Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

L'assenza dell'assenzio

Mostra risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: Pinketts, Andrea G. - L'assenza dell'assenzio

  1. #1

    Predefinito Pinketts, Andrea G. - L'assenza dell'assenzio

    Trama:

    Lazzaro Santandrea è ancora una volta al centro di una pirotecnica serie di avventure, che lo vedono venire in contatto, successivamente, con tre personaggi di nome Assenzio. Un anziano, un giovane e un bambino. Tutti e tre, nel corso del romanzo, finiscono per sparire in modo misterioso.



    Molto divertente ed avvincente! Anche se è il 5, credo, della serie con Lazzaro Santandrea e non ho letto i precendenti, si comprende lo stesso la storia, seppure vengono nominati personaggi già presenti negli altri romanzi (come Pogo il Dritto, la mamma, la nonna.... e altri ancora)

    In alcune parti si dilunga troppo ma è comunque piacevole! Sono stata contenta soprattutto di constatare che giocare con le parole è proprio nel suo stile!


    Copio la poesia all'inizio del libro:

    L'assenza dell'assenzio
    è l'arrivo del silenzio.
    Ma quando le parole
    si uccidono da sole.

    L'assenza dell'assenzio
    permette al pregiudizio
    di perdere ad un tempo
    il pelo, il lupo, il vizio.

    L'assenza dell'assenzio
    è quando la poesia,
    sfrattata dal buon senso,
    poi deve andare via.

    L'assenza dell'assenzio
    dà crisi d'astinenza,
    la vita non ha senso
    perciò puoi farne senza.

    L'assenza dell'assenzio
    e i giochi sono fatti.
    Mi manchi, io ti penso,
    mia trippa per i gatti.

    L'assenza dell'assenzio
    è quando il topo balla
    e brinda e sgagna i resti
    di bruco e di farfalla.

    L'assenza dell'assenzio
    fa macabra la danza,
    t'illumini d'immenso,
    ma buia è la tua stanza.

    L'assenza dell'assenzio
    è in fondo il funerale
    di ciò che nel frattempo
    diagnostica il tuo male.

    L'assenza dell'assenzio
    non bastano i cazzotti
    per rompere l'assedio
    dei tuoi bicchieri rotti.

    L'assenza dell'assenzio,
    serrande sui bistot,
    e cerchi un grimaldello
    per rompere i non so.


    L'assenza dell'assenzio
    è l'arrivo del silenzio.
    Ultima modifica di zaratia; 02-13-2009 alle 11:52 AM.

  2. #2
    b
    Data registrazione
    Nov 2007
    Località
    Catania
    Messaggi
    2828
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Bellissima!!!
    Spero di leggerlo anch'io.

Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. Camilleri, Andrea
    Da evelin nel forum Autori
    Risposte: 97
    Ultimo messaggio: 08-29-2016, 10:05 PM
  2. Pinketts, Andrea G.
    Da Poirot nel forum Autori
    Risposte: 18
    Ultimo messaggio: 09-28-2011, 05:40 PM
  3. De Carlo, Andrea
    Da Lentina nel forum Autori
    Risposte: 31
    Ultimo messaggio: 12-27-2008, 02:06 PM
  4. Pinketts, Andrea G. - Il dente del pregiudizio
    Da non_so_dove_volare nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 09-17-2008, 06:18 PM
  5. Pinketts, Andrea G. - Il senso della frase
    Da sempreverde nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 10-14-2007, 06:12 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •