Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Il casellante

Mostra risultati da 1 a 7 di 7

Discussione: Camilleri, Andrea - Il casellante

  1. #1
    b
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Torre Santa Susanna
    Messaggi
    2276
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito Camilleri, Andrea - Il casellante

    Raccontano, le cronache dell'antichità mitica, di metamorfosi varie. E di Niobe, madre superba dapprima, e poi dolorosissima. Gli dèi le uccisero i figli, per vendetta. Ne ebbero pietà alla fine. E la trasformarono in pietra. Ma da quel sasso, da quella roccia insensibile, sgorgò una sorgente di lacrime. Anche a Vigàta accadono fatti da far girare le sante cose, i cosiddetti cabasisi, nell'anno di grazia 1942: mentre guasconeggiano marronate fascistissime, e svampano i primi fuochi che scommuovono l'aria e preludono allo sbarco degli alleati. Non ci sono dèi a Vigàta. Ma regolarità abitudinarie. Treni che vanno e vengono strasciconi. Concertini domenicali. Rispetti e convenevoli. Prodigi d'ingegno anche, di brava gente e di uomini d'onore. E arcaici istinti, primitività animale, e violenza selvaggia nell'ombra. La mostruosità è dentro, negli interstizi della feriale convivenza. Cospira. E quando esplode, feroce e distruttiva, è la provvidenza del dolore a intervenire. Con il ritorno delle antiche metamorfosi. Con la pietrificazione. O con la regressione vegetale, che è tentativo disperato di riaccedere al ciclo vitale della natura. Camilleri è il cronista, il favolista e il mitografo della comunità vigatese. Racconta di Minica e di suo marito, il casellante Nino Zarcuto. Della loro modesta vita nella solitaria casetta gialla, accanto a un pozzo e a un ulivo saraceno: in mezzo a un paesaggio arcigno, blandito dal vicino mare e dalla luce. Vogliono la grazia di un figlio, i due casellanti. Si prodigano. Ma la violenza è un gorgo voraginoso, che risucchia i due coniugi. Il dolore è atroce, straziante. Pietrifica. Minica è una Niobe, ora in un'umile mitologia rusticale. Ha per occhi due laghi traboccanti. Vuole essere madre tuttavia. È ostinata. Una fantasticheria vegetale le fa credere di poter diventare albero. Di mettere radici e di dar frutti, dopo essere stata innestata. Il marito l'asseconda, amoroso e sollecito. Il figlio arriva infine, come arrivano i miracoli: donato dagli scrolloni della morte e della guerra. Camilleri si apposta negli svolti della tragedia. E vi aspetta il lettore, con una candela accesa in mano.

    Mah...non mi è piaciuto come gli altri...Per carità scritto bene e scorrevole come tutti i libri del Maestro ma la storia non mi ha preso particolarmente...In più il finale mi è sembrato un po' scarno...forse mi aspettavo di più!
    Sembra un romanzo scritto per forza: non credo ce ne fosse bisogno!
    Però la Sicilia raccontata da Camilleri è sempre affascinante, come i suoi personaggi!
    In ogni caso non sono pentito di averlo letto!

    Voto: 6.5

  2. #2
    Amelia Member
    Data registrazione
    Jul 2007
    Località
    Padova
    Messaggi
    285
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    A me invece è piaciuto molto: l'ho letto in un pomeriggio!

    Scrittura sempre limpida, bella storia, toni delicati... consigliato!

  3. #3
    Lonely member
    Data registrazione
    Feb 2009
    Località
    Palermo ma sono di Napoli
    Messaggi
    6836
    Thanks Thanks Given 
    43
    Thanks Thanks Received 
    88
    Thanked in
    63 Posts

    Predefinito

    Anche a me è piaciuto molto... e la speranza è un bel finale...

  4. #4
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2009
    Località
    Roma
    Messaggi
    674
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Per il mio "battesimo" con i libri di Camilleri non potevo fare scelta migliore (per la verità casuale).
    Lo scrittore racconta una storia ambientata nel periodo fascista sullo sfondo dei bombardamenti della seconda guerra mondiale, riuscendo, sapientemente, a descrivere tante sfumature della quotidianità di personaggi semplici: la salute, il lavoro, i soldi, la fortuna, la morte, la felicità, le preoccupazioni, la vendetta ecc.
    Con una narrazione che passa dall'angosciante al tragicomico per finire al surreale...si arriva ad un finale molto molto particolare, per me inatteso, che lascia una bella sensazione di soddisfazione nel chiudere il piccolo libro blu.

  5. #5
    Lonely member
    Data registrazione
    Feb 2009
    Località
    Palermo ma sono di Napoli
    Messaggi
    6836
    Thanks Thanks Given 
    43
    Thanks Thanks Received 
    88
    Thanked in
    63 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Minerva Vedi messaggio
    Per il mio "battesimo" con i libri di Camilleri non potevo fare scelta migliore (per la verità casuale).
    Lo scrittore racconta una storia ambientata nel periodo fascista sullo sfondo dei bombardamenti della seconda guerra mondiale, riuscendo, sapientemente, a descrivere tante sfumature della quotidianità di personaggi semplici: la salute, il lavoro, i soldi, la fortuna, la morte, la felicità, le preoccupazioni, la vendetta ecc.
    Con una narrazione che passa dall'angosciante al tragicomico per finire al surreale...si arriva ad un finale molto molto particolare, per me inatteso, che lascia una bella sensazione di soddisfazione nel chiudere il piccolo libro blu.
    Mi fa piacere che ti sia piaciuto, e pensa che non è certo il migliore di Camilleri! quindi puoi ben continuare a scoprirlo piano piano....

  6. #6
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2009
    Località
    Roma
    Messaggi
    674
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da isola74 Vedi messaggio
    Mi fa piacere che ti sia piaciuto, e pensa che non è certo il migliore di Camilleri! quindi puoi ben continuare a scoprirlo piano piano....
    si, lo farò sicuramente

  7. #7
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2007
    Località
    Rimini
    Messaggi
    1383
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    2
    Thanked in
    2 Posts

    Predefinito

    personalmente continuo a preferire i libri dove c'è come protagonista Montalbano, ma questo non è male

Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. Camilleri, Andrea
    Da evelin nel forum Autori
    Risposte: 97
    Ultimo messaggio: 08-29-2016, 10:05 PM
  2. Camilleri, Andrea - Le Ali della Sfinge
    Da alisa nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 7
    Ultimo messaggio: 12-09-2012, 10:20 PM
  3. Camilleri, Andrea - La pensione Eva
    Da lele74 nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 12
    Ultimo messaggio: 06-13-2011, 01:29 PM
  4. Camilleri, Andrea - Il giro di boa
    Da evelin nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 7
    Ultimo messaggio: 09-30-2009, 08:30 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •