Una poesia di NEZAMI DI Ganjé, molto bella, che ho trovato su internet (senza titolo) :

E' fiorita la primavera,
il cipresso ha teso alta la sua snella figura,
e la rosa ha aperto ridente la scatola di canditi,
l'usignolo è venuto,
s'è posato sul ramo,
e ampio s'è fatto il mercato del piacere,
il giardiniere ha profumato le chiome del giardino,
ed un re v'è entrato a rimirarlo,
e visto un calice di vino,
lo ha preso in mano,
ma è caduta una pietra e ha infranto il calice.
O tu che hai saccheggiato tutto quanto possedevo,
solo se avrò te sarò felice;
se anche quando sto con te
mi vergogno di quel che faccio,
l'idea d'esser senza di te
non m'entra nel cuore.