Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

L'uomo dei cerchi azzurri

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Mostra risultati da 1 a 15 di 18

Discussione: Vargas, Fred - L'uomo dei cerchi azzurri

  1. #1
    Amelia Member
    Data registrazione
    Jul 2007
    Località
    Padova
    Messaggi
    285
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito Vargas, Fred - L'uomo dei cerchi azzurri

    Non il migliore dei romanzi pubblicati in Italia della Vergas, ma sicuramente una lettura gradevole. É il romanzo in cui entra in scena Adamsberg, quindi merita, se siete estimatori dell'autrice, va letto!

    "Da quattro mesi i marciapiedi di Parigi riservano una sorpresa apparentemente innocua: grandi cerchi blu tracciati con il gesso, e al centro una serie di oggetti stravaganti: un trombone, una pinzetta, un vasetto di yogurt, una candela... I giornalisti indagano per sfamare l'interesse dei lettori e gli psicologi si dividono tra chi grida al maniaco, e chi ipotizza la burla. Adamsberg, però, non trova nulla di divertente nell'escalation dei cerchi: la sua fine psicologia di conoscitore del male gli lascia intuire che dietro l'apparente stramberia si nasconde qualcosa di morboso. E ben presto i fatti gli danno ragione: un'altra alba e un altro cerchio su un marciapiede, ma stavolta, al centro esatto, un corpo di donna. Parte così una corsa contro il tempo per fermare un assassino del quale si ignora letteralmente tutto."

  2. #2
    Summer Member
    Data registrazione
    Feb 2008
    Località
    La Spezia
    Messaggi
    1588
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Quindi è il primo della serie? Nel caso, penso che comincerò proprio da lì! Questa scrittrice francese mi sta incuriosendo molto....

  3. #3
    Summer Member
    Data registrazione
    Feb 2008
    Località
    La Spezia
    Messaggi
    1588
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    aggiudicato...metterò in wishlist!!!

  4. #4
    Amelia Member
    Data registrazione
    Jul 2007
    Località
    Padova
    Messaggi
    285
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Ciao! Sicuramente il primo con Adamsberg... cmq in Italia non credo abbiano pubblicato tutto della Vargas.
    Buona lettura!

    A.

  5. #5
    Harlock member
    Data registrazione
    Jun 2008
    Località
    Udine
    Messaggi
    4
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Sì in effetti non il migliore, ma ne vale comunque la pena... come tutto ciò che ha scritto la Vargas!!!

  6. #6

    Predefinito

    Mi è piaciuto molto, di suo avevo letto solo "CHI è MORTO ALZI LA MANO" prima, quindi non posso confermare che non sia uno dei migliori, ma posso dire che è un noir molto avvincente.


    Adamsberg è un personaggio bizzarro, fuori dagli schemi e con un intuito eccezionale! Non vedo l'ora di ritrovarlo negli altri romanzi! Anche i personaggi secondari di questo romanzo sono particolarmente caratterizzati ed interessanti! mi piace il suo modo di presentarli, rende possibile muoversi a proprio agio nel libro come in un circolo di amici,

  7. #7
    Senior Member
    Data registrazione
    Aug 2008
    Località
    Nella piccola città natale di Guglielmo Marconi
    Messaggi
    237
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    E' il primo che ho letto di questa scrittrice e mi è piaciuto,ma sinceramente ad avermi colpito è stato più il personaggio di Adamsberg,piuttosto che la trama...

    Credo comunque che sia un bel libro,più che consigliabile...

  8. #8
    da sudovest
    Data registrazione
    Oct 2009
    Località
    Terra Lat. 41°54´N; Long. 12°29´E
    Messaggi
    1880
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito Vargas: trilogia Adamsberg

    Appena finita di leggere la trilogia attualmente commercio che ha come protagonista Adamsberg:
    L'uomo dei cerchi azzurri
    L'uomo a rovescio
    Parti in fretta e non tornare

    Credo siano in ordine cronologico dove "L'uomo dei cerchi azzurri" è il romanzo d'esordio.

    Molto belli tutti e tre. Il personaggio di Adamsberg capace di aggredire così a fondo la realtà mentre appare essere altrove la trovo una creazione notevole. Le trame sono avvincenti e solidissime.

    "Parti in fretta e non tornare" è semplicemente strepitoso. Forse perchè in questo caso la Vargas gioca in casa con un argomento di cui è particolarmente esperta. Per quest'ultimo romanzo inoltre suggerisco una lettura (o rilettura) preventiva della Peste di Camus.

    PS ecco, non ho scritto nulla che possa rovinare la lettura con indebite anticipazioni no? Uff.. che difficile la vita...
    Ultima modifica di Zefiro; 01-12-2010 alle 11:39 AM.

  9. #9
    Reef Member
    Data registrazione
    Feb 2009
    Località
    Fondi... ma non troppo
    Messaggi
    4248
    Inserimenti nel blog
    19
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    2
    Thanked in
    2 Posts

    Predefinito

    Le trame e i personaggi di Fred Vargas sono incredibili... ti lasciano a bocca aperta e ti coinvolgono dall'inizio alla fine.
    Grande ed esilarante la coppia commissario Adamsberg, "lo spalatore di nuvole" che risolve i casi camminando per chilometri lungo la Senna, e il suo vice Danglard, l'enciclopedia vivente.

  10. #10
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2008
    Località
    pianura padana
    Messaggi
    6016
    Thanks Thanks Given 
    150
    Thanks Thanks Received 
    230
    Thanked in
    128 Posts

    Predefinito

    In questo romanzo la Vargas presenta Adamsberg e questo mi sta bene, perche' c'ho gia' una cotta per lui tuttavia la storia un po' ne risente, pare quasi passare in secondo piano, il finale poi e' davvero poco plausibile, quando mi tirano in ballo i camuffamenti mi innervosisco
    Ho di molto preferito "Parti in fretta e non tornare"

    ue', de gustibus!

  11. #11
    +Dreamer+ Member
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Padova
    Messaggi
    3704
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Mi è piaciuto tutto di questo romanzo, lo stile, l'ambientazione parigina, il trillo Victor, malasorte, il domani è alle porte e il modo in cui ha tratteggiato i protagonisti, da Adamsberg al razionalista Danglard, dalla Regina Mathilde al cieco bello. L'ho trovato un romanzo delizioso che ho divorato più che letto, bello davvero!

  12. #12
    Senior Member
    Data registrazione
    May 2009
    Località
    la leggendaria terra dei Consulenti
    Messaggi
    1235
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    concordo con Darida...anche io ho una cotta per Adamsberg. Anche se adoro il suo secondo, con la figura pesante e l'abbigliamento impeccabile... amo gli uonmini eleganti. LA bellezza è un dono, l'eleganza è applicazione che porta alla perfezione.

  13. #13
    Scrittore & Vulca-Mod
    Data registrazione
    Oct 2010
    Località
    Sarzana La Spezia
    Messaggi
    4195
    Thanks Thanks Given 
    12
    Thanks Thanks Received 
    5
    Thanked in
    5 Posts

    Predefinito

    questo romanzo mi ha folgorato per 170 pagine, e poi... un finale frettoloso a mettere tutti i tasselli al loro posto, con l'annoso deus ex machina del travestimento (che palle questo espediente narrativo). Sono rimasto rapito dallo stile, semplice, efficace, possente e dalle descrizioni straordinarie della psicologia dei protagonisti (credo di non aver mai letto in vita mia un ritratto migliore della "stranezza" come quello di Matilde) alcuni dei quali assurgono a macchiette involontarie (ho trovato strepitoso Danglard che si consiglia coi suoi 4 gemelli, una delle pagine più esilaranti di letteratura poliziesca che abbia mai letto. Mi ha fatto sorridere la sua per così dire "in vino veritas").
    Tutto ciò per dire che sono rimasto insoddisfatto del plot, ma ammaliato dalla penna di questa francesina dotata di un talento davvero notevole.

  14. #14
    Reef Member
    Data registrazione
    Feb 2009
    Località
    Fondi... ma non troppo
    Messaggi
    4248
    Inserimenti nel blog
    19
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    2
    Thanked in
    2 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da GermanoDalcielo Vedi messaggio
    questo romanzo mi ha folgorato per 170 pagine, e poi... un finale frettoloso a mettere tutti i tasselli al loro posto, con l'annoso deus ex machina del travestimento (che palle questo espediente narrativo). Sono rimasto rapito dallo stile, semplice, efficace, possente e dalle descrizioni straordinarie della psicologia dei protagonisti (credo di non aver mai letto in vita mia un ritratto migliore della "stranezza" come quello di Matilde) alcuni dei quali assurgono a macchiette involontarie (ho trovato strepitoso Danglard che si consiglia coi suoi 4 gemelli, una delle pagine più esilaranti di letteratura poliziesca che abbia mai letto. Mi ha fatto sorridere la sua per così dire "in vino veritas").
    Tutto ciò per dire che sono rimasto insoddisfatto del plot, ma ammaliato dalla penna di questa francesina dotata di un talento davvero notevole.
    Beh, germano, allora continua a leggerla! Questo è uno dei primi, gli altri sono ancora più belli, uno migliore dell'altro, troverai una trama convincente, ne sono sicura!

  15. #15
    Lunatic Mod
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    Sardegna
    Messaggi
    10199
    Thanks Thanks Given 
    379
    Thanks Thanks Received 
    413
    Thanked in
    293 Posts

    Predefinito

    Ritrovo il piacere di leggere una giallista raffinata, di incontrare personaggi originali e perfettamente tratteggiati, di ridere spesso e volentieri tra le pagine, e in modo intelligente.
    Adamsberg è stato una scoperta!
    La trama però non è particolarmente ricca di colpi di scena e nel complesso, della stessa autrice, ho preferito di gran lunga "Chi è morto alzi la mano"

Discussioni simili

  1. Vargas, Fred - Parti in fretta e non tornare
    Da alisa nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 16
    Ultimo messaggio: 08-28-2017, 08:54 AM
  2. Vargas, Fred - L'uomo a rovescio
    Da alisa nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 7
    Ultimo messaggio: 08-24-2017, 12:11 PM
  3. Vargas, Fred - Io sono il tenebroso
    Da alisa nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 6
    Ultimo messaggio: 09-08-2015, 09:08 PM
  4. Vargas, Fred - Sotto i venti di Nettuno
    Da alisa nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 09-11-2014, 10:18 AM
  5. Vargas, Fred - Nei Boschi Eterni
    Da dadax70 nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 05-13-2011, 03:13 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •