Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Vento forte tra Lacedonia e Candela

Mostra risultati da 1 a 6 di 6

Discussione: Arminio, Franco - Vento forte tra Lacedonia e Candela

  1. #1
    aunt member
    Data registrazione
    Jan 2008
    Località
    ROMA
    Messaggi
    2128
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito Arminio, Franco - Vento forte tra Lacedonia e Candela

    Un libro piccolo libro di viaggio……..viaggio non in paesi esotici e affascinanti ma nelle terre dell’Irpinia orientale e in altre comunità simili realizzato e descritto da un “paesologo”. Così si definisce l’autore, Franco Arminio, che adotta questa particolare disciplina per descrivere paesi arresi, con un passato anonimo e un presente inerte a cui ritiene di assegnare la bandiera bianca, una bandiera che simboleggia la totale assenza di particolarità che possano giustificare anche il più piccolo interesse: sono paesi che vengono visitati solo quando succedere qualche disgrazia. E’ un libro che mette in luce la desolazione di questi luoghi privi di qualsiasi forma di “bellezza”: ma proprio l’assenza di bellezza consente all’autore di cogliere dei particolari che nei luoghi delle grandi attrazioni di solito vengono trascurati. La descrizione dei dettagli e delle sfumature è resa con uno stile molto poetico e rende gradevole la lettura di questo singolare, pessimistico ma nel contempo realistico, cammino in alcune zone degradate del nostro paese che non possiamo neanche considerare “dimenticate” in quanto di fatto non sono mai state “conosciute”.

  2. #2
    Senior Member
    Data registrazione
    Oct 2007
    Località
    milano
    Messaggi
    1120
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    cara Elena ho letto anche io questa estate il libro,interessante per molti versi,ci parla di una realtà sconosciuta dei piccoli paesi,soprattutto dell'irpinia,ma non solo,dove il tempo scorre in modo diverso da quello frenetico delle nostre città.

  3. #3
    Sud e magia
    Data registrazione
    Oct 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    2343
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito Arminio, Franco - Vento forte tra Lacedonia e Candela

    "Va di moda assegnare le bandiere ai luoghi. C'è chi assegna la bandiera blu alle migliori località di mare e chi quella arancione ai paesi più belli. La scuola di paesologia potrebbe assegnare la bandiera bianca ai paesi più sperduti e affranti, i paesi della resa, quelli sulla soglia dell'estinzione. Ce ne sono tanti e sono i meno visitati. Non hanno il museo della civiltà contadina, non hanno il negozio che vende i prodotti tipici, non hanno la brochure che illustra le bellezze del posto, non hanno il medico tutti i giorni e la farmacia è aperta solo per qualche ora. Sono i paesi in cui si sente l'assenza di chi se n'è andato e quella di chi non è mai venuto. Non hanno neppure stranezze particolari: gli abitanti non sono tutti parenti tra loro, non hanno processioni coi serpenti, non hanno la festa degli ammogliati, non hanno dato i natali a una famosa cantante o a un politico o a un calciatore. Non hanno neppure particolari arretratezze, hanno l'acqua calda in tutte le case, hanno le macchine e il televisore, tutti hanno di che mangiare e un tetto dove dormire... la bandiera bianca sta a significare che sono paesi arresi, senza additivi, senza mistificazioni, neppure quelle del silenzio e della pace. Nei paesi da bandiera bianca non è che si trova il pane più buono che altrove o l'artigiano che sa fare il cesto di vimini come una volta... si trova il mondo come è adesso, sfinito e senza senso, con l'unica differenza che questa condizione si mostra senza essere mascherata da altro"

  4. #4
    Sud e magia
    Data registrazione
    Oct 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    2343
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    l’emigrante per sua natura
    è un pensatore.

    nel 1901 michele fede partì per gli stati uniti
    con un abito impeccabile che lui stesso aveva cucito.
    nel 1929 florindo fede partì per il brasile
    con un abito impeccabile che lui stesso aveva cucito.
    nel 1947 agostino fede partì per la francia
    con un abito impeccabile che lui stesso aveva cucito.
    nel 1960 salvatore fede partì per la svizzera
    con un abito impeccabile che lui stesso aveva cucito.
    oggi al paese nessuno sa più cucire
    e l’emigrazione dei sarti è finita.


    nel 1901 il mio bisnonno Francesco T. partì per gli Stati Uniti con delle scarpe che lui stesso aveva creato e cucito
    nel 1921 mio nonno Antonio T. partì per gli Stati Uniti con delle scarpe che lui stesso aveva creato e cucito
    nel 1954 mio zio Francesco T. partì per la Germania con un paio di scarpe che lui stesso aveva creato e cucito
    oggi al paese nessuno sa più creare e cucire scarpe.


    nel 1990 mio fratello Antonio T. partì con il solo cervello per studiare al norde e torna a Pasqua e Natale
    L'emigrazione dei calzolai è finita, l'emigrazione dei cervelli continua.

  5. #5
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Udine
    Messaggi
    18926
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    243
    Thanks Thanks Received 
    706
    Thanked in
    434 Posts

    Predefinito

    Che sia interessante non lo nego però l'ho trovato incompiuto, troppo legato alle sensazioni e all'intuizione per farmi credere che quello che vede Arminio possa avere un interesse antropologico, paesologo come lo definisce lui, anche per me che alcuni di questi paesi li visiterò tra non molto. L'esercizio di paesologia di Arminio lo facciamo in molti, perché fa parte della capacità osservativa e critica umana, quindi farci un libro così mi sembra in alcuni passaggi molto autoreferenziale. La prima parte noiosa, le ultime 30 pagine invece danno il senso alla lettura.

  6. #6
    giovaneholden
    Guest

    Predefinito

    Io l'ho trovato un libro interessante coi tipici pregi e difetti della collana Contromano,dove spesso si scoprono spunti poco noti,ma talvolta diluiti in un brodino pleonastico. Rimane comunque la sufficienza come voto finale.

Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. Foer, Jonathan Safran - Molto forte, incredibilmente vicino
    Da Debby nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 28
    Ultimo messaggio: 10-16-2015, 09:47 AM
  2. Castellano, Franco - Attila flagello di Dio
    Da Yobs nel forum Piccola cineteca
    Risposte: 15
    Ultimo messaggio: 09-12-2012, 08:12 PM
  3. Brandreth, Gyles - Oscar Wilde e i delitti a lume di candela
    Da Blueberry nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 11-30-2008, 12:25 PM
  4. Safran Foer, Jonathan - Molto forte, incredibilmente vicino
    Da elisa nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 6
    Ultimo messaggio: 09-15-2008, 10:11 AM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •