora, soffre, lotta, fa del bene e del male ma vive.
    Io lo lessi tempo fa su consiglio di un caro amico e non me ne sono pentita affatto... bisogna però aver tempo e voglia di leggerlo con costanza e attenzione, questo sì.

  2. #2
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2007
    Località
    Treviso
    Messaggi
    998
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Un caposaldo del Romanticismo. E' un libro che appassiona secondo me, anche se gli amori repentini, travolgenti e totali cui vanno soggetti i protagonisti sono un po' lontani dalla sensibilità di adesso. Ma sono raccontati bene

  3. #3
    Curly member
    Data registrazione
    Mar 2008
    Località
    MILANO
    Messaggi
    192
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    L'ho finito da pochi giorni: ci ho messo una settimana per leggerlo, mi aveva preso così tanto...
    Mi piace come descrive il clima politico e sociale della Restaurazione e sono rimasta stupita come fosse simile a quello in cui viviamo oggi: non conta l'abilità dell'individuo, ma è chi sembri (da qui l'ipocrisia di Julien) e chi conosci (soprattutto con chi vai a letto) che conta veramente se vuoi ottenere un avanzamento sociale.
    Julien non aveva alcun merito se non quello di conoscere a memoria la Bibbia in latino, cosa che lo faceva apparire come un erudito agli occhi dei gretti borghesucci di Verrières...
    Inoltre il suo bell'aspetto gli ha sfondato un sacco di porte... Nonostante questo, è un personaggio molto simpatico proprio perché verosimile.

  4. #4
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2007
    Località
    Treviso
    Messaggi
    998
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Elena.90 Vedi messaggio
    Mi piace come descrive il clima politico e sociale della Restaurazione: non conta l'abilità dell'individuo, ma è chi sembri (da qui l'ipocrisia di Julien) e chi conosci (soprattutto con chi vai a letto) che conta veramente se vuoi ottenere un avanzamento sociale.
    Julien non aveva alcun merito se non quello di conoscere a memoria la Bibbia in latino, cosa che lo faceva apparire come un erudito agli occhi dei gretti borghesucci di Verrières...
    Inoltre il suo bell'aspetto gli ha sfondato un sacco di porte...
    Quoto

    Citazione Originariamente scritto da Elena.90 Vedi messaggio
    è un personaggio molto simpatico proprio perché verosimile.
    E' verosimile, sì, ma secondo me ciò fa di lui un personaggio letterariamente riuscito più che un uomo simpatico.
    Eppure anche a me come uomo è simpatico (benchè non fino alla fine del romanzo). Credo perchè è un povero che cerca di aver succeso nella vita, e per riuscire ci mette intelligenza e buona volontà. E poi in certi momenti è generoso e assai coraggioso, specie in amore. Certo, è anche mostruosamente ipocrita e infedele, per cui moralmente va condannato, ma per via di quelle sue buone qualità non mi riesce di odiarlo, anzi mi piace

  5. #5
    Curly member
    Data registrazione
    Mar 2008
    Località
    MILANO
    Messaggi
    192
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Masetto Vedi messaggio
    Quoto


    E' verosimile, sì, ma secondo me ciò fa di lui un personaggio letterariamente riuscito più che un uomo simpatico.
    Eppure anche a me come uomo è simpatico (benchè non fino alla fine del romanzo). Credo perchè è un povero che cerca di aver succeso nella vita, e per riuscire ci mette intelligenza e buona volontà. E poi in certi momenti è generoso e assai coraggioso, specie in amore. Certo, è anche mostruosamente ipocrita e infedele, per cui moralmente va condannato, ma per via di quelle sue buone qualità non mi riesce di odiarlo, anzi mi piace
    Non so, il mio concetto di "simpatia" riferito ad un personaggio letterario ha a che vedere con la sua verosimiglianza, più che alle sue qualità umane: un personaggio mi risulta inevitabilmente simpatico se riesco in qualche modo ad inserirlo nel mondo in cui io vivo, se riesco ad trovare in lui caratteristiche tipiche di persone che conosco o che ho conosciuto... Per esempio, Madame Bovary è umanamente insopportabile, ma a me piace tantissimo perché è un personaggio terribilmente realistico. Vorrei poter dire lo stesso di tanti altri eroi della letteratura, che molto spesso pensano, parlano e agiscono in maniera artefatta e melodrammatica...

  6. #6
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2007
    Località
    Treviso
    Messaggi
    998
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Elena.90 Vedi messaggio
    il mio concetto di "simpatia" riferito ad un personaggio letterario ha a che vedere con la sua verosimiglianza, più che alle sue qualità umane
    E se invece ti piacciono le sue qualità umane che parola usi?

  7. #7
    Curly member
    Data registrazione
    Mar 2008
    Località
    MILANO
    Messaggi
    192
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Masetto Vedi messaggio
    E se invece ti piacciono le sue qualità umane che parola usi?
    Mmm... Hai ragione, forse invece di "simpatia" avrei fatto meglio ad usare "amabilità"

  8. #8
    scrittore
    Data registrazione
    Dec 2007
    Località
    Bologna
    Messaggi
    1348
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Il rosso e il nero è uno dei più bei romanzi di tutti i tempi, secondo me. Amore, avventura, emozioni intense... Uno di quei libri che ti lasciano qualcosa, almeno a me l'ha lasciata.
    Se considerate che il protagonista di Café Nopal, il mio primo romanzo, si chiama come Stendhal, potete capire quanto amo questo scrittore.

  9. #9
    Curly member
    Data registrazione
    Mar 2008
    Località
    MILANO
    Messaggi
    192
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Sì sì, Stendhal era proprio figo

    Domanda: ma la sindrome di Stendhal, quella per cui si è talmente sensibili alla bellezza artistica da svenire davanti ai monumenti, ha preso il nome proprio da lui?

  10. #10
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2007
    Località
    Treviso
    Messaggi
    998
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Sì. Infatti lui morì per la troppo violenta emozione causatagli da quest'opera :


  11. #11
    Lunatic Mod
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    Sardegna
    Messaggi
    10393
    Thanks Thanks Given 
    468
    Thanks Thanks Received 
    481
    Thanked in
    339 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da masetto Vedi messaggio
    sì. Infatti lui morì per la troppo violenta emozione causatagli da quest'opera :

    :d:d:d:d:d:d:d

  12. #12
    Curly member
    Data registrazione
    Mar 2008
    Località
    MILANO
    Messaggi
    192
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAH........... è bellissima!!! ........Non ce la faccio....................... (muore)

  13. #13
    Lunatic Mod
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    Sardegna
    Messaggi
    10393
    Thanks Thanks Given 
    468
    Thanks Thanks Received 
    481
    Thanked in
    339 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da alessandra Vedi messaggio
    :d:d:d:d:d:d:d
    Ho sbagliato. Il senso era

  14. #14
    Lunatic Mod
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    Sardegna
    Messaggi
    10393
    Thanks Thanks Given 
    468
    Thanks Thanks Received 
    481
    Thanked in
    339 Posts

    Predefinito

    Romanzo molto impegnativo e cerebrale...Indubbiamente un capolavoro, anche se per quanto mi riguarda non è arrivato dritto all'anima, ma mi ha fatto indubbiamente riflettere e imparare molte cose riguardo a quel periodo storico. Il personaggio di Julien può essere adattato ad ogni periodo e ad ogni società. Anch'io ho provato simpatia per lui, forse proprio per le sue debolezze così umane. Probabilmente anche questo era nell'intento dell'autore, visto che in tanti, vedo, abbiamo parteggiato per questo protagonista così imperfetto.

  15. #15
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2007
    Località
    Treviso
    Messaggi
    998
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da alessandra Vedi messaggio
    cerebrale...
    Perchè? A me sembra che i personaggi siano anche troppo impulsivi invece...

    Citazione Originariamente scritto da alessandra Vedi messaggio
    Il personaggio di Julien può essere adattato ad ogni periodo e ad ogni società. Anch'io ho provato simpatia per lui, forse proprio per le sue debolezze così umane. Probabilmente anche questo era nell'intento dell'autore, visto che in tanti, vedo, abbiamo parteggiato per questo protagonista così imperfetto.
    Quotone

Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. Pamuk, Orhan - Il mio nome è Rosso
    Da Elena.90 nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 23
    Ultimo messaggio: 11-30-2017, 10:21 PM
  2. Conan Doyle, Arthur - Uno studio in rosso
    Da Poirot nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 22
    Ultimo messaggio: 05-12-2017, 01:10 AM
  3. Sansom, C.J. - L'enigma del gallo Nero
    Da bludemon nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 14
    Ultimo messaggio: 03-20-2013, 10:41 PM
  4. Llywelyn, Morgan - I guerrieri del ramo rosso
    Da Dorylis nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 12-15-2008, 09:02 PM
  5. Fermine, Maxence - Il violino nero
    Da Candy Candy nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 07-29-2008, 02:08 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •