Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

L'uomo di Pietroburgo

Mostra risultati da 1 a 5 di 5

Discussione: Follett, Ken - L'uomo di Pietroburgo

  1. #1

    Predefinito Follett, Ken - L'uomo di Pietroburgo

    Trama
    Una storia nella storia. Tutta la vicenda ha come contesto l'età del primo Novecento e gli anni precedenti alla Prima Guerra Mondiale. Ken Follett è un grande coinvolgitore, e davvero la tensione e la suspence non cala mai in ogni pagina. Ogni personaggio è reso in maniera davvero perfetta, e la storia è quanto mai imprevedibile.
    Il protagonista, "l'uomo di Pietroburgo", è un rivoluzionario, e pur di impedire la guerra e di mettere in crisi il governo russo è pronto ad uccidere chiunque. E' un uomo senza paura, Feliks, che non ha nessuna persona a cui è affezionato... o almeno così sembra. Il conte inglese Lord Walden, persona vicina a Churchill, è alle prese con un principe russo per mantenere l'egemonia britannica in Europa. Eppure egli sembra infischiarsene delle possibili conseguenze: le potenze internazionali già fremono dall'entrare in guerra e certamente vi saranno milioni e milioni di morti. Feliks, allora, comincia il suo inseguimento infinito al principe Orlov, nell'intento di ucciderlo, ed evitare così la guerra; e con questa azione, ribaltare finalmente il governo russso.
    La storia è molto affascinante e alla fine, tutti i discorsi trattati in "parallelo", cioè come eventi apparentemente distinti, verranno poi a fondersi ed intrecciarsi uno nell'altro. Davvero geniale, come un qualsiasi libro rispettabile che non ti fa mai perdere la voglia di continuare.
    La lettura è davvero scorrevole, e come nelle migliori storie, ogni particolare poco sottolineato diventa, poi, quanto mai importante. Non c'è bisogno di fare tanta attenzione al filo del discorso, perchè l'autore è talmente abile a stimolarla che neanche ci si fa caso. Leggere tante pagine senza accorgersene, secondo me, è una delle caratteristiche che distingue un buono scrittore da uno mediocre.
    E dunque, che dire? Se siete appassionati di "romanzi storici", o, meglio, di storie ambientate in un tempo ben definito, e se amate una scrittura facile ma davvero stupefacente, beh, compratevi il libro, perchè vi terrà svegli fino a tarda notte!
    .............................
    Ultima modifica di elisa; 03-20-2010 alle 10:58 AM. Motivo: edit caratteri

  2. #2

    Predefinito

    Secondo libro che ho letto...

    all'inizio l'ho trovato un po' noiosetto (forse perchè abituato al Codice Di Dan Brown) però ho continuatoa leggerlo dicendo "vediamo se migliora"... sono andato avanti con questo motto fino a metà circa, quando le vicende iniziano ad intrecciarsi e finalmente si fa interessante..

    Bello il finale.. da un lato quasi "scontato" anche se il metodo di rendere questo finale "scontato" è abastanza avvincente...
    Ultima modifica di elisa; 03-20-2010 alle 10:59 AM. Motivo: edit caratteri

  3. #3
    b
    Data registrazione
    Sep 2007
    Località
    Padova
    Messaggi
    2172
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    2
    Thanked in
    2 Posts

    Predefinito

    Di tutti i libri di Ken Follett letti (e li ho letti quasi tutti) è quello che mi è piaciuto di meno, anzi non mi è proprio piaciuto...non è riuscito a prendermi come gli altri!

  4. #4

    Predefinito

    Ho già letto diversi libri di Ken Follett. Questo romanzo storico si avvicina molto, nella sua collocazione temporale, all'ultimo capolavoro dell'autore, "la caduta dei giganti". In entrambi i romanzi viene citato il famoso attentato all'arciduca Francesco Giuseppe D'Austria.
    Al di là delle connotazioni storiche, devo dire che la figura di Feliks mi è piaciuta tantissimo così come il suo percorso interiore da uomo senza paura e senza legami a padre vulnerabile. Molto interessanti i profili delle due donne del romanzo: Lydia e Charlotte, rispettivamente amante e figlia dell'anarchico Feliks.

    Mi mancano un centinaio di pagine alla fien del libro, non vedo l'ora di conoscerne il finale, che si prospetta tragico.

  5. #5
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2014
    Località
    Cerro Maggiore
    Messaggi
    187
    Thanks Thanks Given 
    4
    Thanks Thanks Received 
    5
    Thanked in
    4 Posts

    Predefinito Solito avvincente intreccio di sesso e azione

    Come spesso scrivo, detesto le minuziose descrizione degli amplessi sessuali volte solo a se stesse, a solleticare i bassi istinti dei lettori, molto comuni nei romanzi d'azione di questo genere. Eppure Ken Follett è sempre straordinariamente abile a tenere il lettore incollato al libro, col succedersi dei colpi di scena, gli attentati e le fughe.La psicologia dei personaggi è discretamente approfondita, e un merito ancora più grande lo conquista permettendo di rivivere un'epoca così poco conosciuta, e poco celebrata anche dal cinema moderno (anche solo a confronto della Seconda Guerra Mondiale, per esempio) e che invece ha segnato un enorme spartiacque, con la fine della Belle Epoque e l'avvento dei nazionalismi, delle guerre moderne.Il romanzo non ha pretese particolari, eppure secondo me meriterebbe una riflessione constatare come tutti le agitazioni che possono sconvolgere la vita sociale di un paese o addirittura le relazioni tra diverse nazioni, hanno radice nei disagi, nei dolori e nei traumi con cui degli individui, semplicemente "essere umani" portano nel profondo di se, e che talvolta possono influenzare i destini di una comunità.

Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. Vargas, Fred - L'uomo a rovescio
    Da alisa nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 7
    Ultimo messaggio: 08-24-2017, 01:11 PM
  2. Simenon, Georges - L'uomo che guardava passare i treni
    Da RosaT. nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 11
    Ultimo messaggio: 01-02-2017, 05:13 PM
  3. Musso, Guillaume - L'uomo che credeva di non avere più tempo
    Da libraia978 nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 31
    Ultimo messaggio: 10-06-2012, 10:30 PM
  4. Follett, Ken
    Da evelin nel forum Autori
    Risposte: 34
    Ultimo messaggio: 08-21-2011, 12:03 PM
  5. Grossman, David - L'uomo che corre
    Da zaratia nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 10-11-2007, 08:18 AM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •