Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Maria Stuarda

Mostra risultati da 1 a 7 di 7

Discussione: Schiller, Friederich - Maria Stuarda

  1. #1
    Fantastic Member
    Data registrazione
    Sep 2007
    Località
    Padova
    Messaggi
    1996
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito Schiller, Friederich - Maria Stuarda

    Una delle opere teatrali più commoventi e perfette di tutti i tempi”. Con queste parole Madame de Stael, scrittrice e intellettuale francese, definì il dramma di Friedrich Schiller all’epoca della sua apparizione.
    Scritto nel 1800 e messo in scena nello stesso anno al Teatro di Corte di Weimar, Maria Stuarda rappresenta una delle opere più intensamente teatrali dello scrittore tedesco. Un dramma storico e politico nel quale le figure delle due regine risaltano soprattutto dal punto di vista umano, con gli amori e gli affetti, per quanto Schiller sottolinei l’inconciliabilità di politica e morale: non è possibile vivere nel mondo della politica e aspirare ad un tempo al vero amore.La tragedia non ripercorre la storia tormentata di Maria - i diciotto anni di carcere e il lungo processo non sono oggetto diretto del dramma, e sono presenti solo nella consapevolezza e nel ricordo – ma si concentra sugli ultimi tre giorni di prigionia prima dell’esecuzione. Maria è colta nell'ultimo momento della vita quando, dopo l’incontro con Elisabetta che le nega la grazia, percorre con slancio quasi mistico le tappe verso la accettazione totale del proprio destino.

    E' una tragedia dal forte impatto emotivo che culmina nel confronto finale fra Elisabetta e Maria, cugine ma allo stesso tempo rivali.. Inutile dire che si arriva a "tifare" per Maria! Una lettura piacevole e quanto mai scorrevole! Consigliato a chi vuole leggere la storia con sentimento..

  2. #2
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2007
    Località
    Treviso
    Messaggi
    998
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Di questa tragedia Croce disse che si tratta di un'opera di retorica e non di poesia. In effetti anche a me pare poco ispirata; la vicenda scorre un po' come un intricato drammone sentimentale alla Via col vento, ma non ricordo alcuna frase davvero memorabile, che innalzasse la storia di Maria ed Elisabetta a qualcosa di più universale che non le sanguinose beghe politiche di quei tempi.
    Nell'ottocento tragedie come questa incarnavano la nuova "sensibilità" romantica, ma oggi mi pare che mostrino parecchio la corda...

  3. #3
    Senior Member
    Data registrazione
    Aug 2015
    Località
    vivo a Messina
    Messaggi
    116
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    4
    Thanked in
    4 Posts

    Predefinito

    la trovo più coinvolgente di quella di Alfieri

  4. #4
    Senior Member
    Data registrazione
    Oct 2010
    Località
    Ferrara (provincia)
    Messaggi
    868
    Thanks Thanks Given 
    231
    Thanks Thanks Received 
    178
    Thanked in
    112 Posts

    Predefinito

    Dramma teatrale ambientato nell’Inghilterra del sedicesimo secolo. Lotta di potere senza esclusione di colpi, con la giustificazione di motivi religiosi. Al centro due regine, con vincoli di parentela: La regina vergine, nata per regnare, amata e ammirata dal suo popolo e dalla sua corte, con l’aureola della saggezza, al suo massimo splendore. Donna di grande carattere e di idee chiarissime che sa resistere al desiderio dei sudditi e dei suoi consiglieri di sposarsi e dare un erede alla corona, esclusivamente perché non vuole rinunciare al bene per lei supremo, che è la sua “libertà”. In quei tempi un marito sarebbe stato troppo ingombrante anche per una regina. Si potrebbe definire una femminista con quattro-cinque secoli di anticipo. Dall’altra parte un’altra regina, completamente diversa, rovinata dalle sue passioni e dagli errori giovanili, donna affascinante, ora imprigionata e nel periodo più buio della sua vita. Proprio in queste difficilissime condizione emerge però il suo carattere di regina. E’ un’opera bellissima; ho appena letto di questo autore “I masnadieri” e “don Carlos”, drammi molto ben costruiti e che si leggono molto volentieri, ma qui, a mio avviso, siamo in un’altra categoria. Siamo al livello delle migliori commedie del “sommo” Shakespeare. Leggendo quest’opera ho capito meglio i motivi della grande considerazione che gode questo scrittore filosofo.
    I dialoghi sono affascinanti, un vero piacere per chi ama leggere, e garantisco al lettore che il poco tempo che dedicherà a questa lettura, dico poco tempo perché son in tutto meno di 150 pagine ed una pagina tira l’altra, sarà ampiamente ripagato.
    Inutile dire che consiglio a tutti questa lettura.

  5. #5
    Senior Member
    Data registrazione
    Oct 2010
    Località
    Ferrara (provincia)
    Messaggi
    868
    Thanks Thanks Given 
    231
    Thanks Thanks Received 
    178
    Thanked in
    112 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Dorylis Vedi messaggio
    Una delle opere teatrali più commoventi e perfette di tutti i tempi”. Con queste parole Madame de Stael, scrittrice e intellettuale francese, definì il dramma di Friedrich Schiller all’epoca della sua apparizione.

    E' una tragedia dal forte impatto emotivo che culmina nel confronto finale fra Elisabetta e Maria, cugine ma allo stesso tempo rivali.. Inutile dire che si arriva a "tifare" per Maria! Una lettura piacevole e quanto mai scorrevole! Consigliato a chi vuole leggere la storia con sentimento..
    Questa madame De Stael probabilmente aveva ragione

  6. #6

    Predefinito

    Se non sbaglio, fu proprio questa Maria Stuarda di Schiller ad ispirare la Maria Stuarda opera lirica di Donizetti.

    https://www.youtube.com/watch?v=P_yAEtF7vRM

  7. #7
    Senior Member
    Data registrazione
    Oct 2010
    Località
    Ferrara (provincia)
    Messaggi
    868
    Thanks Thanks Given 
    231
    Thanks Thanks Received 
    178
    Thanked in
    112 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da amneris Vedi messaggio
    Se non sbaglio, fu proprio questa Maria Stuarda di Schiller ad ispirare la Maria Stuarda opera lirica di Donizetti.

    https://www.youtube.com/watch?v=P_yAEtF7vRM
    Si, è proprio così, bellissimo il video che hai inserito, del tutto degno delle pagine che lo hanno ispirato.

Discussioni simili

  1. Schiller, Friederich - Don Carlos
    Da Dorylis nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 02-04-2017, 10:35 AM
  2. Schiller, Friederich - I masnadieri
    Da Dorylis nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 01-23-2017, 09:43 AM
  3. Fraser, A. - Maria Antonietta. La solitudine di una regina
    Da giuggiola nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 7
    Ultimo messaggio: 05-10-2011, 05:03 PM
  4. Ortese, Anna Maria - Visione e solitudine
    Da elisa nel forum Autori
    Risposte: 8
    Ultimo messaggio: 04-09-2010, 05:39 PM
  5. Venturi, Maria - Il rumore dei ricordi
    Da ilselacontessa nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 07-20-2008, 12:22 AM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •