Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Libera nos a Malo

Mostra risultati da 1 a 8 di 8

Discussione: Meneghello, Luigi - Libera nos a Malo

  1. #1

    Predefinito Meneghello, Luigi - Libera nos a Malo

    Ho letto questo libro poco prima della morte dell'autore. E' un libro romantico, che mi ha fatto vivere l'atmosfera di un paesino veneto del primo dopoguerra...

    Descrizione:

    "Libera nos a malo" è la presentazione della vita e della cultura di Malo, un paese della provincia vicentina, negli anni Venti e Trenta, ricreata, con un misto di nostalgia affettuosa, di distacco ironico, e di rigorosa intelligenza, dall'autore ormai adulto. Attraverso il microcosmo di Malo viene fissata e trasmessa compiutamente al futuro la vicenda di tutta la nostra societÃ*, nel breve periodo in cui passa da una statica e secolare civiltÃ* contadina alle forme più avanzate della modernitÃ*, la vicenda addirittura di tutto il nostro mondo con le fratture che hanno segnato la sua precipitosa evoluzione."

    Lo consiglio anche ai non veneti...

  2. #2
    b
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Roma
    Messaggi
    419
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Il libro è molto ironico e contiene molti spunti interessanti soprattutto per quanto riguarda l'uso del dialetto.

    Purtroppo la narrazione è molto (troppo) frammentata e ciò si ripercuote sulla fluiditÃ* del testo.

  3. #3
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2007
    Località
    Treviso
    Messaggi
    998
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Ne ho letto solo qualche pagina, ma mi è sembrato molto divertente

  4. #4
    Member
    Data registrazione
    Dec 2007
    Località
    Verona
    Messaggi
    59
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Il libro è abbastanza divertente, però secondo me lo si apprezza appieno solo se si capisce il dialetto veneto altrimenti immagino che la lettura diventi difficoltosa se non frustrante.

  5. #5
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2008
    Località
    pianura padana
    Messaggi
    6029
    Thanks Thanks Given 
    154
    Thanks Thanks Received 
    234
    Thanked in
    130 Posts

    Predefinito

    Molto bello, tuttavia concordo anch'io sulla lettura forzatamente frammentaria, a meno di non essere padroni del dialetto, e considerata anche l'intenzione dell'autore di non snaturarlo, a volte per me è stato ostico comprendere a fondo certi passaggi, anzi, credo che qualcosa mi sia proprio sfuggito e me spiase; lo spaccato di provincia è uno dei generi che preferisco, mi rincresce perdere anche la più piccola sfumatura

  6. #6
    Smiling member
    Data registrazione
    Mar 2008
    Località
    milano
    Messaggi
    91
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    letto molto molto a fatica per l'università (corso di letteratura italiana, il mondo di provincia)..secondo me per apprezzarlo andrebbe letto più volte, perchè a tratti è parecchio pesante.

  7. #7
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2007
    Località
    Treviso
    Messaggi
    998
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Finito ieri. Questo libro mi ha lasciato perplesso. Alcuni capitoli sono molto interessanti (specie quelli sulla mentalità popolare secondo me), certi passaggi divertentissimi, qualcuno poetico, ma a che cosa puntasse di preciso Meneghello proprio non l’ho capito.
    L’opera sembra risentire molto dello sperimentalismo in voga negli anni ’60. La narrazione non è ordinata cronologicamente o per temi, ma secondo il flusso memoriale dell’autore, con passaggi anche bruschi da una situazione all’altra, cosa che talvolta appesantisce la lettura. In più Meneghello da’ per scontate molte cose, quasi stesse rivolgendosi esclusivamente ai suoi amici che già ne sono informati: parla delle contrade di Malo come se tutti dovessimo conoscerle e di diversi episodi omette gli antefatti e/o l’indicazione del contesto. Per esempio nella prima scena non dice chi sono i protagonisti (si capisce che sono dei bambini, ma chi di preciso?), dove si trovano esattamente e soprattutto perché sono insieme in quel momento. Ma in questo senso l’elemento più notevole è la lingua. Nelle note Meneghello dice di aver usato l’italiano affinché il libro fosse comprensibile a tutti, ma all’atto pratico adopera un sacco di parole in dialetto senza tradurle, nemmeno nelle note. E non sono parole che si capiscano comunque, a meno che uno non sia proprio di Vicenza e abbastanza vecchio. Da tutto ciò, il romanzo risulta ostico in più punti, e in alcuni del tutto oscuro.
    In più parecchi episodi sono banali o senza mordente, quasi che l’autore si sia abbandonato al piacere di ricordare, perdendo di vista in più di un’occasione l’interesse di chi legge. Più in generale si direbbe che in lui vi sia una certa sprezzatura per il lettore semplice, che abbia voluto piuttosto stare al passo coi tempi facendo una sorta di antiromanzo, con le tecniche del pastiche, del flusso di coscienza, dell’ironia colta, della citazione insistita. Ma la materia e lo stile non mi sembrano sempre all’altezza, per cui il libro è nel complesso un po’ pesante.

  8. #8
    Fantastic Member
    Data registrazione
    Sep 2007
    Località
    Padova
    Messaggi
    1996
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    E' un libro molto bello, ma ho faticato un po' a procedere per due motivi, il primo è l'uso di espressioni dialettali molto specifiche che io pur essendo veneta non ho sempre compreso fino in fondo (e mi dispiace! ), il secondo è che la materia narrativa è molto frammentata, i ricordi del protagonista non seguono un ordine logico ma sono un po' accatastati alla rinfusa. Stupendo il ritratto della società rurale del dopoguerra, scoprire tutti quegli usi e costumi che ora sembrano così superati, quella dimensione collettiva del vivere civile.. Interessante anche il confronto fra la lingua e il dialetto, come quest'ultimo rappresenti la dimensione della quotidianità mentre la lingua adatta solo alle situazioni seriose e formali.
    Abbiate un po' di pazienza, perchè merita! Consiglieto! 4/5

Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. Pirandello, Luigi - Sei personaggi in cerca d'autore
    Da Dorylis nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 13
    Ultimo messaggio: 09-21-2016, 01:16 PM
  2. Pirandello, Luigi - Il fu Mattia Pascal
    Da Poirot nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 69
    Ultimo messaggio: 06-09-2016, 05:57 PM
  3. Garlando, Luigi - Cielo Manca
    Da Yobs nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 11-15-2007, 06:04 PM
  4. plutone 17 - anima libera tra i libri
    Da plutone17 nel forum Presentazioni: ecco dove ti puoi presentare
    Risposte: 20
    Ultimo messaggio: 11-12-2007, 02:21 AM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •